Idee per cucinare gli avanzi in casa

Il cibo è un dono e imparare a recuperarlo ha un forte valore educativo che supera quello economico. Scopri queste idee per cucinare gli avanzi in casa. Sarai in grado di realizzare specialità con le parti del cibo che di solito getti via e recuperare gli avanzi del giorno prima.

Evitare gli sprechi alimentari  

Evitare gli sprechi domestici, riscoprendo ad esempio le antiche ricette della cucina popolare basate sul recupero degli alimenti, oggi è fondamentale per acquisire consapevolezza sugli sprechi e sulle perdite alimentari. “Il cibo non si butta” è il nuovo motto che mira a sensibilizzare le nuove generazioni, i consumatori e i ristoratori su questo nuovo ed importante tema. Infatti, è comune accumulare nella dispensa sempre più cibi che fanno dimenticare gli avanzi. Pane, riso, verdure, polenta, pesce e carne sono solo alcuni degli ingredienti di seconda mano che possono essere riutilizzati in mille ricette gustose. Sebbene la lotta allo spreco di cibo ha dato i suoi frutti e per la prima volta il fenomeno è in calo, c’è ancora molto da fare. Tuttavia, secondo il Rapporto 2020 dell’Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market, l’Italia è riuscita a contrarre del 25% la quantità di cibo che finisce nella spazzatura.

Prima Giornata Internazionale contro gli sprechi: da Carlo Cracco a Heinz Beck

Le ricette anti-spreco

Le ricette anti-spreco per riciclare il cibo avanzato, o i suoi scarti come le bucce delle carote, delle patate o le foglie dei carciofi, sono sempre più utilizzate dagli italiani. Frittate, polpette, zuppe, torte salate e dolci sono il simbolo del riutilizzo degli avanzi o dell’uso delle parti di un alimento che di solito vengono gettate via. Ciò non solo permette di evitare gli sprechi prima della prossima spesa, ma stimola anche la creatività. Ci sono infatti, infinite ricette per recuperare un pezzo di pane in più, l’uovo quasi in scadenza e il vasetto di yogurt a metà dimenticato in frigo.

Legambiente e NaturaSì propongono un patto contro gli sprechi alimentari

Idee per cucinare gli avanzi in casa

Se avete del riso cotto avanzato potete riutilizzarlo per delle gustose polpette. Tutto quello di cui avrete bisogno sarà aggiungere delle uova sbattute, della farina, un po’ di latte e parmigiano. Una volta pronto l’impasto bisognerà formare le polpettine e passarle nel pangrattato per poi friggerle o cuocerle in forno. Per uno sfizioso aperitivo, se avete della pasta sfoglia avanzata e delle croste di parmigiano, i grissini di parmigiano sono la soluzione ideale da servire con salumi, sott’oli e olive! Da tradizione, il piatto classico per recuperare gli avanzi di salumi, formaggi, sughi, legumi o verdure è il pasticcio di pasta. Invece, per riciclare la pasta già cotta la ricetta giusta è la frittata di pasta alla napoletana. Si, tutto quello che basta è un pizzico di fantasia!

Non sprecare in cucina: 4 alimenti da recuperare

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo. E tu?

  • In Cucina io non Spreco è un ricettario nato dalla collaborazione tra Syngenta, La Cucina Italiana e Fondazione Banco Alimentare Onlus, che vuole promuovere comportamenti virtuosi anche a livello domestico – grazie a suggerimenti di chef e agricoltori per innescare le buone pratiche contro lo spreco alimentare e imparare l’arte del recupero.
  • Il primo HAPPY FOODAY ha avuto luogo nell’ormai lontano 3 giugno 2010 presso la Stazione Centrale di Milano, all’interno del 3° Festival Internazionale dell’Ambiente. Qui sono state realizzate squisite ricette dagli chef dei grandi gruppi della ristorazione italiana che hanno aderito all’iniziativa come AvenanceCompass GroupGemeaz CusinSodexo. Ciò è stato possibile grazie ai prodotti alimentari donati dalla Federazione Italiana Panificatori Panificatori-Pasticceri e Affini, Panificatori Milanesi e Uno Lombardia, l’Associazione Organizzazioni Produttori Ortofrutticoli Lombardia.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.