Pitturare le pareti in primavera, consigli e tonalità

Pitturare le pareti in primavera è il modo migliore per rinnovare l’aspetto della propria casa

Pitturare le pareti in primavera è l’ideale. Questo perché le migliori giornate per dipingere casa non sono affatto quelle fredde e piovose, non solo per gli ambienti durante e dopo la tinteggiatura, ma anche per non ostacolare l’essiccazione della pittura.

La prima cosa da fare quando si vuole dipingere una stanza è prepararla, cominciando a spostare i mobili al centro e proteggendo porte, finestre e pavimenti con dei teli e gli spigoli con lo scotch.

Se l’intonaco è nuovo o se si sono eseguite molte stuccature, è fondamentale il fissativo o primer o aggrappante.

La vernice deve essere diluita. La percentuale è indicata in % di acqua da aggiungere in volume: ad esempio per diluire un’idropittura al 20%, se la latta è da 15 litri, bisognerà aggiungere 3 litri di acqua.

La pittura può essere a pennello o rullo, a seconda dell’effetto desiderato. Scegliere il pennello per ottenere una finitura liscia oppure il rullo per un effetto lievemente bucciato.

Meglio iniziare a dipingere il soffitto, in modo da poter coprire poi gli schizzi sulle pareti. Per le pareti si inizia da un lato ad angolo e si procede verso l’altro lato, applicando la pittura dall’alto verso il basso ed è sempre meglio non interrompere il lavoro senza aver terminato la parete.

Pitturare le pareti in primavera, il colore

La prima cosa da fare prima di scegliere il colore è capire l’effetto che avrà sulle pareti e sulla stanza.

Sono tantissimi i colori primaverili per una casa di tendenza. Di solito è preferibile scegliere palette chiare e dalle sfumature briose come il giallo mango, l’azzurro, il celeste, il mandarino o il fucsia che danno luminosità e brio agli interni proprio come la bella stagione.

Giallo mango

Il color giallo mango è il protagonista degli interni. È tra le palette più interessanti e alternative ed è perfetto per osare. Con i suoi richiami tropicali tipici delle piante di origine esotica darà la vitalità e la carica energica a ogni stanza della casa. All’interno di un locale molto ampio, è perfetto in abbinamento con il bianco per trasmettere un senso maggiore dello spazio.

Celeste

Il colore celeste richiama il colore del cielo sereno. Il termine deriva dal latino coelestis, ovvero che sta nel cielo. Si tratta infatti di un colore che ha carattere spirituale.

Questa tinta ha appassionato l’uomo fin dall’antichità. Per gli Egizi era addirittura un colore sacro e il preferito degli Dei.

Identificabile come un colore pastello, leggero e in grado di rendere rilassante qualunque ambiente di casa, è una delle tinte più idonee per le pareti dell’appartamento, sia che si tratti di una nuova abitazione sia quando si intende rinnovare e rinfrescare i muri per dare un nuovo stile all’ambiente.

Il suo fare luminoso è perfetto per stanze piccole, perché amplifica la prospettiva dello spazio.

Mandarino

Il color mandarino è una sfumatura dai toni accesi e spesso associata al ben più noto arancione. Si tratta di un colore frizzante che può rendere vivace, in maniera originale, l’angolo di una stanza o una particolare zona di casa che si vuole valorizzare.

È una tonalità che offre molte opportunità di arredo poiché richiama alla mente atmosfere mediterranee e marittime, calde e accoglienti.

La sua vicinanza cromatica con il rosso, a cui abbinare l’originalità dell’arancione, lo rende decisamente innovativo sia per ambienti ampi come il soggiorno che per le camerette dei bambini.

Fucsia

Il colore fucsia prende origine dalla pianta Fuchsia, un arbusto montano. È un colore allegro e può essere impiegato sia per la tinteggiatura completa delle pareti che solo per un angolo di casa, oltre ad essere una nuance briosa per i complementi d’arredo.

Il fucsia può donare un tocco chic a una stanza, valorizzandone i punti chiave. In abbinamento a qualche elemento floreale in perfetto stile etnico, rende il luogo informale, senza dover trascendere nel kitch.

Carta da parati floreale

In primavera, una valida alternativa alla tinteggiatura è la carta da parati.

Le carte da parati floreali hanno uno stile fresco e dinamico, con motivi vivaci e geometrici. Questa può cambiare l’aspetto di una stanza in un batter d’occhio. Non ha costi eccessivi e non richiede grandi abilità manuali, se non tanta dedizione.

Scelta di colori e nuance: come dipingere le pareti di casa

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu? 

  • Una volta pitturate le pareti primaverili, utilizzare cornici bianche e colorate per arredare la casa con foto ricordo che le doneranno un aspetto accogliente.
  • La primavera è il momento del rinnovo, via le lenzuola felpate e dai colori spenti per dare spazio a trapuntine colorate e lenzuola che richiamano soggetti e colori primaverili.
  • Decorate la cucina con frutta fresca e verdure di stagione.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it