10 cibi da evitare assolutamente

Stai cercando di seguire una dieta sana e sostenibile? Se non riesci a resistere alle tue incontrollabili voglie o non sai ancora come mangiare in modo sano, scopri quali sono i 10 cibi da evitare assolutamente nella tua dieta.

Come mangiare in modo sano  

Alcune volte smettere di mangiare cibi ad alto contenuto di grassi e zuccheri e nocivi per la salute è un’impresa molto difficile. Inoltre, al supermercato si possono trovare tantissimi prodotti che sembrano “healthy” ma in realtà sono pieni di zuccheri e conservanti. Se desideri mangiare in modo sano comincia bevendo molta acqua e assicurati che la tua dieta includa esclusivamente bevande e cibi sani e nutrienti. Ogni volta che compri un prodotto confezionato leggi le etichette e cerca di sostituire i cibi dannosi per la salute, con altri più sani e genuini. Solo così puoi imparare a sviluppare delle nuove abitudini alimentari sane e riuscire a resistere alle voglie di cibo cattivo da evitare a tavola.

10 Consigli per un’alimentazione sostenibile e sana

10 cibi da evitare assolutamente

Gli alimenti lavorati industrialmente come snack, patatine fritte, biscotti, caramelle e bibite gassate, hanno un alto contenuto calorico, sono ricchi di sostanze chimiche e conservanti, mentre sono carenti di nutrienti. I cibi raffinati, precotti, ricchi di zuccheri, aromi, coloranti, conservanti o additivi sono i classici alimenti che dovresti limitare o evitare nella tua dieta. Consumare questi prodotti in maniera sporadica e in occasioni speciali non costituisce nessun problema se segui quotidianamente un’alimentazione equilibrata. Tuttavia, ogni qual volta ti si presenta l’opportunità di scegliere, cerca di sostituirli con qualcosa di più sano e genuino.

10 cibi da evitare

Unsplash foto di dollar gill_

1 Succhi e bevande zuccherate

Il principale ingrediente di succhi di frutta e bevande che trovi al supermercato è lo zucchero. Inoltre, dato che è assorbito molto più facilmente e velocemente dal nostro organismo perché è in forma liquida, aumenta il rischio di insulino-resistenza e di malattie correlate come obesità, diabete e sindrome metabolica. Sostituisci i succhi e le bevande zuccherate con succhi 100% frutta o centrifugati e estratti preparati in casa con ingredienti freschi da consumare al momento. Solo in questo modo riuscirai a garantire al tuo corpo il giusto apporto vitaminico di frutta e verdura.

2 Patatine in busta e snack salati

Non comprare patatine fritte, pop-corn in busta e snack salati da aperitivo. Tieniti alla larga da questi prodotti dall’alto contenuto di sale e grassi che determinano un aumento del rischio di ipertensione e di malattie cardiovascolari. Cerca un’alternativa più sana, prova a sostituire le patatine con le carote, o a cucinarle in forno anziché friggerle. Opta per i pop-corn fatti in casa, frutta secca senza sale e verdura cruda croccante.

3 Maionese, ketchup, dadi e insaporitori

Maionese, ketchup, insaporitori e dadi, sono un mix letale di sale, zucchero e glutammato. Scegli una salsa leggera e fatta in casa, come il guacamole o un condimento a base di yogurt magro, anziché la maionese o un’altra salsa già pronta.

Le abitudini alimentari degli italiani

4 Caramelle e merendine, dolci e snack

Anche nelle caramelle, nelle merendine, nei dolci e negli snack il contenuto di zuccheri è altissimo, così come quello di grassi, che aumenta il rischio di malattie cardiovascolari. Per non cedere alle loro lusinghe evita di comprare questi prodotti. Opta invece per frutta fresca o secca, cioccolato fondente con almeno il 70% di cacao che contengono grassi sani e proteine.

