Alimentazione: come il cibo migliora il nostro benessere

L’alimentazione risulta fondamentale per il benessere psicofisico di ciascuno di noi. Per questo è importante capire come offrire al nostro corpo ciò di cui necessita in maniera ottimale.

Cosa si intende per sana alimentazione?

E’ fondamentale per il nostro equilibrio imparare a gestire al meglio l’alimentazione. Per fare ciò è bene sapere che l’organismo richiede ogni giorno un adeguato consumo calorico e tutti i nutrienti, necessari per vivere in salute. Quindi dovremmo seguire un’alimentazione varia, riuscendo ad abbinare gli alimenti in maniera corretta. Questo consente, infatti, di: evitare di cadere nella monotonia di pasti tutti uguali, soddisfare il gusto, diminuire il bisogno di integratori (minerali, vitamine, ecc.) ed evitare squilibri sia di tipo metabolico che nutrizionale.

Junk Food: che cos’è davvero il “cibo spazzatura”

Alimentazione: i nutrienti

Possiamo suddividere gli alimenti in macronutrienti e micronutrienti. Con il primo termine si indicano zuccheri, proteine e grassi, che devono essere assunti in adeguate quantità, poiché donano energia. I secondi, invece, fanno riferimento a vitamine e sali minerali che, seppur assunti in minor quantità, sono importanti per garantire una buona salute. Infine, è doveroso nominare l’acqua. Quest’ultima è considerata il nutriente essenziale per l’organismo, senza di essa organi, cellule e tessuti morirebbero rapidamente. Dunque, è necessario assumerne quotidianamente una buona quantità (1,5/ 2 litri) per garantire al nostro corpo lo svolgimento di vitali funzioni.

alimentazione

Immagine di Shutterstock

Come gli alimenti influenzano il nostro equilibrio

Secondo alcuni studi esistono alcun sostanze nutritive che contribuiscono alla salute mentale. Ad esempio, omega 3, vitamine del gruppo B, zinco e magnesio sembra prevengano disturbi come ansia e depressione. Tra le particolari connessioni dei vari nutrienti al benessere psicologico troviamo che:

  • gli omega 3 sembra favoriscano l’aumento della concentrazione della dopamina, neurotrasmettitore del buonumore;
  • magnesio e vitamine B6 e D facilitano il sonno e favoriscono il senso di felicità;
  • le proteine dalle quali si producono vari neurotrasmettitori, sono legate alla regolazione dell’umore;
  • gli zuccheri, se consumati eccessivamente, provocano sbalzi d’umore, causati dalle variazioni della glicemia;
  • il caffè, consumato eccessivamente, favorisce disturbi d’ansia;
  • un consumo eccessivo di latte e glutine può incidere negativamente sul nostro sistema nervoso.

App anti spreco per non buttare via il cibo

Seguire una corretta alimentazione

Possiamo affermare che l’alimentazione giochi un ruolo centrale nella salute del nostro organismo. E’ importante capire, quindi, come organizzarla al meglio. Per iniziare è fondamentale suddividere le calorie che il nostro corpo richiede nei vari pasti, in maniera tale da avere le energie necessarie durante la giornata e da mantenere attivo il metabolismo. E’ importante, quindi, non saltare i pasti poiché comporterebbe un rallentamento metabolico ed un maggior approvvigionamento di energia (in forma di grasso) al momento del pasto successivo. E’ bene, poi, scegliere materie prime di qualità, evitando preparati e piatti pronti, e mangiare varietà di cibi differenti. Infine, è preferibile evitare le diete fai da te ed i consigli di persone non competenti poiché il rischio di squilibri è alto e questo porterebbe problemi di salute, anche gravi.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • Meno della metà della popolazione italiana segue una dieta.
  • La dieta mediterranea è adatta ad ogni età ed esigenza nutrizionale.
  • Secondo recenti studi il numero di italiani che desiderano perdere peso è triplicato e soltanto il 38% di loro ha chiesto aiuto ad un dietologo.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

habitante.it/iscrizione-newsletter-habitante

Written by

Dottoressa in Scienze dell'Educazione e della Formazione