Le carte da parati più trendy del 2022

Con l’arrivo dell’anno nuovo sentiamo sempre la necessità di cambiare qualcosa, nelle nostre vite, nel look, taglio, frangia oppure cambiare totalmente il look della nostra tanto amata dimora. Infatti, il cambio della carta da parati potrebbe essere la vera svolta di cui abbiamo bisogno per vedere la nostra casa in un altra veste. Le carte da parati più trendy del 2022 sono in stile giapponese, a righe, con forme o figure, in stile botanico oppure sono dedicate ai più piccoli.

Pantone 2022: il Very Peri è il colore dell’anno

Cinque carte da parati più trendy del 2022

Come tutti gli anni si sente la necessità di cambiare qualcosa nelle nostre case, che sia un elemento d’arredamento o sia un piccolo dettaglio che ci ha annoiato. La necessità di cambiare ci porta anche a decidere di sconvolgere totalmente i nostri ambienti, partendo proprio dalle pareti. Vediamo cinque delle carte da parati più trendy del 2022:

  1. Lo stile giapponese, è un design che continuerà ad essere nelle tendenze, per via del fatto che lo è già da parecchio. Viene chiamato lo stile “Japandi”, che ha spopolato sul web, in cui troviamo un mix di scia giapponese e nordica.
  2. Forme e figure, sono ancora nei trend anche per il 2022. Il design astratto è sempre presente nelle case e continua ad essere utilizzato nelle carte da parati.
  3. Design biofilico, ci porta nei meandri della botanica, in cui vediamo la vegetazione al centro della scena. Il design biofilico è colmo di decorazioni floreali con foliage verde, proprio per rappresentare il legame tra cittadino e natura.
  4. Look a righe, anche questo tipo di design non smette di essere in tendenza. È un tipo di look che continua ad essere attuale, sia nell’arredamento e sia nell’abbigliamento.
  5. Look per i più piccoli, anche i bambini vogliono vedere qualcosa di diverso quando appoggiano la testa sul cuscino e guardano in sù. Le tendenze attuali per le camere dei più piccoli sono incentrati su spazi celesti, oppure sfondi ispirati alla natura o con simboli di verdure o elementi del bosco. Ma anche le carte da parati raffiguranti animali marini restano sempre attuali.

Carte da parati Green: perché utilizzarle?

Cambiare gli ambienti di casa si può fare, ma è meglio cambiare i nostri spazi in maniera sostenibile. Infatti, esistono delle carte da parati prodotte con materiali naturali che ci permetteranno di sconvolgere la nostra casa, ma in maniera consapevole. La carta da parati prodotta con materiali naturali ha molti vantaggi, per via del fatto che si utilizza solamente cellulosa pura per la produzione. Infatti, è priva di sostanze inquinanti e resine artificiali e utilizzare una carta da parati Green vuol dire non entrare in contatto con sostanze chimiche e conservanti.

Lavori in casa: cosa è stato fatto nel 2021 tra agevolazioni e bonus

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Nell’Unione Europea, secondo un’indagine, il 70 % della popolazione vive in un nucleo familiare di proprietà, mentre il restante 30 % vive in alloggi in affitto. Le quote di proprietà più elevate sono state osservate in Romania (96 % della popolazione possedeva la propria casa), Slovacchia (92 %), Croazia e Ungheria (entrambe 91 %).
  • La carta da parati è stata utilizzata per la prima volta in Cina nel 200 a.C. Poi i cinesi hanno trasmesso questa conoscenza ad altre culture, gli usi e i metodi di fabbricazione della carta sono migliorati ad ogni generazione e le altre culture hanno aggiunto i propri tocchi.
  • Nel 1841 Jean Bourdichon dipinse cinquanta rotoli di carta con angeli su fondo blu per Luigi XI di Francia. La carta veniva usata per decorare le sue varie residenze. Altri membri del gruppo d’élite, iniziarono presto ad assumere pittori per creare questi rivestimenti murali in carta dipinta per loro.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post