Pianta di curcuma: coltivazione e benefici

La curcuma è una spezia sempre più utilizzata come pianta ornamentale, è apprezzata in cucina e non solo. Definita come lo Zafferano delle Indie, è caratterizzata da un sapore intenso e un colore giallo oro caldo. Scopriamo come coltivarla e quali benefici trarre da questo fiore.

Pianta di curcuma: come coltivarla

I rizomi di curcuma sono utilizzati come spezia in cucina, per dare colore e sapore ad alimenti e ma anche per tinteggiare i tessuti.

La curcuma è una pianta tropicale molto somigliante ai Fiori di Loto. Non sopravvive alle temperature particolarmente rigide (sotto i 12/15 gradi Centigradi). Per proteggerla dal freddo occorre metterla a dimora in ambienti freschi ed asciutti. In inverno non va innaffiata. L’irrigazione ha inizio in primavera quando iniziano a nascere i primi nuovi germogli.

L’ambiente ideale per coltivare la pianta di curcuma è caldo umido. La coltivazione della curcuma è abbastanza semplice sia in piena terra che in vaso. Durante i mesi più caldi la pianta di curcuma va innaffiata con regolarità. Attenzione però a non favorire i ristagni: potrebbero far marcire le radici. Il terreno ideale per coltivare la curcuma è dunque ricco ma ben drenato. Durante le giornate più calde, è consigliabile bagnare anche le foglie della pianta, non più di una volta al giorno. In autunno, invece, bisogna rallentare l’irrigazione, fino ad evitarla del tutto in modo da favorire l’essiccamento delle foglie.

Cresce il fenomeno del Km 0 a casa propria “dall’orto alla tavola a casa tua”

Come raccogliere e conservare la curcuma

In autunno, al termine della fioritura, la pianta entra in riposo vegetativo e la parte aerea inizierà a seccarsi per poi risvegliarsi in primavera con nuovi germogli. Il momento perfetto per raccogliere i rizomi è la stagione invernale. I rizomi, una volta estratti dal terreno, puliti e asciugati possono essere consumati freschi o fatti essiccare a temperatura ambiente e in un luogo buio e ventilato e conservati in contenitori chiusi. Possono essere utilizzati in polvere come spezia in cucina oppure tagliati a fette e impiegati per preparare tisane digestive.

Autosufficienza alimentare: coltivare e allevare per l’autosufficienza della famiglia

I benefici della curcuma

Sono numerosi i benefici della curcuma. La pianta ha un’azione antinfiammatoria, colagoga e coleretica. Favorisce la digestione. Non solo. La curcuma è un aiuto contro il diabete, il colesterolo alto, l’obesità ed ha proprietà antiossidanti. Per questo è sempre più apprezzata ed utilizzata in cucina nella preparazione di pasta, riso, carni bianche, pesce e insalate.

Dal fiore di curcuma si ricava la tintura madre che ha le stesse proprietà della pianta, aiuta ad eliminare infezioni e batteri, stimola le funzioni del fegato ed ha una discreta azione ipocolesterolemizzante. Recenti studi hanno dimostrato il potere curativo della curcuma anche per l’artrite reumatoide. Olio essenziale, curcumina, polisaccaridi, vitamina C sono i principi attivi del fiore di curcuma.

Pianta di curcuma - coltivazione e benefici

Pianta di curcuma, coltivazione e benefici – Canva

Conosciamo meglio la pianta di curcuma

La pianta di curcuma appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae, originaria dell’India e delle zone tropicali. Esistono circa 80 varietà di questa pianta tra le quali quella più utilizzata in alimentazione e in fitoterapia è la Curcuma longa. È molto conosciuta come spezia in polvere.

Le spezie afrodisiache che accendono il desiderio

Come anticipato, la pianta di curcuma è molto apprezzata oggi anche per il suo valore decorativo grazie alla bellezza dei suoi fiori che possono essere di colore bianco, giallo, rosa o lilla.

Le foglie della curcuma sono abbastanza grandi, lunghe dai 20 ai 45 cm e dotate di un picciolo allungato. I fiori sono raccolti in una pseudo-infiorescenza ricca di grandi brattee verdi in basso e bianche o violacee in alto. Tali brattee verdi formano una serie di tasche, che ospitano i grandi fiori caratteristici della pianta.

La radice della curcuma è un grosso rizoma di forma tendenzialmente cilindrica, ramificato, di colore giallo o arancione, fortemente aromatico.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • È sempre più breve il tempo dedicato a cucinare e a mangiare, ma non sfugge più agli abitanti la stretta relazione tra cibo e salute: è quanto emerge da uno studio realizzato da Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, dedicato ai nuovi stili alimentari degli italiani. Il 97,1% degli intervistati, la quasi totalità, è consapevole del legame tra cibo e salute, tuttavia emerge un dato allarmante: la metà della popolazione adulta è in sovrappeso o addirittura obesa, con un tasso di obesità dell’11%, pari a 5,3 milioni di persone, in crescita del 20% negli ultimi dieci anni.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

Dottoressa in Lingue Moderne per il Web. Giornalista pubblicista. Specializzata in Giornalismo dell’Architettura e dell’Interior Design.