Quanti sono gli italiani a New York?

Quanti sono gli italiani a New York? La metropoli è una delle mete favorite da molti italiani. Gli italiani a New York appartengono a qualsiasi categoria, ci sono camerieri, imprenditori, ricercatori, creativi, professionisti, impiegati e anche chi raggiunge questa città per fare poco o nulla.

Gli italiani a New York

Secondo i documenti del Ministero degli Affari Esteri il censimento del 2000 negli Stati Uniti stimava poco meno di mezzo milione di Italiani residenti in America e nati in Italia. Tuttavia, le fonti italiane presentano dati molto più contenuti. Gli italiani che all’inizio del 2002 risiedevano negli Stati Uniti secondo i dati dell’AIRE erano 214.530, il 7,5% del totale degli italiani all’estero. Sempre nello stesso periodo gli iscritti alle Anagrafi Consolari in territorio statunitense erano 213.624. Infatti, nel prossimo censimento degli Stati Uniti, previsto per il 2020, verrà chiesto a tutti i gruppi etnici bianche anche la loro nazione d’origine. I ricercatori del Census Bureau affermano infatti che sono necessari dati più specifici e disaggregati per le differenti esperienze americane che possono essere tedesche, italiane, irlandesi, coreane, messicane, le più variegate insomma.

quanti italiani a new york

Quanti sono gli italiani a New York? – shutterstock foto Di Songquan Deng

La discendenza degli italiani a New York

Il 73% dei 214 mila italiani residenti negli Stati Uniti è originario delle regioni Meridionali. Invece solo il 17% è espatriato dalle regioni settentrionali ed il 10% di quelle centrali. La Sicilia con 52.938 presenze è la regione con il maggior numero di emigrati nel paese nord americano, infatti rappresenta il 25% del totale. Anche la Campania, con il 18,5%, vanta una comunità numerosa, seguita da Calabria con il 9,8% e Puglia con l’8,5%. Mentre al quinto posto c’è il Lazio con il 6%. Un quadro più completo della popolazione italiana negli USA emerge prendendo in considerazione, oltre al numero di persone di nascita italiana, quello dei discendenti. Il censimento fatto nel 2000 riporta quasi 16 milioni di risposte registrate da parte di persone che dichiarano una ascendenza italiana.

Se ogni città rappresentasse uno stile, New York quale sarebbe?

Cosa fanno gli italiani a New York

Nella fascia d’età dai 25 anni in su, la percentuale di quanti hanno un titolo di scuola superiore raggiunge l’83,6%, mentre il 25,9% ha un titolo universitario o postuniversitario. La popolazione attiva sul mercato del lavoro è occupata prevalentemente nei settori della libera professione e management, nel settore impiegatizio e in quello della vendita e dei servizi.

Quanto costa vivere a New York

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo. E tu?

  • Gli italiani che vivono a New York grazie a New York Italians possono sentirsi più vicini di quanto non credano. Questo grazie a un’organizzazione creata da Pasquale Maio che in poco tempo è riuscita a raggruppare ben 16.000 membri, tra italiani, italo-americani, americani, o semplicemente appassionati di cultura italiana; insomma, un punto di riferimento per chiunque abbia un legame con l’Italia.
  • Uno degli indicatori per circoscrivere la consistenza della “popolazione italiana” è quello relativo alla lingua usata in casa. Secondo i dati dell’ultimo censimento oltre 1 milione di persone parla l’italiano in casa, che di conseguenza si colloca come la sesta lingua più parlata negli USA.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.