Come installare un impianto domotico a casa?

Come installare un impianto domotico a casa? Ciò che fino a qualche decennio fa era semplicemente una fantasia, oggi diventa realizzabile, grazie alla tecnologia che sta modificando molte delle abitudini quotidiane. Dal fare la spesa, a comprare vestiti e scegliere un film semplicemente usando lo smartphone. Infatti, è proprio la domotica, in inglese, home automation, la scienza il cui scopo primario è migliorare la qualità della vita delle persone nelle case. Ciò grazie ad automatismi e tecnologie che permettono di ottimizzare i consumi, integrando tra di loro le funzioni di controllo, sicurezza, comunicazione e risparmio energetico.

Come funziona un impianto domotico

I sistemi domotici per funzionare hanno bisogno di una centrale intelligente chiamata Hub. Un pannello di controllo a cui i vari dispositivi vengono collegati con modalità wireless, sfruttando la rete locale, le onde radio o il sistema wi-fi. Ciò grazie all’utilizzo di comandi vocalitouch screen o addirittura tablet e smartphone, che inviano richieste all’hub che elabora le informazioni ricevute per poi provvedere a metterle in pratica. In questo modo, da remoto, è possibile accendere o spegnere le luci, abbassare le tapparelle, regolare la temperatura della casa e addirittura chiudere le tende, diffondere musica, verificare la presenza di intrusi e tante altre funzioni. Ecco come ottenere questo associando associare alla centrale dell’impianto domotico i dispositivi smart necessari.

Come installare un impianto domotico a casa

Come installare un impianto domotico a casa – shutterstock foto di Stanisic Vladimir

Il kit per la casa domotica fai-da-te

Il modo più semplice per sperimentare la domotica in casa, rendendola smart, è quello di usare uno dei kit fai-da-te, che è molto semplice trovare sul mercato. Questi sono dotati di sistemi plug-and-play e connessione wireless per evitare installazioni lunghe e costose. Inoltre, sono espandibili ulteriormente, grazie alla loro struttura modulare, con l’aggiunta di singoli componenti compatibili. In questo modo si può realizzare, senza spendere troppo, un sistema di controllo domestico che connette elettrodomestici, illuminazione, apparecchi di home entertainment, controllo della climatizzazione, sistemi di sicurezza e molto altro ancora ad un’unica rete integrata senza fili, che può essere controllato da remoto direttamente da PC, da Internet, dallo smartphone, e tuti quei dispositivi sui quali è installato uno specifico software. Dopodiché basta scaricare il software di controllo per sincronizzarlo con il kit di domotica e smart home scelto. Così, con un’apposita configurazione degli scenari giornalieri si ottiene la funzione desiderata.

Home & Building Automation: la casa di oggi è sempre più domotica

I vantaggi di una smart home

Una casa domotica è caratterizzata da un sistema wireless connesso direttamente al pc o al tablet o allo smartphone. Infatti, la casa domotica oltre ad essere pensata per migliorare la qualità della vita e offrire svariati vantaggi. Un sistema integrato di domotica, permette l’automazione di gran parte delle attività quotidiane di una famiglia. Dal punto di vista della sicurezza, per esempio, installare un sistema di videosorveglianza domotico, permette di chiudere o aprire porte e finestre da remoto. In questo modo rende più facile controllare la sicurezza della propria abitazione, i cui abitanti sono sereni. Inoltre, specialmente chi lavora fuori casa per molte ore, è in grado di monitorare senza stress un’ampia gamma di faccende domestiche da remoto. Come verificare il funzionamento degli impianti di riscaldamento, climatizzazione o irrigazione dell’abitazione. In questo modo un impianto domotico permette anche di ridurre gli sprechi e migliorare l’efficienza della propria abitazione.

Progettare una casa domotica

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Le origini domotica si attribuiscono a diversi personaggi. Tra questi William Penn Powers, un costruttore edile del Wisconsin, che nel 1890costituì la Power Regulator Company, antenata dell’odierna Siemens Building Technology ed ebbe l’idea rivoluzionaria di creare un regolatore di temperatura automatizzato.
  • Nel 1907a Chicago fu costruito il primo hotel dotato di un impianto di aria condizionata automatico.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.