I benefici della cannella: tutto quello che c’è da sapere

Quando vogliamo depurare il nostro corpo o per migliorare la circolazione sanguigna, dobbiamo ricordarci di un fedele alleato: vediamo tutti i benefici della cannella.

La cannella e le sue origini

La cannella o cinnamomo è un albero sempreverde della famiglia delle Lauracee, originario dello Sri Lanka, dal quale si ricava l’omonima spezia diffusa in Europa quanto in Asia. Vengono chiamate ugualmente cannella piante diverse. Le due più frequentemente usate come spezie sono Cinnamomum verum e Cinnamomum cassia.

Le proprietà afrodisiache della cannella

Tra i benefici della cannella, dobbiamo annoverare che è riconosciuta come una spezia dalle proprietà afrodisiache, non solo in cucina, ma anche come rimedio naturale contro raffreddore, fame nervosa e dolori mestruali. La cannella è una spezia disponibile sia in forma polverizzata che in piccoli cilindri di corteccia essiccati (chiamati cannelli). Riconoscere la cassia dalla cannella di Ceylon (Sri Lanka) è possibile perché la prima è molto meno aromatica e si presenta con un aspetto più rugoso e rossastro. Altro indizio di pregevolezza è lo spessore dei cannelli: tanto più sono sottili tanto più è di qualità.

I benefici della cannella: tutto quello che c’è da sapere

Credits: shutterstock_Yulia Furman

I benefici della cannella

Le proprietà terapeutiche della cannella sono molte e conosciute già nell’Antico Egitto e dai Romani:

  • È un potente antiossidante naturale
  • stimola la circolazione sanguigna
  • contribuisce a combattere il colesterolo.
  • Ha proprietà antibatteriche (sfruttate nell’Antico Egitto per l’imbalsamazione dei defunti), antisettichestimolanti e digestive.
  • Secondo recenti studi sembrerebbe utile per chi è affetto da diabete di tipo 2 per la presenza di un particolare polifenolo che avrebbe un’azione simile a quella dell’insulina.
  • La cannella stimola il sistema immunitario e risulta essere un buon rimedio naturale contro raffreddore, influenza, diarrea, flatulenza e dispepsia per l’azione antimicrobica e astringente.
  • Nella medicina Ayurvedica e nella medicina tradizionale cinese viene utilizzata per disturbi legati al freddo(poiché ha un effetto riscaldante)
  • Viene utilizzata anche contro i dolori mestruali.
  • La cannella sembra combattere la fame nervosa, è quindi un perfetto condimento per chi segue diete dimagranti.
  • La cannella gode anche di proprietà antiossidanti:aiuta così a ridurre i danni dell’invecchiamento e ti protegge dall’attività dei radicali liberi. Questa spezia può fare infatti miracoli per la pelle, grazie soprattutto alle sue proprietà antibatteriche e antimicrobiche. È ad esempio un aiuto valido aiuto per chi soffre di acne.

Calorie e valori nutrizionali: i benefici della cannella

Calorie e valori nutrizionali della cannella per 100 g, abbiamo 247 kcal, e:

  • Proteine 3,99 g
  • Carboidrati 80,59 g
  • zuccheri 2,17 g
  • Grassi 1,24 g
  • Fibra alimentare 53,1 g
  • Sodio 10 mg
I benefici della cannella: tutto quello che c’è da sapere

Credits: shutterstock_Africa Studio

I benefici della cannella in cucina

Il sapore di questa spezia è molto particolare: si presenta, infatti, piccante e dolce allo stesso tempo. Oggi la cannella viene usata per preparazioni prevalentemente dolci: torte, biscotti, frutta, caramelle e creme. Può dare inoltre un tocco particolare a gelato, macedonia di frutta e ricotta. Anche molte bevande sono caratterizzate dall’aroma speziato della cannella, ad esempio vin brulé, sangria, liquori e punch. Mentre, invece, nelle ricette salate la cannella trova una sua dimensione come insaporitore di brodo di pesce o carne, nel risotto e nei piatti agrodolci. Soprattutto nella cucina orientale è facile trovare una nota di cannella nei piatti di carne o nelle salse salate, anche perché è una delle spezie utilizzate per il curry.

Smoothies: un arcobaleno di benessere in primavera

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • La cannella è una fonte di olio essenziale costituito per lo più da aldeide cinnaminica, contiene tannini (sostanze antiossidanti) e cumarina, una sostanza moderatamente tossica per reni e fegato.
  • Già nell’antica Roma la cannella era presentata come una spezia afrodisiaca ma fu nel Cinquecento che l’effetto stimolante a livello sessuale di questa droga fu sancito da diversi trattati medici.
  • I bastoncini di cannella sono da preferire alla polvere laddove la preparazione del piatto lo consente poiché mantengono più a lungo l’aroma. Ad esempio, in creme e salse possono essere immersi nel liquido durante la cottura e tolti alla fine.
  • Nell’Ottocento la cannella era talmente diffusa che quando nei libri di cucina si parlava di “un pizzico di spezie o di droghe”, si intendevano 4 spezie precise e la cannella era tra queste, assieme ai chiodi di garofano, al pepe e alla noce moscata.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Esperta in architettura e comunicazione. Consulente digitale e Instagram Strategist.