Vivere su una houseboat

Sempre più persone in tutto il mondo scelgono di vivere in modi alternativi per allontanarsi dal caos delle metropoli. Molti scelgono di vivere in barche o in vere e proprie case galleggianti. Oggi vivere su una houseboat è possibile e l’offerta ha raggiunto livelli di comfort fantastici.

Cosa sono le houseboats

Le houseboats, come si intende dal nome, “casa barca”, sono barche a vela o a motore, ripensate per essere utilizzate come abitazioni sull’acqua. In Inghilterra, Olanda e Germania, dove le città sono attraversate da fiumi e canali, le houseboats sono molto diffuse. Trasferirsi in una houseboat è un’alternativa confortevole, economica ed ecologica infatti ci si rilassa stando a contatto con il mare.

House Boat

Foto di Enrica_Teclablu Photography

Le houseboats tra tradizione e modernità

Il fenomeno delle houseboats si è manifestato per la prima volta sul finire della Seconda Guerra Mondiale, quando nelle città scarseggiavano gli alloggi, mentre c’erano tantissime navi dismesse. Da quel momento iniziarono ad essere legalmente registrate, ma ancora ce ne sono molte che non possiedono tutte le autorizzazioni. Dal punto di vista della progettazione c’è stata un’evoluzione importante, a Berlino per esempio,  su fiumi e laghi cittadini stanno sorgendo moderne e lussuose houseboats costruite con materiali innovativi e dotate di  autonomia energetica e allestimenti hi-tech.

Le case galleggianti: la nuova frontiera dell’architettura sostenibile

Le innovative houseboats hi-tech

Una delle imprese edili più all’avanguardia nel settore è Go Friday, le houseboats sono caratterizzate da un arredamento lussuoso e  generano in maniera autonoma quasi l’80 per cento dell’energia grazie ai pannelli solari installati sul tetto. Anche l’azienda francese Anthenea ha prodotto i primi prototipi di dimore galleggianti con forma circolare. Questa houseboat è dotata non solo di ampie finestre per godere della vista di tutto il paesaggio, ma anche di vetrate sul pavimento per ammirare quello che c’è sotto livello dell’acqua.

Il mondo segreto di una casa barca: le houseboats di Amsterdam

Scegliere di andare a vivere su una houseboat

Abitare su una houseboat è possibile! Le ragioni sono tante e in molti preferiscono questa soluzione al classico appartamento. Abitare su una barca in città è possibile, ma comporta un cambiamento nel proprio stile di vita. A Londra per esempio sul fiume Tamigi vivono i benestanti, mentre sul canale di Regent chi non può permettersi una casa. Ovviamente ci sono barche di tutte le dimensioni, piccole e minimaliste o più grandi che possono essere arredate in qualunque modo con libertà. Se vuoi cambiare vita e vivere su una houseboat segui il tuo stile, ogni houseboat ha le sue particolarità e prevede un determinato budget.

House Boat 3

Foto di Enrica_Teclablu Photography

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Londra è famosa per le houseboats che costeggiano i canali di Paddington. Una meta da non perdere Little Venice, zona residenziale su due canali Grand Union Canal e Regent’s Canal. Le caratteristiche houseboats di questa zona sono di svariati colori e rendono i canali speciali.
  • Ad Amsterdam le houseboats rappresentano una scelta alternativa a hotel e B&B. È possibile infatti affittare un houseboat e dormire lungo i canali della città.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.