Smart Working: 5 consigli utili per lavorare meglio da casa

Lavorare in Smart Working vuol dire farlo da casa adottando strumenti e software che permettono al lavoratore di integrarsi nell’attività di un’azienda. In molti hanno dovuto abituarsi a questo nuovo modo di lavorare e quindi anche ad un nuovo “ambiente” se pur familiare, trattandosi delle nostre case. Ecco 5 consigli utili per lavorare meglio da casa.

5 consigli per lavorare meglio da casa

Molte aziende hanno adottato politiche di Smart Working, in modo particolare dopo l’emergenza da Covid-19. Lavorare da casa può essere qualcosa a cui è difficile abituarsi. Tuttavia, è possibile farlo se ci si organizza al meglio.

1. Organizzare la postazione di lavoro

Creare un’area di lavoro pulita, ordinata e comoda contribuirà a separare lo spazio dedicato al lavoro da quello personale. La postazione deve anche essere personalizzata con l’inserimento di piccoli oggetti che stimolino il buonumore e la produttività. Nella postazione di lavoro non deve mancare il pc, il telefono e tutto quello che potrebbe servire in base alla tipologia di lavoro svolto (stampante multifunzione, fogli, penne), perché è fondamentale non doversi alzare a recuperare i vari oggetti in giro per casa. L’ideale sarebbe avere una postazione dedicata allo smart Working, fissa, in cui non fare altro se non lavorare. Se questa postazione non è del tutto isolata rispetto al resto della casa, è fondamentale che alla fine dell’orario lavorativo torni tutto in ordine: questo serve anche per staccare mentalmente dal lavoro.

2. Scegliere una sedia comoda

Potrebbe sembrare banale ma per uno smart Working ottimale è necessario scegliere una seduta comoda. Avere una sedia confortevole è fondamentale per svolgere al meglio il lavoro ed evitare spiacevoli conseguenze fisiche, come mal di schiena e pesantezza agli arti.

Smart working, come realizzare un perfetto ufficio in casa

3. Darsi dei ritmi

Spesso il fatto di lavorare da casa comporta il non staccarsi mai totalmente dal lavoro. Non c’è niente di più sbagliato! È essenziale darsi dei ritmi, degli orari di inizio e fine lavoro, proprio come se si andasse in ufficio. È fondamentale imporsi di staccare per la pausa pranzo alzandosi dalla scrivania. Mai mangiare davanti al computer! È importante anche programmare delle brevi pause per conversare con un collega e alzarsi dalla sedia per sgranchirsi le gambe favorendo la circolazione del sangue e concedendo agli occhi una pausa dallo schermo, proprio come si farebbe in ufficio. Le piccole pause favoriscono la concentrazione e quindi il rendimento sul lavoro. Inoltre, è fondamentale rispettare gli orari lavorativi. La giornata di lavoro, anche se in casa, deve avere un inizio ed una fine: mai eccedere.

4. La sveglia al mattino

È importante non modificare le abitudini al mattino. È opportuno svegliarsi all’orario prestabilito, farsi la doccia, fare colazione e vestirsi come se si dovesse andare in ufficio. Questa routine è importante per essere pronti ad iniziare la giornata lavorativa.

5. Restare in contatto con i colleghi

A livello psicologico lavorare in smart Working può comportare un distanziamento sociale. Per questo è fondamentale mantenere i contatti con i colleghi. Per limitare l’isolamento dovuto al lavoro da casa, è bene cercare un dialogo come se ci si trovasse in ufficio. Inoltre, lavorando da remoto si tende ad avere un senso del tempo amplificato, perciò è essenziale dare conferma di ricezione immediata ai messaggi e tenersi in contatto ad inizio e a fine giornata con le persone con cui si lavora. Nel caso delle video conferenze, è bene assicurarsi che lo sfondo che compare in video sia professionale o neutro. È importante avere la giusta intensità luminosa e un microfono perfettamente funzionante.

Lo Smart Working può salvare il mondo

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • Lavorare da casa può significare trovarsi in un ambiente un po’ più tranquillo rispetto a quello in ufficio ma, contrariamente a quanto si possa pensare, a volte il silenzio può rendere più difficile la concentrazione quando si è abituati al chiacchiericcio di un ambiente di lavoro affollato. Tenere accesa la TV o la radio ad un volume basso, può essere un modo efficace per aumentare la produttività, poiché fornirebbe il rumore di fondo a cui si è abituati.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web