Luci Led in camera da letto: cosa sono le TikTok lights e perché vanno di moda?

In camera da letto, come in ogni stanza della casa, la luce deve illuminare, ma anche correggere, attenuare, celare o valorizzare. Le luci Led sono sempre più utilizzate in casa, anche in camera da letto. Ma sapevi che le luci Led oggi sono conosciute come TikTok lights? E sai perché vanno di moda?

Come scegliere la fonte d’illuminazione più vantaggiosa per gli ambienti domestici

Luci Led in camera da letto: cosa sono le TikTok lights?

Le luci TikTok sono l’ultima mania dei creators. Il motivo che si nasconde dietro tanta curiosità per queste luci LED è la possibilità di creare in camera da letto arcobaleni cromatici e illusioni ottiche. Le TikTok lights non sono altro che strisce LED colorate controllate da remoto attraverso un telecomando che permette agli utenti di cambiare i colori di sfondo durante i video TikTok (da qui il loro nome).

Non esiste quindi effettivamente una luce TikTok specifica, perché queste luci esistevano già prima di TikTok. Ma le celebrità di TikTok le hanno rese popolari. Le migliori luci TikTok altro non sono che

  • Strisce LED colorate
  • Luci ad anello
  • LED bianchi
  • Soft box

TikTok lights: strisce LED colorate

Le strisce LED colorate sono le più utilizzate, si sincronizzano con la musica e possono illuminare una stanza di qualsiasi colore si desideri. Le strisce LED colorate sono le luci più calde insieme alle luci ad anello. Sono perfette per quasi per tutti i tipi di video, anche musicali.

TikTok lights

Luci Led in camera da letto: cosa sono le TikTok lights e perché vanno di moda – Canva

TikTok lights: luci ad anello

Le luci ad anello sono perfette per video parlanti, luce fissa che va ovunque e video musicali. Prima di TikTok, le luci ad anello erano conosciute come luci di YouTube perché tutti i migliori YouTuber le usavano. Oggi hanno preso piede anche in TikTok e sono perfetti se si vuole una luce forte e fissa.

TikTok lights: Softbox

I softbox sono involucri morbidi che girano intorno a luci più forti. Questo focalizza la luce su un certo punto in modo che sia brillante e vibrante. I softbox sono migliori per diffondere la luce intorno a un punto più grande o nell’intera stanza.

Il colore delle lampade a Led in camera da letto

Allontaniamoci per un attimo dalla moda dei video TikTok e facciamo un discorso più generale sulle luci Led.

Le lampade a led stanno piano piano sostituendo tutti gli altri tipi di lampade esistenti. Per questo motivo si moltiplicano continuamente i modelli ideati e prodotti.

I led a luce bianca, sono lampade a tinta fredda dotate di un elevato potere illuminante, che sacrificano però in buona parte la resa dei colori. Esse sono sconsigliate in una zona come la camera da letto in cui la scelta deve orientarsi verso luci che evidenzino le sfumature e tendano a trasmettere tranquillità.

Quelle chiamate a luce diurna o a luce Naturale, sono un po’ meno azzurrate, ma comunque piuttosto fredde. Vengono utilizzate nelle zone notte, perché si adattano bene a spazi di dimensioni ridotte (come gli armadi) o ad illuminazioni speciali nelle stanze spogliatoio, nelle cabine armadio e nei guardaroba.

Le lampade a led a luce naturale vengono spesso usate anche nelle anticamere per sopperire alla deficienza di luce naturale in un ingresso della zona notte o in un angolo alquanto oscuro, ma di passaggio, appena rischiarato dalla luce del giorno.

Nelle stanze da letto, per giungere ad un risultato soddisfacente che mantenga toni intimi e caldi, è necessario un tono di luce molto basso: la migliore luce da camera è quella calda.

La luce calda extra è invece una luce che si avvicina maggiormente alle lampade ad incandescenza, perché dotata di un colore che ne è del tutto simile. Questa sfumatura potrebbe rivelarsi particolarmente adatta per una illuminazione in camera da letto.

Sistemi di illuminazione sostenibili: risparmiare e rispettare l’ambiente

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • Secondo i dati raccolti dall’Osservatorio sulla Casa, nel 2019, il 54% degli abitanti si è occupato personalmente della scelta per l’acquisto di oggetti per la casa; il 46% ha condiviso la scelta con la famiglia.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web