Parquet flottante: vantaggi e svantaggi

Il parquet è da sempre considerato il rivestimento ideale per tutti coloro che desiderano eleganza e alta qualità per la propria casa. Il mercato offre una vasta gamma di pavimentazioni in legno con modelli in molti tipi di legno e numerose finiture. Oggi parliamo nello specifico di parquet flottante, cos’è, come viene installato e perché sceglierlo.

Parquet flottante: vantaggi e svantaggi

Quando si sceglie la pavimentazione in legno la prima cosa da fare è decidere se optare per il parquet da incollare o per quello galleggiante. La sostanziale differenza tra i due è da ricercarsi nella modalità di posa. Il primo viene incollato direttamente al fondo. Il secondo, invece, viene semplicemente appoggiato ad un piano di posa, che può essere un pavimento preesistente o un massetto, interponendo un materassino al di sotto del parquet che risulterà così “flottante“, galleggiante. Vediamo nel dettaglio quali sono i vantaggi e gli svantaggi di quest’ultima tipologia di parquet.

Pillole di interior design: 5 tipi di arredamento perfetti per il parquet

I vantaggi del parquet flottante

Questo tipo di pavimentazione, di nuova tecnologia, è costituito da strati di legno e presenta un sistema a scatto che ne consente un’installazione che non include l’utilizzo della colla. Ecco tutti vantaggi del parquet “galleggiante”.

  • Posa semplice e rapida. La semplicità e rapidità di installazione consente una posa fai-da-te senza l’aiuto di un professionista del settore.
  • Di conseguenza anche l’eventuale rimozione e sostituzione sono semplificate e veloci.
  • Riscaldamento a pavimento. Questo tipo di parquet è l’ideale se si vuole installare il riscaldamento a pavimento. I modelli pensati per la posa su massetto termo-riscaldato permettono una ottimale trasmissione del calore.
  • Protezione dall’umidità. La posa flottante è la sola che permette di proteggere il pavimento in legno dal pericolo di un’infiltrazione d’umidità dal massetto, questo per via della possibilità di inserire al suo interno una barriera-vapore in nylon.
  • Conveniente dal punto di vista economico. Nel complesso l’installazione del parquet galleggiante risulta meno costosa di quella del parquet da incollare che, oltre ai costi dei materiali (come la colla), include anche la manodopera di un posatore professionista.
  • Disponibile in numerose finiture e design, che si adattano ad ogni tipo di ambiente e arredamento.
  • Consente di preservare il pavimento sottostante.
Parquet flottante - pavimento in legno

Parquet flottante: vantaggi e svantaggi – SHUTTERSTOCK

Gli svantaggi del parquet flottante

Gli svantaggi risultano nettamente inferiori in numero rispetto ai vantaggi appena citati. Vediamo quali sono.

  • Creazione di piccole fessure tra un listello e l’altro, dovuto al mancato fissaggio con la colla che garantisce il perfetto incastro dei listoni.
  • Presenza di giunti di dilatazione. L’uso dei giunti è previsto dalla normativa per evitare i normali movimenti cui il parquet è soggetto per via delle variazioni di temperatura o umidità, e in particolare quando le tavole sono, rispettivamente, più lunghe e più larghe di 12 e di 8 metri.
  • Minore isolamento acustico. Questo svantaggio risulta facilmente risolvibile scegliendo un materassino idoneo e di qualità.

Pulizia ottimale del parquet: consigli utili

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • A differenza delle nazioni del Nord Europa in Italia il 70% circa delle installazioni è fatta ancora con parquet a posa incollata.
  • Tra i parquet europei più pregiati abbiamo quelli in quercia, noce, olmo, ciliegio e castagno. Mentre tra quelli provenienti da altre parti del mondo ricordiamo ebano, palissandro, mogano e teak.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Written by

Biologa