Le iniziative sostenibili nel mondo: 3Bee, tecnologia per le api

Tra le iniziative sostenibili nel mondo c’è 3Bee, tecnologia per le api. Questa è un’idea made in Italy che ha l’obiettivo di tutelare le api, una specie fondamentale ma a forte rischio di estinzione.

3Bee, tecnologia per le api

3Bee nasce da un’idea di Riccardo Balzaretti, biologo e apicoltore e Niccolò Calandri, ingegnere elettronico. Insieme, questi hanno rivoluzionato l’antichissima arte dell’apicoltura grazie all’applicazione di tecnologie innovative come l’IoT, l’intelligenza artificiale e il machine learning. Questo rappresenta uno dei migliori progetti al mondo in termini di sostenibilità. Infatti, è stato premiato dalla Fondazione Barilla ed è entrato a far parte di New Heroes, l’idea editoriale di Oscar di Montigny e RedBull.com. 3Bee è composto da un team giovane che ha l’obiettivo di sviluppare grandi progetti con i propri clienti, partendo dalla protezione delle api. Le api sono l’anello fondamentale dell’intera catena alimentare. Infatti, grazie al loro instancabile lavoro di impollinazione, sono responsabili di circa l’80% del cibo che mangiamo tutti i giorni. 3Bee è un’innovativa azienda agri-tech che sviluppa sistemi intelligenti di monitoraggio e diagnostica per la loro salute.

Ogni ape salvata, ogni fiore impollinato, ogni apicoltore sostenuto, racconta una storia emozionante fatta di natura, lavoro, sacrificio e amore per il pianeta.

3bee tecnologia per le api

3Bee tecnologia per le api – shutterstock foto Di kosolovskyy

Chi è 3Bee e cosa fa

Grazie all’utilizzo di innovative tecnologie gli apicoltori sono in grado di monitorare costantemente e in modo completo i propri alveari per ottimizzarne la produzione, risparmiare tempo e per prevenire problemi e malattie delle api. In soli due anni 3Bee ha sviluppato un network di 10.000 apicoltori che hanno aderito all’iniziativa utilizzando questa innovativa tecnologia. Per di più, grazie a questo network il team è riuscito a creare un programma di ricerca e sviluppo basato sull’economia circolare chiamato “Adotta un alveare”. Il progetto permette di scegliere un alveare monitorato in tutta Italia, prendere una quota di api, incentivare l’apicoltore a impollinare un certo tipo di biodiversità e ricevere a casa un miele etico.

Il miele non scade mai: il nettare delle api è immortale

Come funziona 3Bee

Grazie ad Hive-Tech, un dispositivo IoT per il monitoraggio in tempo reale della salute delle api, l’apicoltore è in grado di ottimizzare la produzione del miele, riducendo lo stress delle api. Hive-tech misura suoni, rumori, vibrazioni, peso, umidità e temperatura delle api. Ciò rappresenta un vantaggio sia per le api, sia per l’apicoltore, sia per chi vuole acquistare miele. Infatti, grazie ad una comoda applicazione si può monitorare non solo lo stato di salute del proprio alveare, ma anche tener traccia di tutti gli interventi del proprio apicoltore. L’unico sistema al mondo con un’App sia per diventare apicoltore, sia per ricevere il miele e aiutare allo stesso tempo le api.

Le api vigilano sull’ambiente: arriva Energy Valley

Pillole di curiosità Io non lo sapevo. E tu?

  • Le api sono fondamentali per l’impollinazione delle piante, rappresentano un elemento essenziale per l’ambiente. Secondo i dati forniti dalle Nazioni Unite su 100 specie di colture che forniscono il 90% del fabbisogno alimentare mondiale, 70 sono impollinate da api. Queste, trasportando il polline dall’antera allo stigma dei fiori, permettono la crescita di semi e frutti. Infatti, l’esistenza di molte piante dipende interamente dall’instancabile attività di questi operosi insetti. E la loro estinzione significherebbe la fine della disponibilità di molte materie prime, non solo di frutta e verdura!
  • Dal 2018, grazie alla nascita della piattaforma “Adotta un alveare”, sono stati adottati oltre 500 alveari.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it 

Scritto da

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.