Vai al contenuto
tessuto artificiale sostenibile

Un nuovo tessuto artificiale che filtra la luce solare

Condividi L'articolo su

Nuovo tessuto artificiale: una scoperta innovativa per filtrare il 95% della luce solare. È simile alla seta, ma molto più fresco.

Gli italiani vogliono una tecnologia sostenibile e per tutti: lo studio di Samsung e PoliMi

Nuovo tessuto artificiale: cosa sappiamo

Il tessile fa grandi passi nel campo dell’ecosostenibilità . Due ricercatori universitari, Jia Zhu della Nanjing University e Shanhui Fan della Stanford University hanno studiato la realizzazione di particolare tipo di tessuto innovativo.

Il prototipo nasce per bloccare circa il 95% della luce solare che colpisce il tessuto. Questo grazie a nanoparticelle di ossido di alluminio, che riflettono le lunghezze d’onda ultraviolette della luce solare. Dopo aver creato questo tessuto, sono seguiti gli esperimenti per testare la validità del nuovo prodotto. La seta artificiale è stata esposta alla luce del sole e rimane più fresca dell’aria circostante di circa 3,5°C. Questo perché le nanoparticelle hanno il compito di riflettere la maggior parte della luce solare e irradiare il calore. Inoltre, ha una capacità rinfrescante maggiore della seta.

I test dimostrativi

Nell’attesa di poterlo utilizzare nell’abbigliamento e nell’arredamento, è stato testato esponendolo alla luce del sole, sia riuscito a mantenere una freschezza di 8°C più fresca rispetto alla seta naturale e circa 12,5°C rispetto al cotone. La freschezza non è l’unico punto di forza di questa simil seta. È anche perfettamente lavabile e non perde le sue caratteristiche nel tempo.

Si tratterebbe di una vera e propria svolta anche per quanto riguarda la sostenibilità. La produzione del prodotto infatti, impiegherebbe minor consumo energetico rispetto ai tessuti classici e porterebbe a una riduzione dell’inquinamento.

Feel: un progetto di stampa sostenibile su tessuto

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il settore del tessile e abbigliamento italiano pesa per l’11,9% delle esportazioni mondiali, con una crescita del +6,2% nell’anno 2019/2018 (dati da Agenzia ICE – Rapporto Annuale 2019/2020).
  • L’Italia è in terza posizione tra i principali esportatori mondiali di prodotti tessili. Il peso delle esportazioni nel settore dei prodotti tessili sul totale dell’export italiano nel 2019 è del 2,1%, in lieve flessione rispetto all’anno precedente (-3,4%). Le principali aree geografiche di destinazione dell’export del settore sono l’Europa (69%), l’Asia (16,7%) e l’America (7,2%).

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News