Ro Plastic Prize: il concorso di design e sostenibilità per il riutilizzo della plastica

Un concorso di design e sostenibilità per il riutilizzo della plastica. Darle una nuova vita e trovare soluzioni che possano ridurre il consumo di risorse naturali è importante. Per questo è stato indetto un premio per comunicare il valore del riciclo.

Come finisce la plastica in mare?

Ro Plastic Prize il concorso di design e sostenibilità

Il premio è rivolto a tutti i creativi senza limiti di provenienza, esperienza ed età e punta a motivare e sensibilizzare circa l’importanza del recupero e riutilizzo dei rifiuti di plastica. È importante, infatti, che questi non raggiungano i corsi d’acqua e inquinino l’ecosistema e la vita marina. L’idea nasce dalla gallerista Rossana Orlandi ed è rivolto alla comunità internazionale dei designer ed è alla terza edizione.

I migliori progetti verranno presentati alla Milano Design Week 2021 e i tre vincitori, uno per categoria, riceveranno un premio di 10.000 euro.

il concorso di design e sostenibilità - plastica riutilizzabile

Ro Plastic Prize: il concorso di design e sostenibilità per il riutilizzo della plastica – Shutterstock241538212 di XXLPhoto

Le categorie dei partecipanti

I partecipanti possono presentare un solo progetto orientandosi tra:

  • Urban and public furniture design

Qui rientrano gli oggetti in plastica riciclata per il riutilizzo negli spazi urbani e pubblici, come ad esempio strade, stazioni, parchi giochi per bambini, istituti scolastici, parchi, piazze, impianti sportivi, stadi, ospedali, porti, mezzi di trasporto e luoghi di interesse culturale. Lo scopo è quello di presentare oggetti sicuri, accessibili e duraturi utilizzando proprio la plastica riciclata.

  • Responsible innovation projects

In questa categoria ci si concentra su progetti innovativi che trasformano i rifiuti in ricchezza. Pensare e sviluppare sistemi e servizi con una visione progettuale e tecnologica serve a migliorare i nostri comportamenti e ridisegnare il rapporto tra uomo e natura.

  • Emotion on communication

Per sensibilizzare circa il tema dei rifiuti non basta solo parlare di sostenibilità e responsabilità. L’importante è stimolare gli animi. Questi progetti di comunicazione spiegano e coinvolgono con le emozioni. Il design deve infatti spingere verso campagne interattive che riescono a parlare al mondo attraverso un linguaggio semplice ed efficace e ricco di energia positiva. I progetti devono anche avere un valore culturale duraturo nel tempo, e non devono essere fini a se stessi.

Per partecipare

I progetti possono essere presentati con schizzi, disegni, foto, rendering e video. La giuria valuterà le proposte tenendo conto di quattro criteri:

  • innovazione
  • funzionalità
  • impatto ambientale
  • durata

Si può partecipare singolarmente o in gruppo. Gli elaborati devono essere inviati entro il 25 maggio 2021 e l’11 giugno 2021 verranno comunicati i finalisti. Il termine per la consegna dei prototipi è il 16 luglio 2021, mentre il 9 settembre 2021 ci sarà la cerimonia di premiazione.

Quanta plastica c’è nel mare?

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • Esistono diversi tipi di design. I più comuni sono: graphic design (mondo della grafica), fashion design (mondo dell’abbigliamento), furniture design (mondo dell’abbigliamento), car design (mondo dell’automobile), exhibition design (mondo dell’allestimento), color design (mondo del colore), web design (mondo del web). Per approfondire leggi questo articolo.
  • L’Italia è leader nel campo del design: nel 2018 c’è stato un incremento nel settore sia per il numero delle imprese (31mila, +5,6% rispetto al 2017) che degli occupati (oltre 50mila lavoratori, ovvero +1,9%).

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Sono laureata in giornalismo e lavoro come redattrice, traduttrice e copywriter. Mi piace parlare di tutto con approccio scientifico, soprattutto di enogastronomia. Scrivo di moda e la creo (sono anche ricamatrice e modellista sartoriale).