Riordinare casa per cambiare stile di vita

Riordinare non significa fare le pulizie domestiche. È un lavoro per chi è stanco di sentirsi circondato dal caos e sente di vivere in una casa o in un ambiente lavorativo privi di armonia talvolta sentendosi a disagio anche a livello psicologico. Ecco perché è sinonimo di cambiare stile di vita.

Appendiabiti fai da te per una casa sempre in ordine

Cambiare stile di vita partendo dall’ordine

Riordinare casa è proprio il contrario di rimettere in ordine. Riordinare significa iniziare un processo di cambiamento. Anche se sembra di non avere lavoro da fare, non è così. Alcune modifiche riflettono inevitabilmente sullo stato fisico ed emotivo di una persona. Capire come procedere e l’aiuto nel realizzarlo immediatamente, permettono di riappropriarsi del proprio entusiasmo.

Si tratta di un vero e proprio stile di vita, che riserverà continue sorprese e risultati appaganti.

La prima cosa da fare è guardare da vicino tutti gli oggetti della propria abitazione, i propri spazi, gli ambienti di vita e di lavoro per capire di cosa veramente abbiamo bisogno, come in un vero percorso personale che alla fine dona maggiore autostima e capacita di prendere decisioni al meglio.

Le regole del riordino

Riordinare non è un dovere ma a volte è davvero il momento di farlo perché:

  • Si è sommersi da oggetti e informazioni
  • Si cercano cambiamenti importanti nelle relazioni e nella professione
  • Si è alla ricerca della propria strada

Spesso non si sa da dove iniziare ad affrontare un lavoro di riordino approfondito dei propri spazi. Questa attività richiede voglia, coraggio e determinazione.

I momenti difficili possono essere visti non solo come difficoltà ma anche come opportunità e veri e propri acceleratori del cambiamento. Tanti segnali permettono di aiutarci a tracciare un percorso nuovo e ricominciare ogni giorno a costruire il proprio futuro.

Iniziando il riordino della propria casa o dell’ambiente di lavoro, si comincerà a muovere un’emozione nuova dentro di sé e la soddisfazione finale sarà davvero enorme.

Le regole per cambiare stile di vita

Da dove partire per cambiare stile di vita? Ci sono 5 azioni di riordino da mettere in pratica da subito per iniziare il proprio cambiamento interiore e sono le seguenti:

  • Riordinare casa in una volta sola: tutto in una volta da cima a fondo seguendo un ordine preciso nell’eliminare gli oggetti che non servono più o che fanno stare male.
  • Immaginare lo stile di vita ideale: quello che si vuole ottenere dal riordino nel modo più realistico possibile.
  • Fare un sopralluogo approfondito degli ambienti di vita e lavoro. Non si tratta solo delle stanze ma anche dell’interno di armadi e cassetti.
  • Tenere alla larga l’emotività iniziando dagli oggetti che solitamente coinvolgono emotivamente meno.
  • Tirare fuori tutto da ogni armadio, mobile o ripostiglio in modo che tutti gli oggetti dello stesso tipo vengano radunati in una stanza o in un angolo facendone pile o gruppi.

Come tenere la casa in ordine con stile e semplicità

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?
  • Dagli ultimi dati pervenuti, il 14% degli italiani si ritaglia qualche ora per pulire una stanza specifica della casa, mentre il 40% lo fa nell’arco di un singolo giorno a settimana. Tra le faccende domestiche legate alla pulizia della casa, l’attività caratterizzata dal maggiore livello di stress è la pulizia del bagno, (25%) seguita dalle attività che richiedono l’utilizzo dell’aspirapolvere (19%).
    Il 51% degli italiani si dedica alla pulizia del bagno una sola volta a settimana, mentre un buon 46% lo fa una volta al giorno, anche se in misura minore.
  • Il 54% degli italiani acquista prodotti biologici ed eco-friendly per le pulizie domestiche, mentre il 26% predilige solamente i detergenti amici dell’ambiente. Il 17% li trova troppo cari per poterli sostituire a quelli tradizionali.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Sono laureata in giornalismo e lavoro come redattrice, traduttrice e copywriter. Mi piace parlare di tutto con approccio scientifico, soprattutto di enogastronomia. Scrivo di moda e la creo (sono anche ricamatrice e modellista sartoriale).