I piccoli di casa e la genitorialità: come la nostra mente vive la scoperta e la gravidanza

Come il corpo della donna muta con l’arrivo di un figlio, così cambia la mente che vive la scoperta e la gravidanza.

Psicologia: la scoperta e la gravidanza

La notizia di una gravidanza porta la donna a modificare, oltre che il suo corpo, anche la sua mente. La scoperta e la gravidanza, infatti, si rivelano un momento particolarmente delicato per le future mamme ed i futuri papà. La mente naviga tra desideri, fantasie e previsioni di ogni tipo, rendendo ogni storia unica. Secondo la psicoanalista Dinora Pines, la donna in questo momento della sua vita tende a ridefinire la propria identità femminile. Infatti, quest’ultima diventa molto più complessa, portando il soggetto ad identificarsi come donna, compagna, figlia e madre. Infine, dal momento in cui la futura mamma scopre che una vita vive all’interno del proprio ventre e per tutti i mesi successivi, essa vive un importante processo interiore. Qui riaffiorano i conflitti dell’infanzia, che in questi momenti possono risolversi, avviene l’identificazione in maniera inconscia con la propria madre e si vanno a rielaborare esperienze.

Genitori in difficoltà: come gestire al meglio la convivenza con i figli

Gravidanza: la consapevolezza

In questo delicato momento inizia un percorso che punta al raggiungimento di alcune consapevolezze. Infatti, qui la futura madre si rende conto che la sua vita non sarà più la stessa: dovrà rispondere a tutte le necessità del proprio bambino, potrà godere di meno sonno e tempo libero e dovrà trasformarsi in una figura completamente nuova. Le reazioni a tutto questo possono essere svariate, c’è chi vive il momento con gioia ed entusiasmo, e chi, invece, teme di non farcela o di non possedere le competenze necessarie. Ogni storia, quindi, è differente ma è sicuramente ricca di emozioni, scoperte e cambiamenti che stravolgeranno per sempre la vita di quella donna in attesa.

la scoperta e la gravidanza- psicologia

I piccoli di casa e la genitorialità: come la nostra mente vive la scoperta e la gravidanza
shutterstock Di MakeStory Studio

Vivere l’esperienza all’interno della coppia

Come spiegato, le storie che riguardano la scoperta e la gravidanza sono uniche, tutte differenti, e variano in base alla storia ed alla personalità dei futuri genitori. All’interno della coppia in questo delicato momento avvengono alcuni cambiamenti. Per iniziare, dal momento della scoperta, vi è una transizione, in cui si passa dall’essere una coppia all’ingresso nella genitorialità. Qui vi è un distanziamento da quella che è la famiglia originaria, iniziando a percepire le relazioni familiari in maniera differente ed entrando in un ruolo tutto nuovo. Poi, la coppia inizia a “fare spazio” al bambino, non solo a livello fisico, preparando il necessario, ma anche a livello mentale. Infatti, durante la gravidanza i futuri genitori iniziano a fantasticare, immaginando perfino l’aspetto del piccolo. Grazie a tutto questo essi hanno la possibilità di riflettere sulla nuova esperienza, elaborando ciò che accadrà. Infine, il periodo di gravidanza può essere osservato in base ai trimestri. Nel primo, i futuri genitori rivivono le loro esperienze come figli, provando determinate emozioni. All’interno del secondo la madre inizia ad interagire, stabilendo una relazione affettiva con l’essere che vive dentro di sé. Nel terzo si comprende l’individualità del bambino, sviluppando una prima forma di attaccamento.

Le regole di casa per una serena convivenza delle famiglie con bambini

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo. E tu?

  • Dopo il parto circa l’85% delle donne manifesta disturbi dell’umore.
  • Il 15 – 20% delle donne, dopo il parto, sviluppa importanti sintomi legati ad ansia e depressione.
  • Le donne che non desiderano dei figli e non contemplano questi ultimi all’interno del loro progetto di vita sono prevalentemente laureate.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Scienze dell'Educazione e della Formazione