Inizia la vendemmia 2020 ma l’export è in calo

Inizia la vendemmia 2020: in Italia si produce vino per 45 milioni di ettolitri, con un calo del 4% circa rispetto al 2019. Tale contrazione è legata all’emergenza Coronavirus la quale non ha provocato solamente un calo produttivo, ma anche una netta riduzione dell’export.

Produrre il vino a casa: i trucchi del mestiere

Inizia la vendemmia 2020: l’export è in calo

Per quanto riguarda l’export, i dati sono i peggiori degli ultimi 30 anni per il blocco della ristorazione in Italia e nel mondo causato dall’epidemia da Covid-19. I dati Istat sono stati divulgati da Coldiretti. Lo scorso anno invece era stato registrato il record di 6,4 miliardi per quanto riguarda le esportazioni del vino italiano.

Tante idee per riciclare le bottiglie di vino in vetro

La scelta delle uve

Le prime uve ad essere state raccolte sono state le Chardonnay, quelle usate per produrre lo spumante. La sfida è con la Francia che produce fra i 44,7 e i 45,7 milioni di ettolitri. La Spagna resta in lieve svantaggio con 43-44 milioni di ettolitri. Dopo le uve Pinot e Chardonnay, toccherà a settembre e ottobre alle uve rosse Sangiovese, Nebbiolo e Montepulciano. Infine a novembre ci saranno le uve Nerello e di Aglianico.

In particolare, il periodo degli ultimi freddi invernali è stato caratterizzato da temperature medie in rialzo, giornate soleggiate e poche piogge, fattore che ha portato a pensare a un andamento anticipato dell’annata. Con l’arrivo di aprile e maggio la situazione si è comunque ristabilizzata, riequilibrando la situazione nelle vigne e rallentandone il corso, grazie a temperature più fresche e piogge costanti, che hanno restituito loro il nutrimento e il ristoro di cui aveva bisogno. La stagione estiva prosegue con l’alternarsi di giornate molto soleggiate e di episodi temporaleschi, con escursioni termiche notevoli che porteranno le uve ad avere profili qualitativi complessi e piacevoli. Si tratta di un’annata che richiede molta attenzione in vigna, con diradamenti più decisi per Barbera e Dolcetto e invece più equilibrati per il Nebbiolo, ma che comunque presenta uve in buona condizione sanitaria. Se l’andamento dell’annata verrà confermato durante agosto e settembre, quella che era partita all’apparenza come un’annata anticipata si confermerà invece come annata dal passo tardivo, che donerà vini di grande eleganza, equilibrio e freschezza.

Coldiretti prevede comunque un’annata di buona-ottima qualità per l’Italia, anche se ciò dipenderà dai prossimi mesi e dal clima.

Le regole per abbinare il vino a tavola: tutto ciò che c’è da sapere

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo. E tu?

  • Un altro problema di questa vendemmia 2020 è la carenza di manodopera. Le misure di sicurezza anti Coronavirus hanno infatti bloccato l’afflusso di lavoratori dall’estero.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it