Terrazzo a norma, come realizzarlo in conformità agli obblighi di legge

Il bisogno di ristrutturare casa arriva prima o poi per qualsiasi abitante. Farlo non è sempre un’esperienza entusiasmante, talvolta può rappresentare fonte di stress. Eppure la ristrutturazione di casa risulta essere un investimento indispensabile per il proprio futuro.

Tra gli interventi più praticati c’è la ristrutturazione del terrazzo, la realizzazione di una seconda cameretta, di un home office o di un secondo bagno. Qualsiasi sia l’ambiente da realizzare occorre farlo in conformità agli obblighi di legge. Vediamo come realizzare un terrazzo a norma.

Bagno a norma, come realizzarlo in conformità agli obblighi di legge

Terrazzo a norma, come realizzarlo in conformità agli obblighi di legge

Durante la fase di ristrutturazione o costruzione di un terrazzo è necessario attenersi ad alcune importanti normative, la cui violazione potrebbe comportare delle spiacevoli conseguenze. Avere un terrazzo a norma vuol dire rispettare le disposizioni di legge e predisporre gli spazi in maniera sicura e confortevole.

Permesso di Costruire e DIA

La ristrutturazione edilizia di un terrazzo può essere autorizzata attraverso il Permesso di Costruire ma anche con una Dichiarazione di Inizio Attività (DIA). Il Comune e la Regione possono, sul proprio territorio, personalizzare la richiesta di autorizzazioni.

Il Permesso di Costruire deve essere presentato al comune di competenza, compilando un modello già predisposto. Tale richiesta può essere presentata dal proprietario dell’immobile o da un suo rappresentante legale. Nel permesso vanno indicati il termine d’inizio e fine lavori.

Certificare la praticabilità

Nel caso in cui la casa abbia una copertura piana di proprietà, bisogna che un ingegnere ne certifichi la praticabilità. In assenza di copertura piana, è necessario provvedere alla stessa e creare un collegamento con il vano scala esistente.

Attraverso un intervento strutturale bisognerà realizzare dei parapetti di un’altezza minima di 110 cm. Si dovrà altresì provvedere all’impermeabilizzazione e all’isolamento dello spazio.

10 materiali sostenibili per la Casa di Domani

Realizzare un terrazzo a norma in un’abitazione indipendente

Nel caso si tratti di un’abitazione indipendente, è necessario rispettare:

  • i regolamenti urbanistici e il regolamento edilizio, i quali presentano delle eccezioni locali.
  • Le tutele ambientali: i vincoli possono essere di tipo normativo o di tutela, per esempio nei centri storici o in aree vincolate dal punto di vista paesaggistico, e in tal caso la pratica deve essere sottoposta ad autorizzazione da parte di chi ha emesso il vincolo.
  • Le prescrizioni del Codice Civile che regolano quelle che sono le distanze relative alle vedute sulle proprietà altrui.

Inoltre, deve essere garantita la sicurezza dell’intervento rispetto all’edificio sottostante e la continuità di impermeabilizzazione svolta dalla precedente copertura.

Realizzare un terrazzo a norma in un condominio

Nel caso invece si tratti di un immobile parte di un condominio, la situazione è più complessa. In questo contesto, costruire un terrazzo viene considerato un intervento sulle parti comuni, quindi, oltre alle regole precedentemente considerate, ci sono quelle relative al complesso condominiale.

In un condominio, prima di costruire un terrazzo ad uso esclusivo, è necessario chiedere il consenso all’assemblea condominiale in quanto la modifica di una proprietà che interferisce in facciata è da considerarsi modifica delle parti comuni.

La costruzione di un terrazzo in condominio non deve

  • pregiudicare la stabilità dell’edificio;
  • ledere il decoro architettonico;
  • tralasciare le norme antisismiche.
Realizzare un terrazzo a norma

Terrazzo a norma, come realizzarlo in conformità agli obblighi di legge – Canva

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • Dai dati emersi dall’Osservatorio sulla Casa, nel 2019 il 17% degli abitanti ha realizzato un’attività di manutenzione o ristrutturazione del terrazzo di casa.
  • È emerso anche che il 29% degli abitanti, nel 2019, hanno acquistato un mobilio per il terrazzo, il giardino o altri ambienti esterni.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Lingue Moderne per il Web. Giornalista pubblicista. Specializzata in Giornalismo dell’Architettura e dell’Interior Design.