Controsoffitto: dettagli e specifiche per la sua realizzazione

L’installazione di un controsoffitto può risolvere problemi di natura estetica e funzionale, relativa agli impianti di illuminazione e a livello termoacustico o ad alcune caratteristiche della struttura già presente. Si può scegliere mobile o fisso e in diversi materiali.

Arredare una casa con soffitto a volta

Cos’è un controsoffitto e a cosa serve?

Il controsoffitto si presenta come una struttura orizzontale, piazzata ad un livello inferiore o pari al solaio, in grado di nascondere la superficie preesistente, divenendo quindi la facciata visibile del soffitto.

Posizionare il controsoffitto è un’operazione abbastanza rapida che si può programmare in qualsiasi momento. Non è indispensabile o imprescindibile la progettazione dello stesso durante la realizzazione dell’edificio.

Molto importante è la misurazione dell’altezza della stanza, la quale non può, per Legge, scendere sotto i 2.70 metri. Considerando che il controsoffitto porta via spazio, è bene assicurarsi di non scendere sotto il valore prima della messa in opera.

Le funzioni di un controsoffitto sono molteplici e possono riguardare:

  • isolamento acusticotermico (pannelli isolanti nell’intercapedine – materiali fonoassorbenti e fonoisolanti).
  • Sistema d’illuminazione (posizionamento di fari, faretti e luci).
  • Ridimensionamento degli spazi (in caso di spazi troppo alti).
  • Impianti normativa antincendio (controsoffitto ignifugo).
  • Ambienti esterni (sotto balconi e pensiline ad esempio).
controsoffitto

Controsoffitto: dettagli e specifiche per la sua realizzazione – Di SokolovDenis per shutterstock

Controsoffitto: tipologie e materiali

Si compone sempre da 2 principali elementi:

  1. struttura di sostegno (realizzata con profili metallici o in legno).
  2. Tamponamento.

Vediamo quali sono i materiali e le tipologie impiegati per la posa:

  • cartongesso: è il più diffuso sia per l’abbassamento della stanza, sia per il contenimento degli impianti. È di tipologia fissa, che è la più utilizzata nell’edilizia civile proprio perché è più gradevole esteticamente e si mimetizza meglio con il resto delle superfici. Inoltre è molto flessibile e leggero.
  • Mobili e discontinui: prevalentemente impiegati e adatti in aree industriali e uffici, si trovano in diversi materiali e sono montati a secco, in moduli. Sono molto facili da rimuovere.
  • Trasparente o leggero: si utilizzano pannelli coibentati di tipo forato o grigliato.
controsoffitto

Controsoffitto: dettagli e specifiche per la sua realizzazione – Di phil_berry per shutterstock

Quanto può costare al mq?

Ovviamente il costo finale per la posa di un controsoffitto include diversi fattori inerenti a ciò che si sceglie:

  1. dimensione della superficie.
  2. Tipologia della struttura.
  3. Materiale.

Certamente l’opzione in cartongesso, fisso, è la più semplice nonché economica rispetto ad un controsoffitto mobile con dei moduli prefabbricati.

In linea generale si può dire che i prezzi per la sua costruzione possono oscillare fra i 30 ed i 60 euro al metro quadro (la manodopera è inclusa).

Come insonorizzare una stanza con i cartoni delle uova

Alcune aziende che offrono ottime opzioni per il controsoffitto
  1. Eterno Ivica
  2. Fassa Bortolo
  3. Saint Gobain- Minerval® e Tonga®
  4. Rockfon Color-all®

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo il Rapporto sul mercato del controsoffitto- Tendenze globali 2027, si è calcolato che la dimensione del mercato globale del controsoffitto era pari a 89,18 miliardi di dollari nel 2019 e si prevede che raggiungerà i 110,54 miliardi di dollari entro il 2027.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Interior-Garden designer& Web project