Letto giapponese: design sostenibile e minimal

In Italia, l’arredamento giapponese sta sempre più influenzando il design attuale. Di seguito alcuni consigli, idee e suggerimenti sul letto giapponese, per dare vita ad una camera da letto che sia sostenibile e minimal.

Il letto giapponese è, probabilmente, uno dei protagonisti principali che caratterizza l’arredamento in stile giapponese. Di seguito alcuni consigli e idee di design per la propria casa.

Letto giapponese: caratteristiche e vantaggi

In Giappone, con il termine futon si indica la combinazione del materasso e di una coperta. Questi due elementi insieme danno vita al comune e classico letto in stile giapponese. Il tatami è il tipico tappeto di forma rettangolare, o quadrata, realizzato in paglia di riso. Questo elemento, il tatami appunto, viene posto su un telaio del letto, dando così vita ad futon. Rispetto ai letti tradizionali, il modello giapponese è più basso rispetto al normale. Si tratta di una perfetta alternativa tra il dormire sul pavimento o il dormire nell’alto letto di tradizione occidentale. Negli ultimi anni, il futon si è diffuso nell’arredamento occidentale, grazie alle sue forme lineari e moderne e, soprattutto, per l’alta qualità del legno.

letto giapponese

Letto giapponese design sostenibile e minimal – Foto di Canva

Quali sono le dimensioni del letto giapponese?

In genere, i letti giapponesi vengono realizzati con materiali termoisolanti e anallergici, così da impedire l’accumulo di polveri nel corso del tempo. Nello specifico, per la realizzazione del futon si è soliti utilizzare una base in lattice naturale e fibra di cocco, rivestita poi con tessuti naturali, come la fibra di cotone. Si tratta, quindi, di una struttura capace di assorbire l’umidità, così da garantire calore in inverno e freschezza in estate. Per quanto riguarda le dimensioni, invece, un letto singolo misura in genere 90×200 cm. Le misure del letto matrimoniale, invece, sono invece 180×200 cm.

letto giapponese

Letto giapponese design sostenibile e minimal – Foto di Canva

Letto in stile giapponese: prezzi e recensioni

I letti in stile giapponese sono molto apprezzati proprio perché realizzati con materiali assolutamente ecologici. Si tratta, quindi, di una soluzione green ideale, così da ridurre l’impatto ambientale. Questa tipologia di letti è in grado di assicurare un alto livello di benessere psicofisico. Inoltre, la composizione stessa del tatami, in paglia organica di riso e giunco, è in grado di avvolgere tutto l’ambiente con un profumo capace di diffondere tranquillità. Infine, questi letti sono stati ben recensiti proprio per la loro efficienza, grazie alla loro ottima resistenza all’usura e al tempo. Per quanto riguarda il prezzo, questo può variare in base al modello scelto e ad una serie di fattori. Di base, il prezzo standard è di circa 230 euro.

letto giapponese

Letto giapponese design sostenibile e minimal – Foto di Canva

Camera da letto in stile giapponese: consigli e idee

I letti in stile giapponese sono probabilmente i protagonisti principali di una zona notte ispirata a questo arredamento orientale. In genere, le camere da letto giapponesi seguono determinate regole di base, fondamentali per ricreare l’atmosfera di benessere che avvolge questi ambienti. Per quanto riguarda i colori, si è soliti optare per bianco, beige, giallo e marrone. Si tratta di tinte calde, capaci di fondersi perfettamente in armonia e freschezza. Per i  complementi d’arredo, in genere, si tende ad optare per soluzioni in legno o bambù, materiali naturali e tipici in Oriente. Le decorazioni, invece, rappresentano sicuramente elementi importanti per completare l’arredamento. Alcuni accessori indispensabili sono: le decorazioni di bambù, il bonsai, vari cuscini nel pavimento, lanterne, origami e molto altro ancora. Infine, un elemento che contraddistingue questi ambienti è l’illuminazione, caratterizzata da luci soffuse e tenui così da riscaldare l’atmosfera.

letto giapponese

Letto giapponese design sostenibile e minimal – Foto di Canva

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sulle tendenze, consigli e idee sulla casa e il giardino continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi su
Scritto da