Dal 1938 al 2021 la cucina in continua evoluzione con Aeternum

Aeternum da oltre 80 anni valorizza la cucina italiana con prodotti sinonimo di stile, di qualità, di tradizione e creatività arrivando, così, a conquistare la fiducia dei consumatori nel settore degli strumenti da cottura in acciaio Inox e in alluminio. Oggi Aeternum vuole esprimere al meglio il concetto di innovazione affermando il brand sul mercato internazionale del cookware. Per fare ciò, ha deciso di unire al “Re Inox”, nuovi materiali e tecnologie all’avanguardia, come gli innovativi rivestimenti antiaderenti Petravera e Titanio per offrire un modo sano, essenziale e contemporaneo di vivere la cucina.

DAL 1938 AL 2020 AETERNUM IN CUCINA

AETERNUM IN CUCINA DAL 1938 – aeterum.it

Ci accompagna nel nostro viaggio dell’abitare il Dott. Antonio Pavone, Marketing Manager per la categoria degli Strumenti da Cottura del Gruppo Bialetti, marchi Aeternum e Bialetti, che ha commentato per noi i dati emersi dall’ultima rilevazione di Big Hub, in collaborazione con Business Intelligence Group, sugli acquisti nel settore Casa & Giardino in Italia durante il lockdown.

Gli abitanti italiani ci hanno detto che sono disponibili a spendere il 13% in più per prodotti attenti alla salute, ecosostenibili, personalizzati e innovativi. Cos’è che sta facendo la vostra azienda su questi temi?

Il marchio Aeternum, appartenente al gruppo Bialetti, è uno dei principali brand di riferimento per gli strumenti da cottura in Italia. Nell’ideazione di nuovi prodotti ci stiamo muovendo in due direzioni. Da un lato, al fine di realizzare prodotti che siano sempre più attenti all’ambiente e alla salute, lavoriamo con i nostri fornitori affinché utilizzino materiali che abbiano il minore impatto possibile. I nostri prodotti sono in alluminio riciclato, le vernici utilizzate sono a base d’acqua, riducendo l’utilizzo di solventi ed altri elementi chimici. Stiamo progressivamente riducendo la plastica dagli imballaggi e dalle confezioni. Ovviamente, poiché le pentole vanno a contatto con gli alimenti, i nostri prodotti sono provvisti di certificati alimentari. Ma per garantire la massima qualità dei prodotti che proponiamo ai nostri clienti, abbiamo al nostro interno un laboratorio di qualità che effettua svariati test sui prodotti prima che questi vengano immessi sul mercato.

Dall’altro lato puntiamo a innovare il nostro portafoglio per poter fornire ai nostri consumatori degli strumenti che possano rispondere ad esigenze nuove e sempre più specifiche. Infatti, oltre alle padelle, casseruole e tegami, le forme più comuni utilizzate in cucina, abbiamo creato dei prodotti con funzioni ad hoc per grigliare, piastrare, cuocere a vapore, cucinare pasta, pizze, piadine, brasati, ma anche pancake e dolci. Il nostro obiettivo è poter fornire la migliore soluzione in cucina per tutte le ricette che i nostri consumatori vogliano sperimentare.     

Abbiamo realizzato un’indagine sulle famiglie italiane per capire quanto il lockdown avesse avuto un impatto sulla loro dimensione sociale, personale e quella dei consumi. Guardando questo grafico, qual è il dato che più vi fa riflettere? E perché?

grafico ricerca di mercato italiani dopo il lockdown

COME CAMBIERANNO GLI ITALIANI DOPO IL LOCKDOWN – Big Hub

Sicuramente alla fine del lockdown sarà alta la voglia di riprendersi gli spazi all’aria aperta, i momenti di condivisione con amici e parenti fuoricasa, ma è interessante come, dopo queste risposte, riscoprire i rapporti con i vicini di casa e passare più tempo in casa siano le scelte prioritarie. Questo fa presumere che, in un futuro normalizzarsi della situazione, la gente darà maggior valore all’ambiente domestico spostando parte delle attività con amici, parenti e vicini tra le mura di casa. Questo comporterà ovviamente una diversa gestione degli ambienti e di consumo di quei prodotti legati al mondo casalingo.

L’autoproduzione in cucina: la nuova sfida sostenibile

Guardando questo grafico, qual è il dato che più vi fa riflettere? E perché?

Foto: Come cambieranno gli italiani dopo il lockdown - Big Hub

Foto: Come cambieranno gli italiani dopo il lockdown – Big Hub

Salute e ambiente diventano i must da preservare per il futuro. La pandemia accelererà il trend già in crescita negli ultimi mesi dell’adozione di un comportamento sempre più sostenibile e di salvaguardia dell’ambiente che ci circonda e del contesto più intimo intorno a noi. I comportamenti di aziende e individui dovranno vertere verso lo stesso obiettivo.

Guardando questo grafico, qual è il dato che più vi fa riflettere? E perché?

Foto: Come cambieranno gli italiani dopo il lockdown - Big Hub

Foto: Come cambieranno gli italiani dopo il lockdown – Big Hub

Da questo grafico emergono, a mio parere, 2 indicazioni fondamentali. La prima è legata all’attenzione dell’origine dei prodotti privilegiando “patriotticamente” il made in Italy o la filiera italiana. La seconda legata alla minore capacità di acquisto, probabilmente ridotta come conseguenza economica del Covid-19, e la voglia di risparmiare. A volte però risparmio e made in Italy, per alcune categorie di prodotto, non sono sugli stessi binari. Le aziende dovranno quindi riuscire a combinare qualità, prezzo e italianità nel miglior modo possibile per rispondere alle esigenze della gente.

Pillole di Curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Risorse, territorio, tradizione, cultura, innovazione e bellezza sono le caratteristiche che contraddistinguono l’Italia. Da questi stessi principi nascono tutti i prodotti Aeternum. È su questi valori che dal 1938 Aeternum fonda la sua storia di successo, alla continua ricerca dell’eccellenza.
  • Visita il sito e scopri tutti le novità di Aeternum.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Appassionata da sempre di animali, con il sogno di vivere in mezzo a loro, credo negli alberi e nella magia del bosco, credo alle mani forti e gli occhi pieni. Camminare scalza nei prati è una delle mie più grandi passioni. Scopro il mondo della cinofilia nel 2016, e inizio un percorso di formazione che è ancora in atto. Proprio grazie ai cani, incontro Sonia Carrera e le sue adorabili spitz, e così nasce la collaborazione con Habitante, grandissima fonte di ispirazione e spinta a mettermi in gioco.