Quanti Bed and Breakfast ci sono in Italia nel 2021?

Si stima che in Italia ci sono 30.000 Bed and Breakfast, di  cui il 70% non imprenditoriali e il restante 30% imprenditoriale.

Un mercato che dà lavoro a circa 45.000 abitanti.

Più della metà dei Bed and Breakfast (dall’inglese Letto e Colazione) si trova al Nord (50,9%); gli altri si distribuiscono nel Centro Italia per il 27,1%, mentre quelli di Sud e Isole sono il 22%.

Quanti sono i Bed and Breakfast in Italia nel 2021?

Cos’è un Bed and Breakfast

Innanzitutto facciamo chiarezza sulla definizione di Bed and Breakfast. Si tratta di piccole strutture ricettive qualificate.
Si attrezzano a questo scopo generalmente abitazioni private, dove i proprietari mettono a disposizione dei clienti alcune stanze dell’appartamento o della struttura abitativa. I B&B consistono, soprattutto, in una fonte alternativa di guadagno per le famiglie che decidono di integrare il loro reddito mediante l’avvio di quest’attività, grazie all’utilizzo di parte della loro abitazione o sfruttando proprietà di altri immobili per offrire ospitalità.

Scambio casa: quali siti utilizzare?

Sono, dunque, strutture che mettono a disposizione del turista, oltre alle camere, l’utilizzo del bagno, privato o in comune con la famiglia, l’occorrente per il pernottamento, la pulizia della camera e dei locali e la colazione, che talvolta valorizza anche i prodotti della terra.

Il mercato dei Bed and Breakfast in Italia

Il numero medio di pernottamenti venduti da un B&B in un anno è di circa 350, per un numero complessivo di 10,5 milioni.

Il costo medio di un pernottamento è di 33 Euro (costo che paga una persona per dormire una notte).

Il volume d’affari totale annuo dei B&B Italiani si attesta su circa 350 milioni di Euro, per una media per struttura di circa 11.600 Euro.

Il costo medio di una camera è di 66 Euro.

I gestori dei Bed and Breakfast? Sono le donne!

I Bed and Breakfast In Italia sono gestiti prevalentemente da donne: ben il 65,2%; l’età media dei gestori è di 53 anni, e aumenta nel tempo.

Il 45% cura solo il proprio B&B e non ha altri lavori. I restanti sono principalmente pensionati, professionisti e impiegati.

Il 42,6% parla una lingua straniera, il 34% ne parla 2 e il 13,5% ne parla più di due.

Il 44,5% non lamenta alcuna criticità economica, mentre il 47,4% ne lamenta alcune, in calo di circa 5 punti rispetto al 2016 e di 10 punti rispetto al 2014. Il 3,7% si dichiara agiato; solo il 4,5% dichiara di avere forti criticità economiche, circa la metà della percentuale del 2016. Possiamo dire che rispetto al passato la situazione economica generale dei B&B Italiani migliora nettamente.

Chi apre un B&B lo fa per incrementare le entrate familiari (46%) o per sfruttare uno spazio inutilizzato (43,7%). Il 37,7% lo fa per il piacere dell’accoglienza.

Quanti Bed and Breakfast accettano animali da compagnia?

Il 62% dei B&B in Italia accetta Habitanti Viaggiatori con animali al seguito.

Il 41,6% delle famiglie che gestiscono un B&B ha un animale domestico.

Se stai pensando di aprire un’attività di Bed and Breakfast, leggi questo articolo:

Progettare un bed and breakfast: cosa sapere prima di aprirne uno

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • La Colazione è quasi sempre inclusa nel prezzo (90,3%) ed è offerta nel 61% dei casi sia con prodotti freschi che confezionati. I Gestori, nella quasi totalità dei casi cercano di venire incontro alle esigenze alimentari degli ospiti.
  • Mediamente un B&B Italiano ha un massimo di 3 camere.
  • Si tratta di un’abitazione indipendente nel 30,6% dei casi, di un appartamento nel 26,9% dei casi; è una villa nel 19,2% o una casa in campagna nel 18,9% dei casi.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by