Fiumicino sarà il primo aeroporto intercontinentale al mondo con pavimentazione “green” al grafene

Tecnologie made in Italy permetteranno di incrementare sensibilmente la vita utile della pavimentazione rendendola più duratura, green e high-tech, aumentandone la sicurezza

L’aeroporto di Fiumicino è al centro della prima sperimentazione al mondo in un aeroporto intercontinentale dell’asfalto contenente Gipave®,  un additivo polimerico che contiene grafene e una plastica particolare  destinata agli impianti di termovalorizzazione.

Il test potrà confermare come anche in situazioni di grande affaticamento  strutturale (da urto,  velocità elevata e surriscaldamento da frenata), risultati già ottenuti  in ambito stradale che provano un potenziamento delle prestazioni della pavimentazione. Fino ad oggi infatti  i risultati delle sperimentazioni già applicate sia in Italia che nel Regno Unito provano come questa tecnologia permetta di migliorare le caratteristiche dell’asfalto, per mezzo di un aumento nella resistenza agli stress e della sopportazione delle escursioni termiche, ottenendo così pavimentazioni hanno una durata doppia rispetto alle soluzioni tradizionali.

Fiumicino sarà il primo aeroporto intercontinentale

L’Università degli Studi di Milano Bicocca sta seguendo studi sull’analisi ambientale. La domanda di brevetto italiano della nuova tecnologia (depositata a fine 2017) è stata approvata e ora si attende anche il via  definitivo dall’Unione europea. 

Il test è particolarmente importante perché la pista aeroportuale è caratterizzataa da un cospìcuo traffico di aeromobili di classe E ed F (Boeing 777, Airbus A380) e consentirà dunque di effettuare  le prove in condizioni di esercizio molto critiche.

Fiumicino sarà il primo aeroporto intercontinentale

“Siamo orgogliosi di avere condiviso con ADR-Aeroporti di Roma questo test – ha commentato Federica Giannattasio, Amministratore Delegato di Iterchimica – che permette di valutare l’efficacia delle pavimentazioni al grafene. Gipave è l’ultima delle innovazioni che abbiamo brevettato grazie ad un lavoro di squadra con G.Eco (Gruppo A2A), l’Università degli Studi di Milano Bicocca e Directa Plus. Si tratta di una tecnologia interamente made in Italy che permette di realizzare pavimentazioni high-tech (grafene), green (plastiche dure riciclate e pavimentazioni fresate e riutilizzabili) e altamente resistenti. Inoltre, siamo certi che rappresenterà anche un’innovazione tecnologica per manutenzioni e nuovi lavori aeroportuali con benefici in termini ambientali ed economici”.

E prosegue: “Dal prossimo anno il nuovo impianto di produzione permetterà l’immissione sul mercato di un prodotto che concorre a raggiungere gli obiettivi previsti dalla Green and Circular Economy, ma anche quelli di sviluppo sostenibile ONU (UN Sustainable Development Goals) e dell’accordo di Parigi sul clima (2015)”.

“La massima attenzione alla sicurezza è da sempre un driver per il business ADR e guida le modalità di progettazione, realizzazione e gestione delle infrastrutture aeroportuali” – ha dichiarato Ugo de Carolis, amministratore delegato di ADR. “L’utilizzo in via preferenziale di materiali all’avanguardia come il prodotto Gipave consentirà di migliorare ulteriormente le prestazioni della pavimentazione della pista dell’aeroporto di Fiumicino sia in termini di resistenza sia in termini di sostenibilità ambientale grazie all’utilizzo di materiale plastico riciclato”.

 

A Fiumicino, i bagni d’aeroporto migliori del mondo

 

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • L’aeroporto di Fiumicino Leonardo da Vinci si riconferma anche quest’anno il migliore scalo d’Europa (“Best Airport Award 2019”) raggiungendo per il secondo anno consecutivo il primo posto nella classifica Aci dei 20 scali europei con oltre 25 milioni di passeggeri. Superando così in finale gli scali di Monaco di Baviera, Copenaghen, Dublino, Istanbul Sabiha Gökçen, Londra Gatwick, Mosca Sheremetyevo e Vienna.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

 

Post Tags
Share Post
Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.