Vai al contenuto
La Ethereal Tower di Sou Fujimoto

La Ethereal Tower di Sou Fujimoto

Condividi L'articolo su

La Ethereal Tower è la futuristica torre galleggiante di Sou Fujimoto. Infatti, questa rappresenta il futuro, perchè contribuisce a creare un contesto in cui i grattacieli raggiungono altezze impressionanti.

Il progetto della Ethereal Tower

Il progetto della Ethereal Tower è stato presentato alcuni giorni fa per valorizzare la Qianhai Bay di Shenzhen. Infatti, sorgerà in uno dei nuovi centri della modernità. Pertanto, il grattacielo si trova nella costa meridionale della Cina e unisce un’estetica unica alle più innovative tecniche della dinamica. Inoltre, sarà alto 268 metri ed è stato pensato per essere edificato nell’acqua. Si comporrà di altre 99 torri minori che contorneranno la principale. Infatti, l’idea è quella di farlo sembrare un atollo sospeso a mezz’aria, decorato da una costante cascata d’acqua. Per di più, la struttura, in cima, sarà realizzata principalmente in vetro, caratterizzato da uno spazio espositivo, con ristoranti e caffetterie da dove potersi godere il panorama.

CapitaSpring: il grattacielo green del futuro

I materiali della torre di Sou Fujimoto

La torre pensata da Sou Fujimoto e nel suo studio, Sou Fujimoto Architects. Pertanto, questa è caratterizzata da materiali innovativi come l’acciaio, la fibra di carbonio, la Kevlar Rope e il cemento. Infatti, l’architetto ha cercato di fondere elementi naturali e artificiali creando così una struttura il più armonica possibile con l’ambiente naturale circostante. Così, progetto rappresenta un futuro all’insegna della diversità.

I pannelli solari trasparenti e la finestra fotovoltaica in Italia

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • Sōsuke “Sou” Fujimoto è un architetto giapponese laureatosi nel 1994 che si è distinto per un particolare stile che lo ha portato ad essere uno dei più noti progettisti d’architettura contemporanea al mondo.
  • Il suo lavoro ha ricevuto diversi riconoscimenti. LArchitectural Review Awards nella categoria “Giovani architetti internazionali” e nella “Top Prize”. Per di più, nel 2008  il premio Architectural Institute of Japan, il più alto riconoscimento del World Architecture Festival per la categoria abitazioni private.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News