Come inserire una piscina sul terrazzo

Per inserire una piscina sul terrazzo questo è il periodo ideale: vediamo come fare a regalarci una vacanza rilassante stando a casa.

Godere di una piscina sul terrazzo: social trend

Un trend in crescita tra i social influencer è quello di mostrare la propria piscina sul terrazzo in vista dell’estate 2020. Una moda diffusa soprattutto tra chi vive in un contesto urbano e metropolitano che, quindi, non possiede un giardino o una grande superficie all’esterno. Tra le web star più seguite su Instagram c’è Diletta Leotta che si mostra rilassata sulla terrazza di casa; di altro calibro sono le stories di Mauro Icardi che festeggia la Champions nella piscina del suo mega attico milanese.

La progettazione di una piscina sul terrazzo

Innanzitutto, per la progettazione della piscina sul terrazzo è opportuno farsi guidare da un progettista abilitato ed esperto, che possa intervenire sulla struttura della casa nel modo corretto. Se abbiamo a disposizione un appartamento che già abitiamo e vogliamo dare un valore aggiunto all’immobile con la piscina in terrazzo, è consigliato realizzarne una di dimensioni contenute rispetto alla superficie che abbiamo a disposizione e alla struttura portante dell’edificio.

Come inserire una piscina sul terrazzo

Credits: shutterstock – Valeriia Malinkina

La casa come una spa all’aperto con la piscina sul terrazzo

La mini-piscina e l’idromassaggio rappresentano oggi la soluzione migliore, perchè hanno un’altezza complessiva molto contenuta che varia dagli 85 ai 120 cm. Questo ci permette di mantenere la privacy e stare lontano dagli occhi indiscreti dei vicini, magari sfruttando come quinta la ringhiera o il muretto del tuo terrazzo. In alternativa, basta realizzare una schermatura con delle piante, come il viburnum che ha una crescita abbastanza veloce.

Come scegliere una piscina piccola da giardino

Come realizzare la piscina sul terrazzo: il peso massimo

Prima di tutto dobbiamo conoscere il peso massimo consentito nel nostro terrazzo. Sono dati che vengono resi noti in fase di progettazione e realizzazione dell’immobile. Possiamo informarci direttamente col nostro costruttore o con il progettista. Generalmente si rientra nei 400 kg/mc. Questo è il valore utilizzato nelle costruzioni di appartamenti, salvo specifica richiesta preventiva.

Come inserire una piscina sul terrazzo

Credits: shutterstock – Jsnow my wolrd

Scegliere il modello giusto per la piscina sul terrazzo

Per la scelta del modello adeguato alle nostre esigenze, dovremo recarci in uno dei negozi specializzati in vendita e montaggio piscine da terrazzo e scegliere il modello più adatto. Indispensabile per la scelta non solo il gusto personale, ma anche le misure di massima in modo da valutare solo quelle che possiamo effettivamente installare. Verificato il peso e contattato il fornitore, occorre valutare il livello del nostro terrazzo. Anche se i lavori sono stati eseguiti dalla migliore impresa di zona, spesso i livelli non sono molto precisi. Per verificare che la superficie del terrazzo sia in piano, possiamo utilizzare la livella e farlo in modo immediato.

I consumi elettrici della piscina sul terrazzo

La piscina da terrazzo si alimenta con l’elettricità e consuma come un normale elettrodomestico. Dobbiamo, infatti, verificare che ci sia nelle vicinanze una presa di corrente. Se ne siamo sprovvisti, dovremo affidarci ad un elettricista di fiducia e far realizzare una nuova presa a muro per esterni. I più fortunati che hanno un terrazzo a piano terra, posso decidere di interrare la piscina. In alternativa, chi vive in un appartamento ad un piano superiore, possiamo poggiarla a pavimento senza ulteriori problemi.

Consigli su come costruire una piscina fai da te interrata o fuori terra

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Per costruire una piscina è importante non dimenticare di calcolare sia la struttura che il peso dell’acqua: in genere un 1 metro cubo di acqua pesa 1000 chili.
  • Molte piscine posseggono effetti speciali per gli ospiti: ci sono dei piccoli camminamenti dove si ha percezione di camminare sull’acqua. Come abbiamo già visto, i materiali da selezionare devono essere necessariamente anti-scivolo e, se creano una continuità con il resto della pavimentazione, ci sembrerà di essere sospesi sull’acqua.
  • Se non siamo sicuri di voler modificare gli ambienti della casa in maniera definitiva e indelebile, possiamo optare per piscine mignon che si montano ad hoc. Non parliamo certo di piscine gonfiabili, ma di piccoli box che possono essere smontati nei mesi in cui non vengono utilizzati.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Esperta in architettura e comunicazione. Consulente digitale e Instagram Strategist.