Le migliori lenzuola per il tuo letto: quali tessuti scegliere?

Per dormire bene, oltre a un buon letto, servono tessuti di qualità. Quali sono i materiali da scegliere per le migliori lenzuola possibili?

Tessuti per l’arredo: tende per la casa moderna, quali stoffe scegliere?

Come scegliere le migliori lenzuola

Le lenzuola di qualità decretano un riposo ottimo. Il loro valore dipende principalmente dalla lunghezza della fibra, da cui dipende anche lo spessore del filato. Più sono lunghe le fibre, più il filato è sottile, quindi pregiato.

Bisogna quindi guardare alla lavorazione e alla trama, oltre al numero di fili del tessuto, il Thread Count (TC). Questo si calcola per centimetro quadrato o pollice quadrato di tessuto. Di seguito sono riportate le misure di riferimento:

  • 19 fili/cm² (140TC) qualità standard
  • 28 fili/cm² (180TC) buona qualità
  • 31 fili/cm² (200TC) alta qualità
  • 62 fili/cm² (400TC) qualità superiore
  • 62+ fili/cm² (400+TC) qualità extra lusso

Quali tipi di tessuto scegliere per le migliori lenzuola della camera da letto

Vediamo quindi i tessuti più utilizzati per rendere più confortevole la zona notte.

migliori lenzuola - tessuti ideali

Le migliori lenzuola per il tuo letto quali tessuti scegliere- Shutterstock1832271592 di Kostikova Natalia

Il cotone per tutto

Si tratta di uno dei materiali più utilizzati. Con la sua versatilità e le proprietà termiche è perfetto per ogni stagione. