Giochi per cani fai da te con materiali di riciclo

Ormai i cani fanno parte a tutto tondo della nostra famiglia, crescono insieme a noi e giocare con loro è davvero un momento di svago per tutti. Il mercato è ormai pieno di giochi di ogni forma e utilizzo, ma ci sono dei giochi per cani fai da te che possiamo costruire usando la nostra fantasia, e trasformare quello che doveva essere destinato a diventare oggetto di riciclo, in un bellissimo e soprattutto costruttivo, gioco per cani!

I cani migliorano lo sviluppo dei bambini

Giochi per cani fai da te: perché è importare giocare con i nostri amici a quattro zampe?

Chi ha un cane sa bene quanto per loro sia importante dar sfogo alla loro fisicità, facendo passeggiate ed esperienze che appaghino i loro bisogni. Il gioco però come in umana, ha un ruolo fondamentale nella stabilità psicofisica dei cani. Permette di dar sfogo a molte delle loro caratteristiche di razza (ne parleremo nel prossimo articolo) e li fa sentire più appagati, riducendo molto quei comportamenti che spesso sono causa di grandi disagi in famiglia (distruzioni di oggetti, abbai ripetuti, ululati senza sosta, marcature in ogni angolo della casa).

Giochi per cani fai da te e sostenibili: ecco alcuni spunti

Durante il lockdown abbiamo dovuto creare per loro dei momenti per rompere la noia, senza avere l’opportunità di uscire e comprare dei giochi. Se è vero che la necessità aguzza l’ingegno, perché non inventare un modo per trasformare in giochi che aiutano la mente del cane, utilizzando materiali di riciclo?

Come organizzare le vacanze con il cane

Credits: shutterstock_Jaromir Chalabala

Ecco un piccolo elenco di quello che potremmo trasformare in giochi per i cani fai da te sostenibili, di cui sicuramente saranno contenti:

  • Vecchi maglioni
  • Rotoli di scottex o carta igienica
  • Bottiglie di plastica di ogni misura
  • Scatoloni
  • Giornali
  • Vecchie coperte

Cosa possiamo costruire con gli oggetti elencati? Idee fai da te per giochi per cani

I vecchi maglioni possiamo tagliarli e intrecciarli, così da creare delle trecce con cui giocare al tira e molla, nelle vecchie coperte possiamo nascondere dei bocconcini e ripiegarle più volte su se stesse e invitare il nostro cane a scovarli, i giornali possono diventare delle vere e proprio bombe di bontà se nascondiamo all’interno di una pagina un pezzettino di wurstel, l’accartocciamo e la lanciamo, facendo incuriosire il nostro amico, che quando si accorgerà che quella palla è ripiena, non starà più nella gioia!

NB: Osservate i vostri cani mentre giocano con questi materiali di riciclo, se notate che inghiottiscono un’elevata quantità di carta, allora recuperate il gioco offrendogliene un altro in cambio oppure lanciando a terra dei premietti, così da distogliere la sua attenzione senza deluderlo portando via il suo nuovo gioco!

Diamo la parola all’esperto: intervista a Sara Saggiorato

Oggi con noi abbiamo Sara Saggiorato, Educatore Cinofilo, portabandiera dell’approccio cognitivo con il cane, metodo che permette ai nostri cani di esprimere la loro vera identità, con un loro pensiero e una loro mente.

Sara, ci proponi qualche gioco semplice con i materiali di riciclo che tutti abbiamo in casa?

In commercio troviamo già giochi di attivazioni mentale pronti all’uso, ma  personalmente preferisco usare e consigliare ai miei clienti l’utilizzo di materiale di recupero, perché oltre al rispetto per l‘ambiente abbiamo anche la possibilità di creare giochi sempre diversi e divertenti.

Cosa ci serve?

Non dobbiamo comprare nulla, se non qualcosa di gustoso che sarà la ricompensa. Anche qui la conoscenza è fondamentale, in modo da non offrire al cane qualcosa che potrebbe farlo stare male.

Scegliete dei premietti naturali di carne o pesce essiccati, oppure formaggio o dei  würstel. Consiglio di utilizzare le crocchette solo se il vostro cane soffre di importanti disturbi alimentari che lo costringono a non poter variare alimentazione.

