I migliori giardini urbani del mondo

In estate non c’è niente di meglio che godere delle ore all’aperto immersi nella natura anche se ci troviamo in città. Ecco i migliori giardini urbani del mondo da visitare.

Le grandi città e gli spazi verdi

Le grandi città non sono solo smog, caos e traffico: anzi, sono moltissime le grandi capitali che annoverano entro i propri confini amministrativi o periferici splendi parchi urbani, luogo ideale in cui sia cittadini che turisti trovano ristoro e relax spesso all’ombra di grandi alberi o sulla riva di zone d’acqua come piccoli laghi o ruscelli. Molti di questi parchi si sono sviluppati attorno ad antiche dimore e palazzi reali, ma non solo! Vediamo insieme alcuni dei migliori giardini urbani del mondo:

  • Gardens by the Bay – Singapore
  • Giardini pensili del Park Royal Hotel – Singapore
  • Acros Building– Fukuoka
  • Vancouver Library Square – Vancouver
  • High Line Park – New York
  • California Academy of Sciences – San Francisco
  • Giardino del Municipio – Chicago
  • Namba Park di Osaka – Giappone

Gardens by the Bay – Singapore

Gardens by the Bay è il complesso di giardini a Singapore costruito sulla Marina della città. Il parco include due enormi serre bioclimatiche e una foresta di alberi artificiali Supertrees Grove, spettacolari di notte, che sono ricoperti di piante e fiori. L’area dei Supertree è, quindi, costituita da un giardino con alberi giganti di acciaio, ma dal cuore green. Gli alberi, alti dai 25 ai 50 metri, sono realizzati con materiali ecosostenibili. Su questi alberi posa una chioma composta da pannelli fotovoltaici e serbatoi di raccoglimento dell’acqua piovana.

I migliori giardini urbani del mondo

Credits: shutterstock_S-F

Giardini pensili del Park Royal Hotel – Singapore

Se avete intenzione di fare un viaggio a Singapore non potete non andare a vedere il Parkroyal di Pickering. Consigliare la visita ad un hotel so che può lasciare interdetti, ma il Parkroyal non è come gli altri dato che è una struttura alberghiera decisamente “green”. La caratteristica principale di questo albergo è il quantitativo di piante e alberi presenti: enormi giardini circondano non solo gli spazi interni, ma sono stati posti anche tra alcuni piani. Il concetto di edificio/giardino risponde perfettamente alla complessità architettonica della città: è una meraviglia botanica composta da un intreccio di sistemi naturali che incontrano la tecnologia più evoluta. Le colossali vetrate, che spaziano sui laghetti artificiali e su questi odierni giardini pensili, permettono di ammirare il paesaggio comodamente seduti su ampie poltrone, regalando così ai fortunati avventori un momento di autentico relax.

Parchi urbani: dove e quali sono i più belli d’Italia

Acros Building – Fukuoka

Acros Building è stato inaugurato come centro culturale internazionale nel 1995. Questo edificio è una delle prime costruzioni moderne in architettura ecologica a Fukuoka. Se lo osserviamo dal lato che sporge sulla strada commerciale più importante della città, non sembra essere particolarmente originale, a causa delle sue tradizionali pareti di vetro. La grande sorpresa arriva quando lo si guarda dall’altro lato! L’edificio si trasforma in un enorme giardino pensile valorizzato da circa 35.000 piante dislocate sui vari piani e costituito da terrazze panoramiche rivolte verso il parco interno. Si classifica a pieni voti tra i migliori giardini urbani del mondo!

Vancouver Library Square – Vancouver

Il Centro Congressi Library Square è situato in una posizione strategica nel centro di Vancouver. Offre un ampio spazio (più di 12.000 metri quadrati) per l’organizzazione di eventi, anche di grandi dimensioni, come meeting, conferenze pubbliche o ricevimenti di gala. La sua particolarità è il tetto-giardino, dove gli architetti hanno ricreato con piante indigene il paesaggio del fiume Fraser.

High Line Park – New York

La High Line è una delle passeggiate più belle di New York. Si tratta di un parco lungo 2,3 chilometri costruito al posto della West Side Line, una linea ferroviaria sopraelevata in disuso. Il percorso si snoda da Gansevoort Street nel Meatpacking District, attraverso il quartiere di Chelsea, per terminare poi nel West Village, all’altezza della 34th Street, vicino al Javits Convention Center e dove oggi è stata inaugurata Hudson Yards, il nuovo villaggio commercial-residenziale che si candida a diventare una attrazione imperdibile per i turisti a New York.

I migliori giardini urbani del mondo

Credits: shutterstock_Francois Roux

California Academy of Sciences – San Francisco

Tra i migliori giardini del mondo arriviamo a San Francisco con la California Academy of Sciences. Ricoperto da graminacee e progettato dall’architetto italiano Renzo Piano, l’imponente tetto verde di 50mila metri quadrati del museo di scienze naturali di San Francisco ha la funzione di isolare termicamente la struttura interna. Inoltre, “cattura” l’acqua piovana ed è circondato da 55 mila celle fotovaltaiche, tra le più efficienti del mercato.

I parchi urbani da visitare in Italia

Giardino del Municipio – Chicago

Questo giardino pensile è realizzato nel cuore di Chicago ed è costituito per lo più da piante della prateria originarie della zona. Come la maggior parte dei tetti verdi, è multifunzionale. Oltre a trattenere l’acqua piovana, favorisce il risparmio energetico della struttura, riducendone i costi di riscaldamento e raffreddamento.

Namba Park di Osaka – Giappone

Con il termine Namba Parks si indica un complesso edilizio progettato dall’architetto americano Jon Jerde, allo scopo di creare un ambiente naturale artificiale che facesse da contraltare al cemento urbano. A Namba Parks si trova un anfiteatro per concerti, un centro commerciale (dal 2° al 5° piano) e una zona dedicata alla ristorazione, con ristoranti giapponesi ed internazionali (al 6° piano).
Sul tetto si trova un giardino che scende via via accompagnando la struttura nella sua altezza e la cui funzione principale è quella di far dimenticare ai visitatori di essere nel bel mezzo di una città. Oltre a fornire una componente verde assai visibile in una città dove il verde scarseggia, il parco degradante si collega alla strada, facilitando l’ingresso ai passanti, che possono così accedervi e godere del fresco dei suoi alberi, rocce, prati, ruscelli, cascate, stagni e terrazze all’aperto. Sotto al parco, una specie di “canyon” disegna un percorso che comprende negozi e ristoranti.

I Parchi Nazionali più belli d’Italia

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Central Park è il parco urbano più grande di New York e uno dei più importanti del mondo. 340 ettari al centro di Manhattan, dove sono presenti giardini, laghi artificiali, cascate e il famosissimo Zoo del Central Park.
  • Il Park Güell di Barcellona è patrimonio mondiale dell’UNESCOe d è stato progettato da Antoni Gaudí.
  • All’interno di Villa Ada a Roma si trova un bunker antiaereo, fatto costruire da Mussolini allo scopo di proteggere la famiglia reale durante la Seconda guerra mondiale.
  • Il Parco della Favorita a Palermo possiede un nome alquanto curioso per la tradizione siciliana. Infatti, “Favorita” per i palermitani è sinonimo di malaffare, o meglio di “donnine di malaffare”, che lascia intendere un uso singolare del luogo, nato però come reale tenuta di caccia.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Esperta in architettura e comunicazione. Consulente digitale e Instagram Strategist.