Il Piemonte favorisce l’inserimento dei giovani agricoltori nel settore primario

Il Piemonte favorisce l’inserimento dei giovani agricoltori nel settore primario grazie a 45,6 milioni di euro. Infatti, la Regione ha attivato un bando, cofinanziato con fondi europei, al quale è possibile accedere dal 10 agosto.

Il bando per l’inserimento di giovani nel settore primario

Dal 10 agosto si possono presentare le domande di contributo per l’insediamento di giovani agricoltori collegate a piani di miglioramento aziendale per favorire il rendimento globale e la sostenibilità. Ciò è stato voluto per favorire l’inserimento di giovani nel settore primario. Pertanto, potranno partecipare al bando giovani agricoltori che al momento della presentazione della domanda abbiano un’età compresa tra 18 e 41 anni, non compiuti e già titolari di un’azienda agricola da non più di 24 mesi. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 20 dicembre 2021.

Il Piemonte favorisce l’inserimento dei giovani agricoltori nel settore primario

Il Piemonte favorisce l’inserimento dei giovani agricoltori nel settore primario – shutterstock foto di Fotokostic

L’importanza del provvedimento

Anche per Confindustria Piemonte questo è un provvedimento degno di nota, in quanto offre ad oltre 500 giovani piemontesi la possibilità di misurarsi imprenditorialmente insediandosi per la prima volta in agricoltura o assumendo la titolarità delle imprese di famiglia. Inoltre, data l’importanza di questa opportunità di investimento, Confindustria Piemonte e i tecnici impegnati nelle Unioni Agricoltori del Piemonte sono a disposizione dei giovani per fornirgli gli strumenti necessari per l’elaborazione dei progetti e la definizione dei business plan.

Aziende agricole: quali sono i vantaggi della spesa dal contadino?

Il settore primario in Piemonte

I giovani rappresentano solo il 13,6% degli occupati nel settore primario a livello imprenditoriale, mentre gli ultra sessantacinquenni sono 13.741, pari al 32,2% del totale. Per questo per questo è necessario favorire un patto che agevoli il ricambio tra vecchie e nuove generazioni di imprenditori agricoli. Non è facile partire da zero e inventarsi agricoltori. Infatti, Confagricoltura segue le nuove imprese con un percorso di tutoraggio aziendale anche dopo il periodo di primo insediamento, formando e sostenendo i giovani imprenditori e indirizzandoli verso un’agricoltura capace di guardare al futuro nel rispetto delle tradizioni. Ciò anche grazie alla volontà di voler garantire una redditività affinché l’iniziativa sia economicamente sostenibile.

Le fasi lunari in agricoltura

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • In Piemonte i giovani under 41 rappresentano solo il 13,6% degli occupati nel settore primario, mentre gli ultra sessantacinquenni sono il 32,2% del totale
  • Secondo i dati di Confindustria Piemonte le imprese agricole condotte da giovani di età inferiore a 41 anni sono 5.811 su un totale di 42.652.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post
Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.