Il nuovo passaporto sanitario per i viaggi all’estero

La Danimarca ha deciso di introdurre il nuovo passaporto sanitario per i viaggi all’estero. In questo modo i cittadini potranno certificare di essere in regola esibendolo negli Stati che lo richiederanno.

La Danimarca e il nuovo passaporto sanitario

La Danimarca ha deciso di introdurre il nuovo passaporto sanitario per i viaggi all’estero già a partire dalla fine di questo mese. La notizia è stata diffusa in questi giorni dal ministro della Salute e degli Anziani danese. Questa decisione è stata presa in merito al nuovo vaccino, per tener traccia appunto, di tutti i cittadini che decidono o meno di sottoporsi al vaccino che resta volontario in tutti i Paesi dell’Unione Europea. Infatti, in Danimarca il vaccino è stato somministrato già all’1% della popolazione. La vaccinazione ha visto in prima linea gli anziani e il personale sanitario. Pertanto, la Danimarca, insieme all’Italia, sono in testa alla maggior parte dei Paesi Europei.

Danimarca il nuovo passaporto sanitario

Il nuovo passaporto sanitario – shutterstock foto Di solarseven

Passaporto sanitario per i viaggi all’estero

Il governo danese è favorevole alla creazione di un registro in cui raccogliere i nomi di tutte le persone che hanno ricevuto il vaccino. Il passaporto sanitario rappresenta un nuovo documento per i viaggiatori che dovranno attestare la vaccinazione durante i viaggi negli Stati che lo richiederanno. Questo è un documento digitale scaricabile dal sito web danese della sanità pubblica che certifica l’esecuzione del vaccino contro il Covid-19. L’obiettivo, infatti, secondo quanto dice il ministro della Salute e degli Anziani, è quello di dimostrare la vaccinazione.

Vaccino anti-Covid: autorizzazione all’uso di emergenza

Le disposizioni delle compagnie aeree

L’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva già annunciato di essere a lavoro per sviluppare una sorta di certificato di vaccinazione elettronica, che sostituisse il classico libretto giallo dei vaccini già utilizzato in moltissimi Paesi. Infatti, secondo le disposizioni delle compagnie aeree dovrà essere introdotto un documento simile, come garanzia per i passeggeri vaccinati. Tra le prime, la Qantas, la compagnia aerea Australiana, che dallo scorso novembre ha affermato di voler verificare che tutti i suoi passeggeri abbiano effettuato la vaccinazione contro il Covid-19 prima di imbarcarsi.

Covid-19: quali misure restrittive sono più efficaci per limitare i contagi?

Pillole di curiosità Io non lo sapevo. E tu?

  • In Danimarca il vaccino ha avuto inizio con i residenti delle case di riposo, poi è stato diretto agli over 65 vulnerabili e agli operatori sanitari più esposti. Quasi 30.000 persone, sui 5,8 milioni di abitanti di questo stato, tradizionalmente inclini a seguire le raccomandazioni delle autorità sanitarie, hanno ricevuto un’iniezione del vaccino Pfizer-BioNTech dall’inizio della campagna di vaccinazione il 27 dicembre.
  • Il portale Our World in Data dell’Università di Oxford aggiorna in tempo reale dati e numeri dei singoli Paesi, per metterli a confronto. Il via libera dai rispettivi enti regolatori si è avuto in Cina, Stati Uniti, Israele e Russia. Allo stesso modo, anche il Regno Unito ha avuto l’autorizzazione in anticipo rispetto al resto d’Europa.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.