Come vivere di rendita: ecco cosa sapere

Vivere di rendita può essere un sogno. Molte volte sarebbe bello non dover lavorare per forza, ma solo per il piacere di farlo e potersi comunque mantenere conducendo una vita agevole. È davvero possibile?

Risparmiare a casa: tre utili trucchi della nonna

Capire come vivere di rendita

Per vivere senza aver bisogno di lavorare serve avere una rendita passiva. Significa un’entrata continua e automatica che arriva senza dover fare alcuna attività. Ecco alcuni esempi che creano un flusso di soldi:

  • casa da far affittare
  • azioni e titoli
  • produzioni intellettuali (come ad esempio la scrittura di un libro).

Per fare questo però è necessario partire con dei soldi da parte da poter investire. Inoltre, bisogna considerare che queste cifre non saranno spropositate.

A che età si può fare?

Non esiste una risposta univoca a questa domanda. Dipende da quando si hanno i soldi per fare quello che si vuole e per sostenere un determinato stile di vita.

Concretamente però, è probabile che anche se si è nati in un contesto facoltoso si voglia comunque provare a impegnarsi in qualche tipo di attività lavorativa. Significa che solitamente ci si comincia a pensare più o meno dai quarant’anni.

vivere di rendita - investimenti e risparmio

Come vivere di rendita: ecco cosa sapere – Shutterstock538370872 di Watchara Ritjan

Quanti soldi servono per vivere di rendita?

Per raggiungere l’indipedenza finanziaria non servono solamente i soldi. Bisogna progettare un piano d’azione e avere una disciplina economica e mentale. È importante capire quanto i rendimenti offriranno ai mercati. Perdere quanto accumulato per errori di superficialità e fretta sarebbe un fatto gravissimo al quale è difficile porre rimedio.

Per capire quanti soldi servono per vivere di rendita è importante sapere qual è il reddito mensile necessario per ognuno. Non tutti infatti hanno le stesse esigenze. Ciò può dipendere dai componenti del nucleo familiare o dalle necessità personali. Inoltre, bisogna sempre tenere in considerazione le spese impreviste.

Le variabili sono quindi date da:

  • Capitale, cioè la base per capire che rendita si può avere. Comprende beni mobili e immobili.
  • Tempo, in modo da comprendere quando si potrà smettere di lavorare in base a quanto si è già messo da parte e alle proprie urgenze.
  • Stile di vita attuale e stile di vita potenziale

Una volta ipotizzata la somma mensile, è necessario moltiplicarla per 12 per ottenere la rendita annua sufficiente. Importante anche tenere in considerazione l’inflazione nel tempo, perciò è importante accumulare una percentuale in più per ogni anno calcolato.

I punti da seguire

Una volta capito come poter pianificare le proprie finanze per riuscire a vivere di rendita, ecco qualche consiglio pratico da mettere in atto:

  • Evitare di fare trading. Questo tipo di operazione porta via un sacco di tempo perché richiede di seguire i mercati e avere competenze tecniche molto particolari.
  • È importantissimo ragionare in termini di anni e non di mesi. Il tempo e la costanza sono fondamentali per riuscire nei propri obiettivi.
  • Dare molta più importanza alla strategia di resistenza a lungo termine piuttosto che a quella di breve periodo orientata al guadagno immediato.
  • Tenere duro anche accettando le sconfitte e continuando a seguire con perseveranza lo stesso metodo, seppur con i dovuti accorgimenti.

Soldi per viaggiare: 6 consigli per risparmiare

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Con una necessità di 20.000 euro per vivere il capitale necessario è di circa 714.285 euro. 
  • Con un rendimento del portafoglio pari al 4,8% servono 417.000 euro con 20.000 euro di spese, e 625.000 euro con 40.000. A questo va aggiunto un margine di sicurezza di 1.2, cioè del 20%, per far corrispondere a una spesa necessaria di 40 mila euro un guadagno di 48 mila euro.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it regole