Omologare un furgone in camper è possibile? Normativa e come farlo

Omologare un furgone in camper, si può fare?

Se si ha a disposizione un furgone e lo si vuole trasformare in qualcosa di diverso, come un camper, si può fare. Omologare un furgone in camper è un vero e proprio progetto. Partendo dalle basi, all’arredamento interno, ecco le misure e le normative per omologarlo.

Omologare un furgone in camper è possibile? Normativa e come farlo

Convertire un furgone in qualcosa di più, come un camper si può fare? Sì, eccome. Una possibile idea potrebbe essere quella di acquistare un vecchio furgone e rimodernarlo per adibirlo a camper. È un progetto che richiede parecchio impegno e molti sognano di farlo prima o poi. I vicini d’oltre oceano (americani e canadesi), hanno la vita più facile da questo punto di vista, non hanno la difficoltà burocratica che è presente in Italia. Tanti in USA, decidono di sposarsi in camper come abitazione fissa, costa meno e non richiede alcuna bolletta per l’affitto. Tuttavia, qui in Italia non è una consuetudine farlo. Ecco, ciò che bisogna sapere prima di omologare un furgone in camper:

  • Il codice italiano della strada stabilisce due categorie di veicoli. La categoria M1, che sono i veicoli per il trasporto di persone e la categoria N1, quelli per trasporto merci.
  • La circolare del Dipartimento dei Trasporti Terrestri, proibisce categoricamente il passaggio da veicoli di categoria N1 a M1.
  • Ottenere il nulla osta dalla casa produttrice del veicolo.
  • Progettare un allestimento interno, redatto e fatto da un ingegnere.
  • La casa produttrice deve approvare il progetto.
  • Certificato di esecuzione dei lavori.
  • Collaudo del mezzo.
  • Rilascio del nulla osta dalla motorizzazione.
  • Immatricolazione del veicolo.

Abitare in camper. Intervista a Cristiano Gianmaria Fabris

Un trucco per evitare di omologare il furgone

Non tutti possono permettersi di sostenere una spesa di omologazione. Pertanto, esiste una via di mezzo senza doverlo per forza omologare. Ovviamente, questo trucco non è illegale, ma è un ottimo escamotage. Esiste, infatti, un modo semplice per poter utilizzare il proprio furgone e viaggiare senza dover affrontare la burocrazia italiana. Per questo motivo, bisogna valutare il fatto che nessuna legge vieta il trasporto di un letto e di un cucinino nel proprio veicolo. La cosa importante da tenere a mente è di non fare mai modifiche al mezzo. In poche parole, se non si attacca nulla al telaio, nessuna vite e non si esegue alcuna modifica strutturale, non si viola alcuna legge italiana. È bene ricordare però, che, in fase di revisione, il mezzo deve essere in ordine. Si possono rimuovere i sedili posteriori ed utilizzare quello spazio per un piccolo giaciglio, l’importante è riportare tutto all’ordine al momento della revisione.

Come costruire una tenda da campeggio fai da te

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo i nuovi dati della piattaforma di noleggio camper RVshare, il 73% dei millennial sia quest’anno che lo scorso anno ha riferito che “probabilmente farà un viaggio in camper in futuro”. Mentre il 14% dei millennial nel 2019 ha affermato che sarebbe stato “improbabile fare un viaggio in camper in futuro”. Inoltre, il 6% della popolazione ha affermato lo stesso nel 2020.
  • I camper trainabili, come i rimorchi da viaggio, offrono tutta una serie di vantaggi (e sfide) unici ai loro proprietari. Ad esempio, è piuttosto interessante avere automaticamente un veicolo ausiliario senza doverne trainare uno dietro il camper. Tuttavia, poiché i rimorchi da viaggio sono pesanti, è necessario che quel veicolo sia probabilmente un camion o un SUV di dimensioni standard, il che potrebbe non essere adatto la migliore guida in città.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it