Quattro idee fai da te per giocare con i nostri cani

Per il primo gioco recuperiamo  dei  rotoli finiti della carta igienica o dello scottex.

giochi sostenibili per cani

giochi per cani da da te con materiali di riciclo – foto di shuttersock

Come li usiamo?

Andiamo a chiudere un’estremità spingendo i bordi verso l’interno. Prendiamo un po’ di premietti e li mettiamo dentro al tubo, chiudendo anche la seconda estremità.

Chiamate il cane, appoggiate il rotolo a terra, e facendo qualche passo indietro date l’ok. Questo vi consentirà di essere presenti ma allo stesso tempo sarà autonomo di risolvere il gioco.

Importante: al raggiungimento dell’obiettivo gratificatelo con un “bravo” e un bel sorriso.

Per rendere tutto più semplice, intagliate una piccola finestrella sul lato lungo del tubo in modo che i premietti possano uscire anche da lì. Come per gli altri giochi, si può aumentare la difficoltà nascondendo il rotolo sotto ad un asciugamano, oppure senza finestrella, solo con piccoli fori per far uscire l’odore.

Per il secondo gioco servirà anche la vostra creatività!

riutilizzo delle bottiglia usate

giochi per cani fai da te con materiali di riciclo- foto di shutterstock

Ci servirà una bottiglia di plastica, meglio se dell’acqua o dell’olio, (non usate quelle di detergenti o detersivi), del nastro di carta e dello spago.

Andiamo a tagliare la plastica, dividendo la bottiglia in due così da poter utilizzare come recipiente la parte inferiore.

(Non buttate la parte superiore perché ci tornerà utile in seguito)

Rivestite il bordo superiore con del nastro di carta, cosi da non essere tagliente, poi:

  • Fate due piccoli fori laterali dove si farà passare lo spago.
  • Una volta creato il gioco lo andiamo a fissare alle gambe del tavolo che essendo molto stabile non complica troppo il rompicapo.
  • La bottiglia deve essere fissata ad un’altezza che consenta al cane di poter utilizzare sia le zampe che il muso per arrivare all’obiettivo.

Per alcuni cani l’oscillazione della bottiglia potrebbe essere già una difficoltà, cercate quindi di tendere la corda il più possibile cosi da riuscire a farla ruotare a testa in giù, facendo uscire i premietti che avete messo all’interno.

Per i cani di piccola taglia, la bottiglia è meglio sostituirla con vasetti di yogurt o ricotta.

Terzo gioco: il riciclo nel riciclo

Ecco che ci tornano utili le parti superiori delle bottiglie che abbiamo tagliato prima

Ci troveremo quindi ad avere dei coni sotto i quali andremo a nascondere i premi. Chiedete al vostro cane di aspettare mentre posizionate i premi sotto al cono.

Se ancora non è in grado di farlo, non rimproveratelo, ma fatevi aiutare da qualcuno che lo possa tenere per non farvi raggiungere o utilizzate un divisorio, come ad esempio un cancelletto per bambini, che gli darà  la possibilità di osservarvi mentre preparate il set.

Appoggiate i bocconcini per terra, copriteli con il conetto senza il tappo così che esca l’odore dal buco.

Potete aumentare il livello di difficoltà man mano che il vostro cane acquisisce capacità, Aumentando il numero di conetti, per poi  lasciarne vuoto qualcuno, cosi il cane dovrà trovare quelli con la sorpresa.

Il quarto gioco è super divertente e appagante e consiste nella distruzione:

materiali di ricliclo per creare giochi per cani

giochi per cani fai da te con materiali di riciclo – foto di shutterstock

Ci serviranno dei fogli di giornale, oppure sacchetti di carte di pane e frutta.

Mettiamo all’interno del sacchetto del cibo, insieme ad altri oggetti di suo gradimento (una pezza che non usiamo più, qualche foglio di giornale arrotolato, un calzino…). Lo chiudiamo e seguendo la stessa procedura che abbiamo seguito per i rotolo di cartone lo appoggiamo a terra facendo divertire il nostro cane.

Questo gioco è particolarmente indicato che i cani che hanno tanta voglia di distruggere, visto che simula il momento più bello della caccia: lo sventramento della preda e la sua consumazione.

Lasciamo che la sua fantasia prenda forma, incoraggiandolo e dicendogli un bel “bravo” quando trova i premi

Se invece volete utilizzare i fogli di giornale andate ad avvolgere il premio . formando una palla e offritela al cane.

