Cuscini d’arredo: stoffe e fantasie per ogni stile

I cuscini d’arredo sono una parte importante della casa. Saper scegliere i tessuti migliori e più adatti alle proprie esigenze è importante. Tra quelli più comuni e naturali ci sono il cotone, il lino, la lana, il velluto, la pelle e anche la seta.

5 idee per decorare i cuscini in maniera sostenibile

Cuscini d’arredo: guida ai tessuti

Per una maggiore praticità è sempre meglio optare per tessuti resistenti e facili da lavare. È importante mantenere igiene e pulizia, quindi meglio scegliere cuscini con materiali lavabili.

La scelta del lino

Si tratta di uno dei tessuti naturali per eccellenza utilizzati per rivestire i cuscini. Essendo molto fresco, conferisce un aspetto elegante e vissuto allo stesso tempo. Si può trovare in moltissimi colori, ma nelle sfumature del sabbia, grigio e bianco dà il suo meglio.

Il velluto e i tessuti pregiati

È un rivestimento molto chic e si adatta perfettamente al divano di lusso, con le impunture. I colori migliori sono le tonalità scure, come il blu, il nero, il verde e il bordeaux. Si adatta a tutti gli ambienti, anche a quelli più moderni ed è un piacere da accarezzare. Ha un aspetto un po’ invernale, perciò in estate meglio sostituirlo con fodere di cotone.

Tessuti damascati

Spesso questi tessuti vengono associati a divani fuori moda, ma non è sempre così. I designer li hanno rivalutati perché sono l’ideale per salotti colorati e contemporanei, con colori sgargianti e divertenti, tutti diversi.

Tessuti per cuscini d’arredo sintetici

Dall’ecopelle, alle fibre sintetiche o microfibra, sono molto facili da pulire. Sono pratici e lavabili e in lavatrice in genere non si restringono. Si prestano bene alle stampe e alle fantasie, perciò è possibile trovarne per ogni gusto.

Tessuti per l’estate

Il cotone è il re dei tessuti per cuscini. Viene usato nella maggioranza dei casi perché è facile da lavare, anche se si sporca altrettanto facilmente. Può essere anche candeggiato, anche se è sempre bene seguire le etichette con i consigli e le regole per il lavaggio. In estate in ogni caso, per i cuscini estivi si tende a preferire tessuti freschi come cotone, lino o seta evitando invece i tessuti sintetici e poco traspiranti.

Cuscini d'arredo - ressuti e stili

Cuscini d’arredo stoffe e fantasie per ogni stile – Sutterstock1489916546 di Photographee.eu

Consigli sui cuscini d’arredo

Per i cuscini è possibile scegliere tutto ciò che si vuole, dalle stampe, ai tessuti. L’ideale è osare e mixare: una volta stabilita una palette colori, la cosa migliore è lasciarsi ispirare dai tessuti. Non dimenticarsi della qualità. L’ideale è che i cuscini scelti sianoinoltre formaldeide free.

Per quanto riguarda la scelta dei colori, è necessaria una progettualità che si adegui alla palette della casa e magari anche in seguito alla creazione di una moodboard ispirazionale. Puntare sempre alla qualità del tessuto, delle rifiniture e alla praticità per la pulizia periodica.

Tenere sempre conto del colore delle pareti e degli accessori circostanti e soprattutto della tinta e del tessuto dei divani.

Fantasie e ricami

Anche la fantasia può fare la differenza. Dai tessuti floreali a quelli geometrici, ogni casa troverà il suo arredo ideale attraverso una fantasia che più si adatta alle proprie esigenze. Nell’interior design si tende anche a optare per ricami di lusso che abbelliscono il soggiorno con stile. Si tratta di decorazioni fatte con strass, perline e paillettes o addirittura con piccoli metalli che donano luminosità agli accessori.

Pillole di Interior Design: arredare casa con i cuscini

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • In Italia, il 56% delle persone usa internet per arredare casa e giardino e, soprattutto il settore dell’home living è cresciuto del 48% rispetto al 2015, con un valore complessivo di circa 650 milioni di euro.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Sono laureata in giornalismo e lavoro come redattrice, traduttrice e copywriter. Mi piace parlare di tutto con approccio scientifico, soprattutto di enogastronomia. Scrivo di moda e la creo (sono anche ricamatrice e modellista sartoriale).