Progettare una casa senza barriere architettoniche

Progettare una casa senza barriere architettoniche è utile quando ci sono persone di età avanzata, disabili o bambini. In questo caso bisogna pensare prima di ogni cosa al comfort e alla funzionalità degli ambienti. Ecco tutto quello che c’è da sapere per vivere in uno spazio dal design inclusivo, accessibile e bello.

Rendere la casa comoda e sicura

Una casa priva di barriere architettoniche è uno spazio comodo e sicuro, vivibile con indipendenza e libertà di movimento. Migliora la qualità della vita a qualsiasi età e fa la differenza nel caso di bambini e persone disabili. Oggi l’importanza del design inclusivo che riguarda la progettazione in ottica di accessibilità è fondamentale, soprattutto nella ristrutturazione di edifici già esistenti. Infatti, sempre più amministrazioni pubbliche la incentivano con leggi e agevolazioni fiscali dedicate per il miglioramento della quotidianità. I sette punti alla base del design inclusivo sono infatti: equità, flessibilità, semplicità, percettibilità, tolleranza per l’errore, contenimento dello sforzo fisico, misure e spazi sufficienti. Inoltre, il bagno rappresenta una “sfida”, che mette a dura prova progettisti, aziende e fruitori.

Ageing design: il bagno inclusivo

Gli elementi che rendono una casa accessibile

Progettare una casa accessibile per anziani, bambini e disabili significa tener conto delle caratteristiche di ogni individuo. Pertanto, ogni progetto è realizzato su misura a seconda delle esigenze del cliente tenendo in considerazione vari elementi. Ci sono però, alcune semplici regole generali che si adattano a particolari necessità. Ad esempio assicurare lo spazio necessario di accesso tra i mobili e quello di rotazione per la manovra dei disabili in carrozzina.

Barriere architettoniche: leggi e normative

1 Rimozione delle barriere architettoniche alla mobilità

Prima di ogni altra cosa bisogna provvedere alla rimozione di rampe di scale e scalini che impediscono la fruizione sicura e serena dello spazio. Queste sono l’ostacolo più evidente all’accessibilità in casa! Infatti, impediscono il movimento di chi si sposta in carrozzella e limitano l’indipendenza di anziani e persone con una capacità motoria limitata. La soluzione più rapida e con il miglior rapporto qualità/prezzo è l’installazione di un montascale o di un mini ascensore che offre svariati vantaggi in termini di accessibilità. In casa sono molto utili anche le pedane passacordolo da posizionare sulla soglia di una porta o di una porta-finestra, sopra il cordolo, per renderla accessibile da entrambi i lati. Inoltre, per facilitare l’autonomia di movimento, è importante posizionare maniglie ergonomiche e corrimano in punti strategici, in corrispondenza di scale, pedane, all’ingresso, vicino ai sanitari, al letto o alla poltrona.

Tecnologia e disabilità: come i robot aiutano i bambini disabili

2 Adeguamento di spazi di manovra e passaggi

Un altro aspetto principale per la mobilità domestica di chi utilizza deambulatori, sedie a rotelle, bastoni o stampelle è quello di considerare lo spazio necessario per effettuare manovre, invertire la direzione del movimento e spostarsi lateralmente. In alcuni casi è sufficiente sostituire le porte interne con un modello a scrigno o spostare i mobili per creare spazi più ampi, senza ricorrere a modifiche strutturali. Per lo spazio di manovra insufficiente sui balconi per esempio, è utile installare infissi saliscendi provvisti di serrande elettriche. Per gli armadi la soluzione migliore è adottare porte a scomparsa o a soffietto. Mentre, per i pensili della cucina si possono scegliere antine a scorrimento con la possibilità di aperture automatizzate.

Arriva MusA, l’app che aprirà i musei anche alle persone con disabilità visive

3 Altezza e posizionamento di interruttori e accessori

In una casa tradizionale ci sono una serie di attività inaccessibili e molte più insidie di quello che si pensa. In una casa accessibile per esempio, il citofono deve essere posizionato ad un’altezza tra i 110-130 cm da terra, le prese di corrente, in base alla destinazione d’uso prevalente, invece, hanno un’altezza minima di 45 cm e massima di 115 cm. Nel bagno, che è uno degli ambienti più importanti della casa, per essere comodo e funzionale, i sanitari necessitano di uno spazio frontale di 80 cm e laterale di 100 cm per l’avvicinamento della carrozzina. In poche parole è necessario utilizzare strumenti di supporto, come gli accessori per la sicurezza in bagno, che contribuiscono a dare un senso di protezione e tranquillità alle persone che ci vivono.

barriere architettoniche

shutterstock foto Di Joerg Lantelme

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo. E tu?

  • Una casa accessibile progettata in maniera Smart perfeziona le soluzioni personalizzate. È utile automatizzare le principali operazioni di gestione della casa come aprire e chiudere porte, attivare antifurti a orari programmati, accendere le luci e regolarne l’intensità, comporre numeri di telefono e comunicare con l’esterno, attivare tv e impianti musicali. Inoltre i dispositivi a riconoscimento vocale, con microchip, a sfioramento o a pressione vengono incontro alle esigenze della persona disabile e le garantiscono il massimo livello di sicurezza e affidabilità.
  • Le spese per l’abbattimento delle barriere architettoniche rappresentano sempre un investimento lungimirante quando si acquista una casa, ma rappresentano una priorità nel caso di anziani, disabili e persone che convivono con varie patologie. Proprio per questo sono previste dalla legge 104/92 agevolazioni fiscali per la ristrutturazione di una casa per eliminare le barriere architettoniche e incentivi per l’acquisto a IVA agevolata di ausili e accessori che ne migliorano l’accessibilità.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.