Bioedilizia: eco-mattoni dalle bottiglie di plastica raccolte dai fiumi dell’Indonesia

Costruire case con eco-mattoni dalle bottiglie di plastica è ora possibile in Indonesia dove è stata avviata una campagna di recupero rifiuti dai fiumi inquinati.

Eco-mattoni dalle bottiglie di plastica: l’idea

Ormai si sa che la plastica è una delle maggiori cause dell’inquinamento a livello mondiale. Un impianto di riciclaggio a Bohrok, in Indonesia, è però riuscito a trasformarla in una risorsa perfetta per creare solidi mattoni per le abitazioni.

I lavoratori della struttura infatti, raccolgono rifiuti, ripulendo strade e  fiumi e riempiono con questi delle bottiglie di plastica “morbida”. Il prodotto ottenuto viene infine incastonato nel cemento.

L’introduzione di un nuovo metodo di rilevamento e costruzione è un modo anche per creare posti di lavoro. Inoltre, il riciclo permette anche alle persone economicamente in difficoltà di costruire case sostenibili e resistenti nel tempo.

eco-mattoni dalle bottiglie di plastica - bioedilizia

Bioedilizia: eco-mattoni dalle bottiglie di plastica raccolte dai fiumi dell’Indonesia – Pixabay di Hans Braxmeier

I vantaggi

Le abitazioni edificate con questi eco-mattoni  hanno anche altri vantaggi, ovvero:

  • sono ben coibentate
  • riducono le emissioni di anidride carbonica
  • rappresentano un’alternativa economica alle case in cemento

L’Indonesia, come molti paesi in via di sviluppo,  ha un grande problema con la plastica. I suoi fiumi infatti, raccolgono molte bottiglie, buste e altri tipi di imballaggi inquinanti. Il governo indonesiano ha l’obiettivo di fermare l’aumento dei rifiuti di plastica del 30% entro il 2025.

Casa sostenibile: materiali prefabbricati con bucce di caffè e plastica riciclata

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il 60% della plastica che ogni anno finisce in mare viene maggiormente dai paesi della zona Asia-Pacifico: Cina, Filippine, Thailandia, Vietnam e Indonesia.
  • Il quadrante Asia-Pacifico ha prodotto 5,3 degli 8,8 milioni di tonnellate di materie plastiche che annualmente finiscono in mare. La Cina è il primo responsabile, con più di 3,5 milioni di tonnellate.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Sono laureata in giornalismo e lavoro come redattrice, traduttrice e copywriter. Mi piace parlare di tutto con approccio scientifico, soprattutto di enogastronomia. Scrivo di moda e la creo (sono anche ricamatrice e modellista sartoriale).