Vai al contenuto
modifiche decreto Superbonus

Le novità del Superbonus e le implicazioni per le ristrutturazioni

Condividi L'articolo su

Il recente via libera della Camera al decreto Superbonus ha portato una serie di modifiche rilevanti per le ristrutturazioni edilizie. Analizziamo in dettaglio le principali novità introdotte.

Modifiche decreto Superbonus: detrazione in 10 Anni per i Crediti Ottenuti dal 1° Gennaio 2024

Una delle modifiche più significative riguarda la possibilità di portare in detrazione le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2024 in un arco di tempo di 10 anni, anziché in 4. Questo cambiamento, sebbene volto a diluire l’onere fiscale nel tempo, ha suscitato diverse polemiche e tensioni politiche.

L’effetto retroattivo della normativa rappresenta una delle principali criticità. Secondo gli esperti, questo potrebbe creare disagi significativi, specialmente per le banche che non potranno più compensare i crediti derivanti dai bonus edilizi con i debiti previdenziali, gravando sui bilanci degli istituti di credito.

Bonus Ristrutturazione al 30% dal 2028

Riduzione graduale dell’incentivo

Un’altra importante novità è la riduzione graduale del bonus ristrutturazioni. Dal 2028, l’incentivo scenderà al 30%, assorbendo altre agevolazioni come il Sismabonus e l’Ecobonus ordinario. Questa misura è stata pensata per razionalizzare le agevolazioni fiscali, ma potrebbe scoraggiare le ristrutturazioni, soprattutto con i costi attuali.

Implicazioni per i contribuenti

Il cambiamento avrà un impatto significativo sulle decisioni dei contribuenti. Con una detrazione più bassa, potrebbe diminuire l’interesse verso le ristrutturazioni, compromettendo la qualità e la quantità degli interventi edilizi. È cruciale che il governo trovi un equilibrio per mantenere attrattivi questi incentivi.

modifiche decreto superbonus
Canva

Modifiche decreto Superbonus: bonus al 36% su un massimo di 48 mila euro dal 2025

A partire dal 2025, i lavori coperti dall’Ecobonus e dal Sismabonus saranno inclusi nel bonus ristrutturazioni, con una detrazione del 36% su un massimo di 48 mila euro. Questa misura è una semplificazione delle agevolazioni esistenti, ma potrebbe risultare meno vantaggiosa per i contribuenti rispetto all’attuale 50% su un tetto di 96 mila euro.

Fondi e risorse per le zone terremotate

Stanziamenti per la cessione dei crediti e lo sconto in fattura

Il decreto prevede anche uno stanziamento di 400 milioni di euro per continuare a usufruire della cessione dei crediti e dello sconto in fattura con Ecobonus e Sismabonus nelle zone colpite dai terremoti del 2009 e del 2016. Questi fondi, seppur limitati, sono cruciali per sostenere la ricostruzione e la riqualificazione delle aree terremotate.

Altri fondi destinati alle zone terremotate

Inoltre, è stato stabilito un fondo da 35 milioni di euro per interventi di riqualificazione strutturale ed energetica nelle zone terremotate e 100 milioni di euro per gli enti del Terzo Settore. Questi finanziamenti mirano a supportare le associazioni di volontariato e di promozione sociale che utilizzano i bonus edilizi.

Le modifiche introdotte dal decreto Superbonus comportano cambiamenti significativi per il settore delle ristrutturazioni. Se da un lato la diluizione delle detrazioni su 10 anni può rappresentare un sollievo fiscale nel lungo termine, dall’altro l’effetto retroattivo e la riduzione degli incentivi potrebbero creare problemi giuridici e politici, oltre a scoraggiare i contribuenti. È essenziale monitorare attentamente l’impatto di queste modifiche per garantire che gli incentivi continuino a promuovere le ristrutturazioni e a sostenere l’economia edilizia.

modifiche decreto superbonus
Canva
Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News