Come fare un giardino da soli?

Condividi L'articolo su

Come fare un giardino da soli? Quali sono le piante e fiori da mettere a dimora? Quali i mobili per l’esterno da scegliere? Ecco tutto quello che c’è da sapere per creare un bel giardino e trasformarlo in un’oasi di relax.

“I giardini sono una delle forme dei sogni”. Hector Bianciotti

Progettare il proprio giardino

La prima cosa da fare è decidere quanto spazio dedicare al giardino e ragionare su come si intende realizzarlo. Gli spazi outdoor sono luoghi di relax, oasi di pace, dove ritrovare la propria tranquillità lontano dal caos quotidiano. Esistono numerose tipologie di giardino, che seguono diversi stili, ma si deve sempre considerare il clima e l’ambiente in cui sarà realizzato. Infatti, è bene non accostare in maniera casuale piante diverse.  In realtà, per capire come realizzare un giardino, il primo passo è proprio quello di creare un progetto che tenga conto di una serie di elementi fondamentali, come gli accessori, eventuali pavimentazioni in linea con lo stile della casa, contenitori per le piante, come vasi o fioriere ed altri elementi utili a valorizzare questo incantevole spazio esterno, il giardino.

Come fare un giardino da soli

Come fare un giardino da soli – shutterstock foto di Andrey tiyki

Creare un giardino in sintonia con il paesaggio

Le piante in giardino devono sempre essere legate all’ambiente in cui sono inserite, all’omogeneità delle sue forme, alla naturalezza del paesaggio.

Pensare alle funzionalità del giardino

La prima domanda che bisogna porsi è “A cosa servirà un determinato elemento da porre in giardino?”, “Come lo si vuole utilizzare?”. Un giardino naturale e ben ordinato lo si crea a partire dalla disposizione dei suoi elementi secondo specifici bisogni, che un buon progetto preliminare può portare alla luce. Per esempio, come predisporre le piante, i vasi, i sentieri e i percorsi funzionali, per godere appieno di questo importante spazio outdoor.

Il giardino e gli spazi

Ogni angolo degli spazi verdi dedicati al giardino ha le sue caratteristiche, progettate nel minimo dettaglio in precedenza. L’obiettivo è quello di fare un giardino cercando di evidenziarne i punti di forza e ridurne i difetti. Per questo è importante tener conto di tre concetti basilari: proporzione, unità e linee geometriche.

  • la proporzione fa riferimento alle dimensioni dell’area verde: tutto quello che andiamo ad inserire deve essere proporzionato. Infatti, è bene non accostare piante troppo piccole o troppo grandi
  • l’unità indica il bisogno di creare spazi armonici e non contrasti tra le varie tipologie di coltivazioni utilizzate
  • le linee geometriche di solito sono date dalle bordure e dai vari percorsi calpestabili. A soddisfare questa necessità contribuiscono anche gli elementi naturali, come gli alberi che si sviluppano in orizzontale e regalano un senso di tranquillità e piante verticali che danno un senso di ordine e dinamicità.

Tende da sole per gli spazi outdoor

Scegliere le piante giuste

La scelta di piante e fiori da giardino varia molto a seconda dei gusti. A livello tecnico la cosa da considerare è l’esposizione alla luce del sole. In ogni caso, è bene informarsi e preferire le piante che si adattano al clima e alle condizioni della specifica area territoriale.

Come sistemare il giardino con i mobili per esterno

Nell’arredamento degli spazi outdoor bisogna innanzitutto scegliere arredi di qualità in grado di resistere agli agenti atmosferici, unire comodità ed estetica e richiedere pochissima manutenzione. Inoltre, è necessario considerare anche i colori: per i colori vivaci è meglio scegliere un arredamento in tonalità neutra, sempre di tendenza.

L’impianto di irrigazione nella progettazione giardini

In caso di giardini medio-grandi, un aspetto sottovalutato, ma molto importante da considerare, è l’impianto di irrigazione da installare nel proprio giardino. Esistono diverse tipologie di impianti, rotanti, oscillanti e a battente. In ogni caso, la scelta va valutata in base alla struttura e all’organizzazione del giardino.

Creare spazi outdoor per le nostre case: l’intervista a SerreGiardini

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Nel primo trimestre 2021, secondo i dati Istat, la stima del numero di abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali, al netto della stagionalità, si colloca poco al di sopra della soglia delle 14,6 mila unità; la superficie utile abitabile è di circa 1,29 milioni di metri quadrati, mentre quella non residenziale sale al di sopra dei 2,9 milioni di metri quadrati. In termini tendenziali, nel primo trimestre del 2021 si osserva un forte incremento per tutto il settore residenziale: +16,5% per il numero di abitazioni e +16,8% per la superficie utile abitabile.
  • Per di più, secondo le stime preliminari, nel primo trimestre 2021, l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, per fini abitativi o per investimento, aumenta dell’1,1% rispetto al trimestre precedente e dell’1,7% nei confronti dello stesso periodo del 2020 (era +1,5% nel quarto trimestre 2020).

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni continua a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su
Scritto da

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.