Fotovoltaico flottante: qual è l’impatto ambientale?

La BayWa r.e con la sua succursale GroenLeven, collaborano insieme all’Università Hanze di Scienze applicate (a Groningen) e  con la società ecologica Buro Bakker/ATKB, conducendo degli studi e delle ricerche sull’impatto ambientale che può avere il fotovoltaico flottante. Dai primi esiti sembra che sia positivo. Scopriamo di più.

Il fotovoltaico flottante e gli studi sull’impatto ambientale

La leader del fotovoltaico galleggiante, la BayWa r.e, ha ottenuto i primi risultati dei test che si preoccupavano degli effetti sull’ambiente del suo prodotto, ovvero il fotovoltaico flottante. Tra l’altro ne possiede il più grande d’Europa a Zwolle, Paesi Bassi.

Queste ricerche sono iniziate nel 2020, durante la costruzione di un impianto e sono state condotte in collaborazione con  la società di consulenza indipendente nel campo ecologico (Bakker/ATKB).

I primi risultati non hanno mostrato effetti negativi sull’ambiente, nella zona intorno all’impianto. La stesso portavoce dell’azienda afferma:

“BayWa r.e. si impegna a preservare la biodiversità e la qualità dell’acqua. I primi risultati degli studi ambientali escludono effetti negativi di rilievo sulla flora o fauna del lago. In effetti, i primi risultati sono positivi ed è straordinario vedere il nostro sistema integrarsi così bene nell’ambiente del lago. Questa importante collaborazione con la Hanze University e Buro Bakker / ATKB ci fornirà utili indicazioni per lo sviluppo futuro di nuovi progetti Floating-PV “.

La nuova rete italiana dell’agrivoltaico sostenibile di Enea

Gli esiti delle ricerche

Dagli studi condotti, la Buro Bakker / ATKB ha notato che i pannelli posizionati attutiscono l’attività del vento sulla superficie dell’acqua. Questo significa che l’impianto funge da scudo protettivo alle sponde che evitano una precoce erosione e ne permette una maggiore crescita vegetativa.

Oltre all’ambiente, si preoccupano anche degli effetti sulla popolazione del lago. Anche se ci vorranno diversi anni per degli esiti effettivi e a lungo termine.

Attualmente quindi la risposta alla presenza del fotovoltaico galleggiante è positiva e non presenta un impatto negativo sull’ambiente, ma gli studi e le ricerche dovranno dilungarsi ed essere continuative per avere un quadro più ampio e completo.

Il Dr. Benedikt Ortmann, direttore globale dei progetti solari, afferma: “L’impatto ambientale positivo è un aspetto chiave del nostro progetto fotovoltaico galleggiante. Con questo prodotto possiamo produrre energia rinnovabile migliorando le condizioni per la fauna selvatica in loco”.

“Gli obiettivi climatici stanno diventando sempre più ambiziosi di giorno in giorno, quindi dobbiamo espandere tutte le possibili applicazioni di generazione rinnovabile e utilizzare l’enorme potenziale dell’energia solare. Il fotovoltaico galleggiante è una soluzione promettente che svolge un ruolo importante accanto ad altre applicazioni a doppia funzione come gli impianti fotovoltaici sui tetti, l’agrifotovoltaico o le pensile fotovoltaiche.

Casa sostenibile: cos’è il fotovoltaico da balcone

Pillole di Curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • L‘impianto fotovoltaico flottante più grande d’Europa che si trova in Olanda, a Zwolle, è formato da 73 mila pannelli solari installati al centro di un lago artificiale.
  • In Cina si trova l’impianto fotovoltaico flottante più grande al mondo: 13 isolotti sono collegati per la creazione dello stesso.
  • Secondo una ricerca di Wood Mackenzie Power & Renewables, la domanda di acqua e sole per un futuro sostenibile, dovrebbe crescere del 22% all’anno fino al 2024.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Interior-Garden designer& Web project