5 Yogurt aromatizzati alla frutta

Lo yogurt aromatizzato alla frutta contiene zucchero e aromi e non è mai naturale. Se lo adori consuma lo yogurt naturale bianco, puoi aggiungere sia frutta fresca, sia un cucchiaino di marmellata o scaglie di cioccolato fondente con più del 70% di cacao. Ce n’è per tutti i gusti.

6 Barrette e cereali da colazione ricchi di zucchero

Gli alimenti che traggono in inganno molte persone sono le barrette e i cereali da colazione. Prima di acquistarli verifica sempre l’etichetta nutrizionale, la maggior parte sono ricchi di zuccheri, conservanti e sodio perché subiscono un processo di lavorazione industriale. Preferisci quelli con poco o zero zucchero o consuma semplicemente avena, a cui puoi aggiungere frutta secca e cioccolato fondente o frutta fresca o essiccata come uvetta, mirtilli o lamponi.

7 Sughi e salse pronti

La qualità di sughi e salse pronte non è mai come quella di un prodotto fresco, infatti contengono conservanti zucchero e sale. Preferisci pelati e salse fatti in casa, in città è molto difficile e non tutti hanno la nonna che spedisce i vasetti di sugo casalingo dal sud, ma un sugo di pomodoro genuino può essere fatto tranquillamente tagliando pomodorini freschi e saltandoli leggermente in padella o frullandoli con un mixer. Anche il pesto può essere preparato velocemente a casa frullando un po’ di basilico, una manciata di pinoli, olio extra vergine di oliva, e parmigiano.

I consigli per mangiare fuori casa e restare in forma

8 Formaggi filanti

I formaggi filanti come le sottilette contengono in minime percentuali il formaggio e una grande quantità di conservanti. Quando si consumano con frequenza questi prodotti il rischio di malattie aumenta. Infatti impediscono una corretta fissazione del calcio. Se adori i formaggi, che di per sé non sono “healthy”, cerca di consumarne solo 2-3 di porzioni settimanali. Se vuoi preparare un cheeseburger taglia a fette sottili un formaggio semigrasso e scioglilo in cottura, è un ottimo sostituto.

9 Cibi confezionati, piatti pronti, impanati, surgelati, pre-fritti

I cibi confezionati sono preparati con ingredienti di qualità inferiori rispetto a quelli freschi. Sono ricchi di grassi, sale e additivi vari. Controlla sempre le etichette, queste riportano tutti gli elementi presenti in ordine decrescente, partendo dall’ingrediente principale a quello con dosaggio minore. Evita quelli che contengono sostanze come: diacetile, un aroma del burro, o sorbato di potassio, elemento chimico usato per prolungare la conservazione. L’alternativa migliore è cucinare, puoi scegliere gli ingredienti e avere il giusto apporto di vitamine, minerali, fibre e antiossidanti.

10 Bibite gassate, alcool ed energy drink

Le bibite gassate, l’alcool e gli energy drink contengono zucchero, coloranti artificiali e additivi di ogni genere. Usa la creatività e sostituisci le bibite gassate con dell’acqua minerale alla quale puoi aggiungere aromi come limone menta e basilico o frutta fresca. Al posto dei super alcolici invece, scegli un buon bicchiere di vino rosso.

10 cibi da evitare

Unsplash foto di kate hliznitsova

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo. E tu?

  • I cibi molto raffinati, quelli precotti, ricchi di zuccheri, aromi, coloranti, conservanti o additivi per migliorare la consistenza sono tipici esempi degli alimenti che dovresti limitare o escludere dalla tua dieta.
  • Il cambiamento climatico ormai evidente, ma l’impatto ambientale negativo sul pianeta non è causato solo dalla combustione del petrolio. Un rapporto delle Nazioni Unite del 2019 sostiene che la transizione verso le energie rinnovabili non sarebbe sufficiente a salvare il nostro pianeta. Infatti ciò che ha un peso altrettanto importante è il cibo. Una dieta a base vegetale, è fondamentale per salvare l’umanità da fame, scarsità di energia e dall’impatto peggiore del surriscaldamento globale.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.