Quanti sono gli abitanti dell’Emilia-Romagna?

L’Emilia-Romagna è una regione italiana situata nella parte nord-orientale dove  il capoluogo è Bologna. Come il suo nome anticipa, è composta da due regioni: l’Emilia e la Romagna, ufficialmente unite nel 1947. Ma quanti sono gli abitanti dell’Emilia-Romagna? È presto detto, si contano 4.459.477 abitanti (dati Istat 2019). Andiamo a scoprire questa splendida regione.

Le città principali e gli abitanti dell’Emilia-Romagna

Il territorio dell’Emilia-Romagna si divide in 8 province ed una città metropolitana:

  • Bologna con 55 comuni, 1 015 108 abitanti;
  • Ferrara con 21 comuni, 345 691 abitanti;
  • Forlì-Cesena con 30 comuni, 394 627 abitanti;
  • Modena con 47 comuni, 705 422 abitanti;
  • Parma con 44 comuni, 452 022 abitanti;
  • Piacenza con 46 comuni, 287 780 abitanti;
  • Ravenna con 18 comuni, 389 235 abitanti;
  • Reggio Emilia con 42 comuni, 531 891 abitanti;
  • Rimini con 25 comuni, 339 437 abitanti.

Quanti sono gli abitanti in Abruzzo?

I piaceri culinari degli abitanti di questa regione

L’Emilia-Romagna è molto rinomata per alcuni suoi piatti e vini. Anche se le due regioni che la compongono hanno radici e tradizioni differenti, ecco un elenco dei piatti e prodotti tipici dove alcuni sono anche diventati di ‘uso’ comune e si ritrovano sulle tavole di tutti gli italiani:

  • per i primi abbiamo i tortelli e tortellini con tutte le loro varianti, i Garganelli, i buonissimi Gnocchi e la famosissima ed internazionale Lasagna alla Bolognese. Poi ancora, di tipicamente piacentino, troviamo Pisarei e Faśö, pasta e fagioli e poi ancora il Risotto alla Parmigiana e tanti altri;
  • per i secondi/insaccati si mangiano la Mortadella di Bologna, ovviamente, i Salami, la Coppa e i Prosciutti (famosissimo quello di Parma) nonché qualche pietanza recentemente mangiata sotto le feste, come il Cotechino, lo Zampone ed anche il Culatello;
  • altre pietanze largamente diffuse sono sicuramente la gettonatissima Piadina Romagnola, lo Squacquerone, il goloso Gnocco fritto e poi il buonissimo Parmigiano Reggiano e l’Aceto balsamico di Modena;
  • riguardo ai dolci segnalo la storica Torta Barozzi, la mitica Ciambella (qui senza buco) da intingere anche nel vino, l’antico dolce Bensone, il ferrarese Panpepato e la Torta Tenerina o Montenegrina; questo dolce è stato inventato appositamente per Elena Petrovich del Montenegro, moglie di V. Emanuele III;
  • per i vini ed i liquori troviamo il Gutturnio, il Lambrusco (modenese e reggiano) e il Nocino. Una bevanda curiosa e tipica di Modena è il Sassolino.
abitanti Emilia Romagna

Quanti sono gli abitanti dell’Emilia Romagna?-Nelli Syrotynska per shutterstock

Gli 11 luoghi più particolari da visitare in Emilia-Romagna

Questa regione è molto grande, si estende su una superficie di 22 452,78 km², quindi si presentano un’infinità di luoghi da vedere; qui vi segnaliamo alcuni posti interessanti da visitare:

  1. Il Duomo di Modena o Casa di San Geminiano. Questa Cattedrale, che rientra nel Patrimonio Mondiale Unesco e di epoca romanica, è celebre per custodire le reliquie del santo patrono. È stata costruita nel 1099 per opera dell’architetto Lanfranco.

2. Il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. Realizzato da Biagio Rossetti a partire dal 1493, riceve il suo nome grazie ai più di 8.500 blocchi di marmo che lo compongono donandogli un’originale forma.

3. Il centro storico di Bologna. Il capoluogo emiliano dall’atmosfera magica ospita una delle più prestigiose nonché antiche Università al mondo unite alla sua rinomata gastronomia a livello internazionale.

4. Il centro storico di Reggio Emilia. Non solo per il Parmigiano Reggiano, è  anche una città ricca d’arte. Potrete visitare la Basilica della Ghiara e il Teatro Municipale, edificio simbolo della città è ritenuto anche uno dei musei d’opera più importanti d’Italia.

abitanti Emilia Romagna

Quanti sono gli abitanti dell’Emilia Romagna?-Luca Lorenzelli per shutterstock

5. Le Terme Respighi di Tabiano a Salsomaggiore, Parma. Vengono definite “del respiro” a causa delle loro acque sulfuree, ritenute fra le migliori d’Europa.

6. La città storica di Rimini. Non solo famosa a livello turistico per le estati in spiaggia sul Mare Adriatico; questa città possiede un grande patrimonio culturale, fra cui: il Tempio Malatestiano, il Ponte Tiberio e Castel Sismondo. Tra Rimini e Cesena si trova anche il Borgo Medievale di Santarcangelo, costituito da una città sotterranea ricca di grotte e labirinti antichi.

7. Il Castello di Torrechiara a Parma. Appuntato anche come la “fortezza dal cuore affrescato” è uno trai i più importanti e meglio conservati esempi di castello italiano. È stato costruito fra il 1448 e il 1460 e ospita la Camera d’Oro, di attribuzione a Benedetto Bembo.

8. Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, nell’Appennino Tosco-Romagnolo, è un’area protetta che ospita 2 luoghi importanti come il Santuario della Verna e l’Eremo di Camaldoli.

9. Le Cascate del Bucamante a Modena. Prendono il nome da un’antica leggenda che vede il suicidio di due giovani amanti gettandosi nelle acque del fiume Torrente Tiepido (Buca degli Amanti).

10. La città di Maranello a Modena. Per gli appassionati della Ferrari è una tappa d’obbligo; qui si trova la casa automobilistica più importante del mondo, ma non solo.

11. Il Labirinto Fontanellato a Parma. Per gli amanti dei misteri e dei labirinti, questo è il più grande dedalo esistente al mondo. È totalmente composto da piante di bambù di diverse specie. Disegnato e realizzato da Franco Maria Ricci, vede la luce nel 2015 dopo sei anni di lavori.

Quanti sono gli abitanti della Basilicata?

Pillole di curiosità- Io non lo sapevo. E tu? 

  • Una statistica condotta da Unioncamere, del giugno 2007, ha classificato al terzo e quarto posto le città di Bologna e di Modena come le più ricche d’Italia.
  • In una classifica svolta de Il Sole 24 ore, è stata Bologna a primeggiare come la città italiana col più alto tenore di vita.
  • È una delle regioni più ricche d’Italia, piazzata al quarto posto dopo Trentino-Alto Adige, Lombardia e Valle d’Aosta.
  • Nel 2019 il tasso di disoccupazione in Emilia-Romagna corrispondeva al 5,5%.
  • A livello abitativo, L’Emilia-Romagna, si classifica come seconda regione italiana (dopo la Campania) per popolosità. 

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

 

Written by

Interior-Garden designer& Web project