Osservate, ascoltate , Sperimentate, create e divertitevi!!!

Possiamo chiamarli giochi di attivazione mentale? E perché i giochi di attivazione mentale sono così importanti?

Questi sono dei giochi pensati per stimolare le capacità cognitive del cane andando a attivare ed allenare la sua capacità di concentrazione e di memoria.

I giochi di attivazione mentale portano quindi il nostro cane a ragionare e a trovare la soluzione per risolvere degli enigmi.

Di fronte ad una nuova attività migliorano l’autocontrollo, l’autoefficacia e l’autostima, che sono alcuni tasselli fondamentali per il benessere del nostro cane.

Più alleniamo il cervello e più semplice sarà imparare sempre nuove competenze.

Quando possiamo proporgli questi giochi?

Questi giochi si possono proporre in qualsiasi momento della giornata. Un fattore molto importante però è sicuramente,  quando iniziare a giocare. Un cane stanco o  troppo eccitato davanti ad una novità come il probem solving, potrebbe trovarsi costretto a rinunciare e di sicuro questo non  migliorerà la sua autostima.

Approfittiamo ad esempio delle giornate di pioggia, quando magari la passeggiata sarà più breve rispetto a quella dei giorni di sole.

Possiamo usarli in quelle giornate dove siamo a casa ammalati e il nostro dogsitter di fiducia non può aiutarci.

Sono  molto utili anche quando il nostro cane ha magari subito un intervento e si trova costretto al riposo forzato.

A chi sono dedicati i giochi di attivazione mentale?

Questa è un’attività che si può svolgere con tutti i cani ,in ogni momento della loro vita.

Molto spesso ci preoccupiamo di soddisfare i bisogni del nostro cane solo con attività fisica , che ritengo sia fondamentale per sviluppare altre capacità nel nostro compagno, ma altrettanto importante è allenare e tenere attiva la sua mente.

Consiglio questa attività fin dai primi mesi di vita, così tenerla sempre nella nostra valigetta delle cose che si possono fare insieme, anche quando il nostro cane raggiungerà la sua anzianità, periodo dove andranno per svariati motivi a diminuire i momenti di condivisone di lunghe passeggiate.

Quindi non ci sono cani con cui non poterli fare, ma ci sono dei fattori molto importanti da tenere in considerazione .

è fondamentale conoscere il soggetto che abbiamo di fronte e le sue abilità ed è, quindi, consigliabile proporre giochi adatti alle sue capacità, procedendo per gradi.

Grazie Sara per i tuoi consigli preziosi!


I punti di forza dei giochi costruiti con i materiali di recupero

La prima cosa importante, è che hanno un impatto ridotto sull’ecologia, non si fanno sprechi di materiali che altrimenti andrebbero semplicemente buttati nella raccolta differenziata.

Ci permettono di dare sfogo alla nostra fantasia e creatività, magari facendoci scoprire dei talenti nascosti! Avremmo sempre a disposizione una grande variante di stimoli per i nostri cani, considerando che la noia è uno dei motivi principali dello stress, che spesso rende nervosi e inquieti i nostri cani. Possiamo coinvolgere i bambini in queste attività ludiche, passando del tempo di qualità insieme a tutta la famiglia!

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • I cani non fanno i dispetti, quello che noi consideriamo una vera e propria provocazione, in realtà non è che una dimostrazione di stress, di cui andrebbe indagata la causa con l’aiuto di un educatore cinofilo
  • Spesso, delle belle passeggiate nella natura sono il miglior metodo risolutivo per i cani che sono molto irrequieti
  • I cani di canile molto frequentemente non sono capaci di giocare perché arrivano situazioni di privazione sensoriale, e quindi va strutturato un percorso con loro, al quale nella maggior parte dei casi, rispondono con grande entusiasmo

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Paragrafo  

Written by

Appassionata da sempre di animali, con il sogno di vivere in mezzo a loro, credo negli alberi e nella magia del bosco, credo alle mani forti e gli occhi pieni. Camminare scalza nei prati è una delle mie più grandi passioni. Scopro il mondo della cinofilia nel 2016, e inizio un percorso di formazione che è ancora in atto. Proprio grazie ai cani, incontro Sonia Carrera e le sue adorabili spitz, e così nasce la collaborazione con Habitante, grandissima fonte di ispirazione e spinta a mettermi in gioco.