Come scegliere i sistemi di sicurezza più adatti alla casa

I furti nelle abitazioni purtroppo sono una realtà. Per questo una delle principali preoccupazioni degli italiani è quella di sapere di essere al sicuro. Oggi, oltre ai più tradizionali modelli di sistemi di allarme, il mercato fornisce soluzioni tecnologiche all’avanguardia che è possibile controllare anche da remoto. Vediamo come scegliere i sistemi di sicurezza più adatti alla propria abitazione.

Come scegliere i sistemi di sicurezza più adatti alla casa

Aumentare il livello di sicurezza delle abitazioni oggi è fondamentale perché tra il lavoro e le diverse attività svolte, si passa la maggior parte del tempo fuori casa. Questo è il motivo per cui è importante installare un sistema di sicurezza che sia efficace. Ma come scegliere quello più adatto alle proprie esigenze?

Sicurezza Smart: casa sicura sempre

Quanti sistemi di allarme esistono?

Innanzitutto al fine di individuare il prodotto più adatto è bene fare una distinzione tra i sistemi di allarme antifurto e i sistemi di allarme anti-intrusione. L’allarme antifurto è costituito da un impianto che emette un suono o invia telefonate e notifiche sullo smartphone del proprietario di casa, per avvertire della possibilità di un furto imminente. L’allarme anti-intrusione, invece, segnala l’intrusione di una persona in casa. Questo sistema è perlopiù costituito da telecamere di video-sorveglianza e sensori di movimento. A differenza dell’allarme antifurto quest’ultimo è capace di rilevare la presenza di un ladro ancor prima che questo sia effettivamente entrato. I sistemi di allarme possono poi essere ulteriormente suddivisi in: 

  • Sistema con fili o cablato, una serie di sensori (antifurto, antincendio, anti-allagamento, ecc..) sono collegati ad una centralina dotata di sirena. La sua installazione prevede interventi murari.
  • Impianto wireless, questo sistema non prevede fili e non necessita di opere murarie. In questo impianto i sensori e la centralina comunicano mediante onde elettromagnetiche.
  • Sensori magnetici, sensori perimetrali e sensori d’urto, questa strumentazione viene installata in prossimità di finestre, porte o muri al fine di rilevare per esempio l’apertura di una porta, la rottura di un vetro o comunque un generico spostamento.
  • Sistema a raggi infrarossi, si tratta di un impianto che emette onde invisibili che, in caso di movimento, fanno scattare l’allarme. Questa tipologia viene generalmente installata negli spazi esterni alle abitazioni.
Come scegliere i sistemi di sicurezza più adatti

CREDITS: WWW.PIXABAY.COM

I sistemi di sicurezza più adatti

Oggi i sistemi di sicurezza più utilizzati sono sicuramente quelli senza fili, sostanzialmente per due motivi: sono facili da installare e hanno un costo più basso rispetto alle altre tipologie. Ma i vantaggi di questi sistemi sono anche altri. Una centralina priva di fili elabora le informazioni dei vari elementi che compongono il sistema e le trasforma in allarme sia attivando dei segnali sonori che inviando notifiche su smartphone, PC o tablet collegati all’impianto. 

Un sistema del genere garantisce la massima facilità di utilizzo, un costante controllo anche da remoto, una maggiore sicurezza della propria abitazione e di conseguenza una migliore gestione dell’impianto. Altro aspetto a favore dei sistemi di sicurezza wireless più moderni è la funzionalità anti-jamming. Questa funzione permette di prevenire la saturazione della frequenza che può essere provocata da strumenti illegali di cui spesso sono dotati i ladri con l’intento di manomettere ogni tipo di comunicazione dell’impianto. 

Oltre un buon sistema di sicurezza è bene adottare dei comportamenti che facciano apparire la casa come sempre abitata. Per esempio programmando l’accensione delle luci ad una certa ora, o illuminare sempre gli ingressi, oppure optando per porte blindate, serrature di ultima generazione e finestre dotate di vetri anti-sfondamento.

Quali sono gli elementi fondamentali per scegliere un allarme casa

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo e tu? 

  • E’ stato registrato un calo dei furti in appartamento di circa il 6% dal 2018 rispetto agli anni precedenti.
  • Le statistiche dimostrano che le effrazioni avvengono nell’arco di una decina di minuti trascorsi i quali, se l’infisso o la porta riesce a resistere allo scasso, il ladro desiste e va via.
  • Si consiglia di nascondere la centralina dell’allarme in un punto della casa difficilmente individuabile.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Biologa nutrizionista