Dove smaltire le vernici utilizzate senza inquinare?

Se avete tinteggiato da poco le pareti di casa, e avete ancora i secchi di pittura vi sarete chiesti dove poter smaltire le vernici utilizzate senza inquinare. Le pitture e le vernici liquide vengono considerate rifiuti speciali e pericolosi, per questo vanno eliminate in modo adeguato. Ecco tutto quello che c’è da sapere per rispettare l’ambiente!

Quando smaltire vernici e pitture

A tutti è capitato almeno una volta nella vita di dipingere la casa. Le case sono sempre più colorate, anche delle tinte più sgargianti, infatti oggi ci sono tantissime possibilità tra le quali scegliere. Se avete provveduto da poco alla tinteggiatura o alla verniciatura di mobili e non sapete che fare con i secchi di pittura semivuoti e i barattoli di vernice, prima di ogni cosa dovete sapere che pitture e vernici possono essere conservate a lungo e riutilizzate quando necessario. Infatti, gran parte delle vernici si conservano fino a due anni, sempre se tenute in un contenitore ben chiuso. Tuttavia, è abbastanza facile riconoscere una pittura deteriorata. Questa emana, al momento dell’apertura, un cattivo odore, sgradevole e molto pungente.

Raccolta differenziata: gli italiani sono scettici

Come smaltire le vernici senza inquinare

Quando una vernice non è più utilizzabile, o perché si è deteriorata o seccata con il tempo, ci si ritrova ad affrontare il problema di dove smaltirla senza inquinare. Di solito questi rifiuti vengono gettati via nei comuni cassonetti della spazzatura oppure per strada. Tuttavia, con questa azione sconsiderata si inquina l’ambiente e si danneggia la salute di tutti. Infatti, pitture e vernici, contengono solventi nocivi. Per questo non vanno eliminate né nella natura, né nei rifiuti domestici, né nello scarico. Ciò per evitare che gli additivi nocivi possano raggiungere le acque reflue e l’acqua potabile. Per di più, oltre all’enorme inquinamento ambientale, si rischia di intasare il tubo di scarico.

Dove smaltire le vernici utilizzate senza inquinare

Dove smaltire le vernici utilizzate senza inquinare – Unsplah foto di Daniel Chekalov

3 possibilità per smaltire le vernici in modo adeguato

Per evitare tutto questo occorre smaltire correttamente le vernici. Le idropitture, i colori, i trattamenti per il ferro, il trattamento per il legno, gli antiruggine, gli smalti e i primer devono essere portati in centri di raccolta specializzati. I rifiuti speciali come pitture e vernici vanno sempre smaltiti in modo accurato, ciò può avvenire presso imprese di smaltimento private, ma il servizio non è proprio conveniente. Però lo smaltimento può avvenire anche gratuitamente. Ecco 3 possibilità per smaltire le vernici in modo adeguato:

  • Portare le vernici usate presso un centro di raccolta.
  • Affidare i rifiuti al negozio dove sono state acquistate le vernici, che provvede a trasportarle al centro si raccolta.
  • Affidare i rifiuti ad una ditta specializzata nello smaltimento e nel trasporto.

Riciclo creativo: tante idee per un facile riutilizzo

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Le vernici a base solvente sono prodotti chimici infiammabili e rientrano nello smaltimento dei rifiuti pericolosi. Ciò è indicato dall’asterisco presente alla fine dei codici cer sui barattoli.
  • Le vernici ad acqua possono essere smaltite in autonomia. Potete fare asciugare la vernice con l’aiuto di un agente indurente che solidifica velocemente il residuo di vernice, oppure versarla in una lettiera, mischiandola a segatura o gesso in modo da farla assorbire. Una volta che si è indurita, la vernice può essere gettata nell’indifferenziata.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Scritto da

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.