Le piante per migliorare l’umore

Affidarsi alle piante per migliorare l’umore può essere una scelta interessante. Molte infatti, possono essere utilizzate quotidianamente e donano bellezza e benessere a chi ne fa uso.

Fiori e piante che fioriscono a Gennaio

Piante per migliorare l’umore in cucina

  • La lavanda è ottima per rilassare mente e muscoli. Ideale per l’equilibrio della psiche, il suo colore delicato e l’odore intenso svolgono una funzione tranquillante che agisce sul rilassamento muscolare. Il linalolo, un alcol naturale presente nella lavanda, ha le stesse virtù dei tranquillanti farmaceutici ma non comporta alcun effetto collaterale. Come olio essenziale per l’aromaterapia o per infusi da bere allevia ansia, stress e depressione.
  • L’arancio è il simbolo del benessere. Il suo frutto è ricco di vitamine e combatte insonnia, ansia, stress e nervosismo. Dona energia perché stimola la sintesi nel cervello di adrenalina e noradrenalina, sostanze che regolano l’attenzione e la reattività.
  • Gli anacardi sono una fonte ricchissima di triptofano, l’amminoacido precursore della serotonina. Il vantaggio degli anacardi rispetto ai farmaci è che sono totalmente naturali e non agiscono chimicamente sulle cellule cerebrali e nervose. Sono ricchi di vitamina B6, magnesio e omega 3 indicati in caso di depressione.
  • Il basilico è ricco di sali minerali come potassio e ferro e aiuta a controllare la frequenza del battito cardiaco, equilibra la pressione sanguigna e fa convogliare una maggior quantità di ossigeno nel sangue. Ha anche un’immediata azione calmante sulla mente. Ideale anche come olio da massaggio diluito in un altro olio vegetale per evitare irritazioni cutanee.
  • Il bergamotto ha effetto calmante e bastano un paio di gocce di olio essenziale su un fazzoletto per inspirare calma al bisogno. Per le sue proprietà rilassanti, il bergamotto è consigliato per combattere l’insonnia, soprattutto come infuso caldo o tisana alla valeriana a cui aggiungere qualche goccia di olio essenziale.
  • La salvia è indicata in caso di disturbi dell’umore. Contiene Thujone, una sostanza antagonista del recettore GABA e della serotonina in modo da alleviare sia il dolore fisico sia quello psicologico. Gli effetti benefici della salvia riguardano anche i disturbi premestruali e i crampi da ciclo poiché i flavonoidi aiutano a riequilibrare il sistema ormonale. Utile anche in caso di amenorrea e di menopausa. Ha inoltre un effetto anti-spasmodico per ridurre la tensione nei muscoli, quindi di fatto calma e rilassa prima fisicamente, partendo proprio dall’apparato muscolare.

Il potere delle spezie

  • La cannella diminuisce il livello di ansia e a riporta il buonumore e ha proprietà tonificanti che allontanano il senso di stanchezza e di astenia, accelerando battito cardiaco e ritmo respiratorio.
  • La curcuma, secondo una ricerca condotta presso il Medical College di Bhavnagar in India e pubblicata sulla rivista Phytotherapy Research, è capace di trattare la depressione come i farmaci prescritti dai medici. Un pizzico di curcuma assicura quindi un umore ottimo fino a parecchie ore dopo il suo utilizzo.
  • Lo zafferano ha proprietà curative e agisce sul sistema nervoso, controllando gli sbalzi d’umore e riequilibrandone il tono. Cura da ansia, stress e depressione e allevia la sofferenza. La safrenale e la crocina sono infatti sostanze che producono dopamina, noradrenalina e serotonina. Questi neurotrasmettitori stimolano il buon umore e scacciano l’apatia tipica della depressione. Ideale contro l’insonnia perché riesce a calmare i nervi come un blando sedativo. Perfetto contro le infiammazioni delle vie respiratorie. Abbassa la pressione arteriosa e regola i livelli di colesterolo. Oltre a svolgere funzioni analgesiche e antispasmodiche, utili l’altro per combattere i dolori mestruali.
  • Il peperoncino combatte la depressione. Questa spezia piccante stimola il sistema nervoso a rilasciare endorfine naturali. Migliora la circolazione e libera le vie respiratorie grazie al contenuto di vitamine A, C, E e del gruppo B. I ricercatori messicani dell’Università di Colima hanno rilevato che la capsaicina, contenuta nel peperoncino non è solo responsabile del suo sapore piccante ma riduce sensibilmente i sintomi della depressione, equilibrando l’umore.

Piante tropicali da far fiorire in casa a gennaio

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • È stata creata la prima banca dati globale delle piante. Si chiama sPlot e contiene più di un milione di esemplari provenienti da tutto il mondo. L’idea nasce dalla collaborazione tra l’Università ‘Martin Lutero’ di Halle-Wittenberg (Mlu) e il Centro per la Ricerca Integrata sulla Biodiversità Halle-Jena-Leipzig (iDiv) e sarà preziosa nelle future ricerche nello studio dei cambiamenti climatici. Gli esperti in materia potranno consultarla, avendo così accesso alle informazioni di un grande numero di piante raccolte da ogni ecosistema presente sulla Terra, dall’artico ai poli.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Scritto da