Vai al contenuto
stili di arredamento

Come arredare in maniera sostenibile con il pavimento in gres

Condividi L'articolo su

Economico e prodotto secondo pratiche che hanno un basso impatto sulla produzione e sull’ambiente. Ecco come arredare in maniera sostenibile con il pavimento in gres.

Arredare in maniera sostenibile con materiali naturali

Oggi scegliere di arredare in maniera sostenibile non è più solo una possibilità, ma una vera e propria necessità. Infatti, molte aziende, a causa dei cambiamenti climatici, hanno dovuto innovarsi e trovare soluzioni green alla portata di tutti. Ciò è stato possibile grazie al maggior utilizzo di materiali naturali. Tra questi, il gres è quello che offre un’estrema versatilità per pavimenti e rivestimenti grazie alle sue peculiari caratteristiche. È economico ed ecosostenibile. Ed oltre ad essere prodotto secondo pratiche che hanno un basso impatto sulla produzione e sull’ambiente è allo stesso tempo elegante e ricco di sfumature variegate. Non a caso il suo tratto distintivo è quello di riuscire a imitare alla perfezione gli altri materiali nobili. Il gres effetto legno, per esempio, replica perfino le venature naturali del legno, equiparandosi alla naturale bellezza del parquet.

Come arredare in maniera sostenibile con il pavimento in gres
Come arredare in maniera sostenibile con il pavimento in gres – shutterstock foto di Pinkyone

Gres effetto legno: una soluzione di design sostenibile

Il gres, un impasto ceramico duro e compatto, è un materiale rispettoso dell’ambiente, derivato di solito da cicli di produzione a basso impatto ambientale che prevedono il riutilizzo degli scarti, delle acque di lavorazione e delle materie prime in esse contenute consentendo il risparmio di risorse naturali. Infatti, rispetto al legno, presenta una maggiore sostenibilità perché non comporta l’uso del legno ottenuto dagli alberi. Per questo, installare un pavimento in gres effetto legno nella propria abitazione rappresenta una vera e propria scelta green.

Un altro fondamentale fattore che rende il pavimento in gres effetto legno un’ottima scelta è che questo materiale, oltre ad essere completamente riciclabile, è caratterizzato da un’elevata resistenza ma anche da rapidità di posa e semplice manutenzione. Elementi in linea con la filosofia base dell’architettura sostenibile che ha l’obiettivo di:

  •     Arginare distruzione e cementificazione;
  •     Realizzare habitat che migliorino la qualità della vita;
  •     Portare avanti la progettazione consapevole.

Meglio il gres porcellanato o il parquet per la nostra casa?

Un materiale super versatile

Il design coniuga etica, estetica e funzionalità, trovando le soluzioni più belle secondo il minimo dispendio di energie. Il gres, utilizzato nell’interior design, non fa eccezione in quanto quando è utilizzato nell’arredamento presenta molte soluzioni, contraddistinte da un’estrema versatilità. Il pavimento gres effetto legno, per esempio, è perfetto anche per essere usato negli spazi esterni in quanto antiscivolo, resistente agli agenti atmosferici e antibatterico. Inoltre, è proprio la durevolezza a renderlo perfetto anche per gli spazi all’aperto. Non a caso, il vantaggio è quello di poter avere un pavimento nelle calde tonalità del legno anche in giardino o in terrazzo, sulle superfici verticali come su quelle orizzontali.

10 materiali sostenibili per la Casa di Domani

Il gres porcellanato e la sua capacità di riprodurre i materiali nobili

Questo materiale offre la possibilità di scegliere tra una molteplice varietà di colori. Questo vale anche per il formato delle piastrelle, rettangolari o quadrate, con offrono soluzioni altamente personalizzate. Inoltre, il gres è un materiale che riesce a imitare alla perfezione, oltre che il legno, anche il marmo e la pietra in tutta la loro lucentezza. Anche in questo caso può essere usato sia all’interno che all’esterno, garantendo un effetto perfetto e super sostenibile.

Come scegliere i pavimenti di casa

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il gres porcellanato è composto per circa il 40-50% da argille caoliniche e plastiche; per circa il 45-48% da feldspati e feldspatoidi; per circa il 6-7% da sabbie silicee. Inoltre vengono addizionati come componenti secondari l’idrosilicato di magnesio (talco) per aumentare la fusibilità; il silicato di calcio; il silicato di zirconio, ossido di zinco e alluminio come agenti sbiancanti.
  • Secondo l’Osservatorio sulla Casa più della metà degli italiani (53%) ha effettuato lavori di ristrutturazione proprio per necessità dovute ad un cambiamento dello stile di vita in senso green. Tra le principali voci di spesa dell’intero investimento economico si evidenziano l’imbiancatura delle pareti (49%), la manutenzione degli impianti idraulici (29%), l’acquisto degli arredi per il bagno (25%) e del mobilio per la cucina (23%). Inoltre, la maggior parte delle persone che si affida ad un esperto ha un’età superiore ai 55 anni, mentre i Millennials tendono a svolgere i lavori da soli o in compagnia (41%).

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News