Dai Lions audiolibri gratuiti per chi non può leggere

L’audioteca della onlus Amici del Libro Parlato Lions avvicina al piacere di leggere anche chi ha difficoltà a farlo autonomamente

L’audioteca il Libro Parlato Lions, servizio a favore di tutti coloro che non sono in grado di leggere autonomamente. Nato nel 1975 a Verbania con il nome “Servizio  del Libro Parlato Robert Hollman per i ciechi d’Italia” grazie al  finanziamento dall’omonima Fondazione. 

L’obiettivo è donare il piacere della lettura a quei soggetti  non autonomo come gli ipovedenti  e i ciechi, anche se nell’ultimo periodo il servizio si è esteso a un pubblico più vasto, dai malati di Sla e di Alzheimer ai degenti in ospedale, ai disabili fisici e psichici. Ma anche bambini e ragazzi con Dsa (i disturbi dell’apprendimento, come la dislessia), che faticano a comprendere i testi scritti. 

I volontari leggono e offrono il proprio tempo leggendo i libri e registrando digitalmente la  loro voce.  

 

Il progetto di solidarietà digitale del Miur

Inoltre il periodo contingente, la quarantena da Coronavirus, ha permesso di inserire questo servizio nel progetto di solidarietà digitale del Miur  snellendo i passaggi burocratici per i soggetti e le scuole che  possono farne richiesta gratuitamente

Il servizio è gestito dalle seguenti due Onlus:

  • Associazione Amici del Libro Parlato per i ciechi d’Italia “Robert Hollman” del Lions Club Verbania – Onlus
  • Associazione Libro Parlato Lions Centro di Milano “Romolo Monti” – Onlus

L’attività  dunque è indirizzata da volontati alla cortruzione dell’Audioteca che prepara in esclusiva  gli audiolibri che al momento in cui  scrivimo raggiungono il numero di di 9.500 e che aumentano a un  ritmo di circa 350 titoli ogni anno. Si occupa inoltre di editing dei  testi, nella selezione dei cosidetti “donatori di voce”,  nella digitalizzazione delle tracce  audio, nella manutenzione e aggiornamento  del sito Internet, nella spedizione e nella manutenzione dei CD che vengono  ancora utilizzati da oltre un quarto degli utenti.

Mantenere questo servizio utile socialmente non è facile. Parte delle donazioni provengono da privati, da lasciti testamentari e da contributi provenienti dal mondo Lions, oltre a proventi relativi al 5 X 1000 e ad azioni promozionali.

Il sito dell’audioteca del libro parlato Lions è www.libroparlatolions.it

Per migliorare il servizio è stata realizzata una App dedicata, gestita direttamente dalle Associazioni di  Verbania e Milano, scaricabile dal sito www.libroparlatolions.it  o dagli store Apple e Google Play.

 

 

 

Grazie alla App gli utenti registrati sul sito www.libroparlatolions.it possono navigare, scaricare e ascoltare gli audiolibri presenti attualmente in audioteca e quelli che ogni mese vanno ad arricchire il catalogo utilizzando le proprie credenziali d’accesso con le quali normalmente accedono al sito del Libro Parlato Lions.

 

Da Amazon audiolibri gratuiti in 6 lingue per i bambini bloccati in casa

 

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu? 

  • Secondo i dati  dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nel mondo le persone con deficit visivi sono il 4% della popolazione del pianeta (circa 253 milioni). Gli ipovedenti, chi ha un deficit visivo,  sono la maggioranza, 217 milioni (3%), mentre i ciechi assoluti si attesterebbero attorno ai  36 milioni (0,5%).
  • In Italia, si  stimano attualmente poco meno di 2 milioni di persone con disabilità visiva, pari a circa il 3% della popolazione. Di essi,  219.174 è cieco assoluto (0,3% della popolazione),   mentre 1.383.922 (2,3%) mantiene un residuo visivo.
  • Questi dati sembrano però sottostimati  perché  uno studio ha rivelato come nel nostro paese solo il 5% dei pazienti si rivolge spontaneamente a strutture socio-sanitarie in grado di valutare i disagi derivanti da una riduzione delle capacità sensoriali.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

 

Share Post
Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Si occupa da un ventennio di divulgazione scientifica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.