Come potrebbe cambiare il Superbonus? Tutte le novità

Condividi L'articolo su

Tra gli interventi più discussi ultimamente dal governo Meloni, il Superbonus è uno dei principali. Di seguito tutte le informazioni sul fine che farà questa agevolazione e le proposte di modifica.

Negli ultimi giorni, il governo Meloni si sta occupando del Superbonus e di come questo, prima di scadere ed essere rinnovato, potrebbe subire delle modifiche sostanziali. Ecco alcune informazioni e le novità sulle proposte di modifica del governo.

Come può cambiare il Superbonus?

Secondo le intenzioni dichiarate precedentemente dal governo Meloni, il progetto di modificare il bonus può essere considerato sicuro. Questo possibile cambiamento è legata, in modo principale, ad questione di risorse che ha il governo a disposizione: i fondi economici limitati, limitano di conseguenza le agevolazioni del bonus. Proprio per questo, una delle proposte sempre più attuale, è quella di ridurre le aliquote e i contribuiti offerti. Al giorno d’oggi, il bonus è riconosciuto fino al 31 dicembre 2025 con una percentuale pari al:

  • 110% per le spese fino al 31 dicembre 2023;
  • 70% per le spese del 2024;
  • 65% per le spese del 2025.
superbonus

Come potrebbe cambiare il Superbonus? Tutte le novità – Foto di Canva

Le proposte avanzate in governo per il bonus

Al giorno d’oggi, le proposte avanzate in governo il merito al bonus sono diverse. In generale, infatti, il nuovo governo si è dimostrato propenso ad incentivare il settore edilizio, ma rivedendo alcuni punti fondamentali. Secondo le ultime notizie, si pensa che il governo abbia in mente due modifiche principali:

  • la riduzione dell’aliquota del bonus da attuare già per il prossimo anno. Questa potrebbe raggiungere una percentuale che si aggira tra il 65 e il 70-80%;
  • aggiungere nuovamente tutte le villette indipendenti e le abitazioni unifamiliari, che lo scorso 30 settembre scorso sono state escluse. Questo concessione, però, prevede anche una riduzione dello sconto al 100% (invece che del consueto 110%) e la tenuta di alcuni importanti requisiti non ancora chiari.

La creazione di un unico bonus casa

Un’altra proposta presentata in governo è quella di incorporare in un unico bonus casa tutti i bonus edilizi, compreso il Superbonus. Inoltre, si propone di tenere in considerazione, per concedere il contributo, di reddito e delle personali condizioni patrimoniali. In linea generale, però, si tratta in tutti i casi di ipotesi, per cui nessuna proposta è stata ufficializzata.

superbonus

Come potrebbe cambiare il Superbonus? Tutte le novità – Foto di Canva

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • Secondo l’Osservatorio Superbonus, le forze politiche, grazie all’incentivo, sono state in grado di liberare 6 miliardi di crediti prima ritenuti fermi. In generale, si è registrato che la regione che ha usufruito maggiormente del bonus è stato il Veneto. Molto elevati si mostrano essere le percentuali delle regioni del centro-sud, in particolare: il Molise (12,24%), l’Abruzzo (12,01%) e la Sardegna (11,7). Per quanto riguarda le regioni del nord la percentuale si aggira intorno ai 8-9%. Il bonus, infine, risulta meno sfruttato in Liguria e in Campania

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Scritto da