Vai al contenuto
Digitale-bio

Nasce il digitale-bio: una nuova sfida della sostenibilità

Condividi L'articolo su

Il digitale-bio: una sfida per le imprese e le istituzioni

Tra le molte sfide che il mondo della sostenibilità impone a tutte le imprese, alle istituzioni e ai cittadini, la responsabilità digitale è la più complessa. Se ne è parlato molto durante la quinta tappa del conosciuto Giro d’Italia. In particolare si è parlato di una tecnologia più sostenibile: la digitale bio.

Gli italiani vogliono una tecnologia sostenibile e per tutti: lo studio di Samsung e PoliMi

Il digitale-bio: un modo per non danneggiare l’ambiente

L’idea dietro a questo nuovo progetto è proprio quella di venir meno a tutti quei danni che, anche la tecnologia può causare all’ambiente. Il digitale-bio si presenta come una nuova soluzione sia per i cittadini, ma anche per le imprese, che dovranno raccogliere solo i dati necessari. Così facendo, le aziende eliminerebbero o riciclerebbero i dati, dal punto di vista energetico, educando i loro stakeholder. Per quanto riguarda invece gli utenti, loro possono arrivare ad un digitale-bio, limitando l’uso dello schermo, ma anche riducendo gli account che sono soliti ad utilizzare. Gli utenti, inoltre potranno chiudere tutte quelle newsletter a cui non sono più interessati, navigando sul web più leggeri. Se il web fosse uno Stato, per così dire, sarebbe uno dei principali consumatori di energia a livello mondiale, dopo USA, Cina e India. Ecco, in sintesi, cosa cambierebbe se i cittadini applicassero una politica di digitale-bio:

  • Un uso limitato dello schermo.
  • Una riduzione degli account solitamente utilizzati.
  • Annullamento delle iscrizioni a tutte quelle newsletter a cui non si è più interessati.
  • Una navigazione sul web più leggera e consapevole.
Inquinamento digitale
Nasce il digitale-bio: una nuova sfida della sostenibilità – shutterstock di Miha Creative

Inquinamento digitale: questo progetto nasce per limitarlo

L’obbiettivo principale del digitale-bio è proprio quello di limitare l’inquinamento che produce tutto il mondo digitale, di cui, purtroppo, non si parla molto. La verità è che i siti web inquinano molto, perché nessuno bada al loro impatto energetico finale. Il famoso peso delle pagine web, il trasferimento di dati dal server al client sono sforzi energetici enormi. Se tutti ragionassero in quest’ottica ogni sito web sarebbe sviluppato in maniera diversa ed il peso delle pagine web sarebbe di meno impatto.

Cos’è l’inquinamento digitale e come diminuirlo?

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo il Global E-waste Monitor, nel 2019 sono state scartate 53,6 milioni di tonnellate di elettronica. È importante notare che una grande quantità di rifiuti elettronici viene trasportata in paesi come l’India e la Cina. Sostanze tossiche che hanno un impatto negativo su popolazione ed ambiente.
  • Secondo uno studio condotto all’Università di Harvard, ridurre la luminosità del monitor dal 100% al 70% può far risparmiare il 20% dell’energia utilizzata dal monitor.
  • Le e-mail sembrano abbastanza innocenti, ma una sola e-mail produce 4 g di CO2.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News