Salone del Mobile 2020

Come ogni anno ad aprile tornerà il Salone del Mobile di Milano, appuntamento imperdibile nel settore del mobile e dell’arredo. Un evento globale che da semplice fiera, si è trasformato nel maggior punto di riferimento mondiale nel settore. 

Le date dell’edizione 2020

Quella del prossimo anno sarà la  59a edizione del Salone del Mobile di Milano e si terrà dal 21 al 26 aprile 2020. La scelta delle date, che ricadono durante la giornata del 25 Aprile, anniversario della liberazione d’Italia, ha generato da subito malcontento tra i protagonisti dell’evento. Infatti 350 tra designer e imprenditori dell’arredamento hanno firmato una lettera aperta indirizzata al sindaco sala per chiedere di riconsiderare le date.  

Alla C.A.

Giuseppe Sala, Sindaco di Milano

Cristina Tajani, Assessore Politiche del Lavoro e Attività Produttive, Commercio e Risorse Umane

OGGETTO: richiesta di riconsiderazione delle date della manifestazione fieristica Salone del Mobile 2020.

GENTILISSIMI,

Per la prossima edizione del Salone del Mobile l’ente organizzatore ha scelto le date 21-26 aprile 2020 che includono la Festa della Liberazione.

Il 25 aprile è una ricorrenza di fondamentale importanza e particolarmente necessaria in un momento storico che vede la nascita di gruppi e movimenti fascisti e neonazisti in tutta Europa.

Riteniamo pertanto che non si possa toglierle attenzione e valore con la sovrapposizione di un altro evento significativo di tutt’altra natura.

Il Salone del Mobile, con il Fuorisalone diffuso in tutta la città, è un momento per Milano positivo e inclusivo da valorizzare autonomamente. Vede inoltre arrivare centinaia di migliaia di visitatori in città da tutto il mondo, difficilmente.conciliabili, in caso di sovrapposizione, anche sul piano pratico, con manifestazioni di piazza, mezzi pubblici ridotti per festività ed esercizi commerciali chiusi. Per evitare questa sovrapposizione è sufficiente giocare di anticipo, anche rispetto a Pasqua, e tenere il Salone del Mobile nella prima settimana di aprile, come già avvenuto in edizioni passate. Registriamo con preoccupazione il crescente interesse da parte di una certa politica nei confronti di operazioni culturali ed economiche, teso unicamente a raccogliere consensi e approfittare della visibilità senza portare alcun beneficio o contributo costruttivo. Una commistione sempre più evidente che ha visto quest’anno in prossimità delle elezioni europee la presenza di politici, al Salone del Mobile, ed ad alcuni eventi, anche su invito dell’ente organizzatore, nonostante le istituzioni fossero già rappresentate dal premier Conte e dal sindaco Beppe Sala. Questioni non sfuggite ai giornalisti della stampa internazionale , con un danno d’immagine per un settore che esporta oltre al 70% all’estero. Il Salone del Mobile sembra non considerare neanche le questioni di opportunità , sia nell’invito a politici, sia nella scelta delle sovrapposizione con la Festa della Liberazione. Purtroppo sulla sovrapposizione 25 Aprile /Salone vi è un precedente; era il 2009, premier Berlusconi, sindaco Letizia Moratti.

Con l’auspicio di un ripensamento da parte dell’ente organizzatore chiediamo lo spostamento del Salone alla prima settimana di aprile 2020.

Inizialmente sottoscritto da:

Cesare Castelli, Cecilia Fabiani, Maria Cristina Hamel, Loredana Mascheroni, Patrizia Scarzella, Laura Traldi

da https://www.designatlarge.it/salone-del-mobile-2020-date/

Una lettera che a quanto pare non ha ricevuto seguito, perché, come si legge sul sito ufficiale del Salone del Mobile le date restano confermate.

B&B Italia, Flos e Louis Poulsen parteciperanno congiuntamente al Salone come Design Holding, il nuovo Gruppo globale di interior design di alta gamma che riunisce le tre aziende iconiche.

Gli appuntamenti

In questa edizione 2020 del Salone Internazionale del Mobile torneranno il Salone Internazionale del Bagno e EuroCucina / FTK Technology For the Kitchen. Il Salone Internazionale del Bagno, nato nel 2003, è la più giovane tra le manifestazioni, e racconta l’universo bagno, offrendo una panoramica sulle tendenze del settore. Mentre EuroCucina con l’evento collaterale FTK – Technology For the Kitchen, nato nel 1974, ha  cadenza biennale ed è il palcoscenico privilegiato delle cucine di alta qualità. E poi come ogni anno, da 23 anni, ci sarà la sezione dedicata ai giovani, con il SaloneSatellite 2020.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • La selezione per partecipare al Salone Satellite passa dall’autorevole Comitato di Selezione che vagliano i portfoli dei designer under 35. Intorno al tavolo gli esperti convocati da Marva Griffin Wilshire, founder e curator del SaloneSatellite: “capitani d’azienda”, che valutano l’ingegnerizzazione e l’industrializzazione del prodotto, o comunque un’effettiva realizzazione. Questa’anno in vista delle edizioni biennali EuroCucina e Salone Internazionale del Bagno, che si svolgeranno con il Salone del Mobile.Milano 2020, tre imprenditori in rappresentanza delle rispettive categorie: Roberto Gavazzi, CEO del Gruppo Boffi e Paolo Pastorino, Presidente di Assobagno. Con loro, Pasquale Junior Natuzzi, Chief Creative Officer e Stylist dell’azienda di famiglia Natuzzi.E poi progettisti di professione come la designer e artista Nanda Vigo, l’architetto Giovanna Giannattasio e i designer, Giorgia Zanellato e Daniele Bortotto. I critici e autori Beppe Finessi e Anty Pansera, due giornalisti: Valentina Raggi, redattrice di Elle Decor Italia, e Marco Sammicheli, corrispondente di Wallpaper, rispettivamente rappresentanti simbolici della stampa italiana ed estera. E poi Patrizia Malfatti, comunicazione e ufficio stampa del Salone e l’architetto Ricardo Bello Dias, progettista di tutti gli allestimenti del SaloneSatellite.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

esperta in design e artigianato, curo anche la rubrica Habitante Viaggiatore per raccontare le bellezze dell'Italia, tra regioni e province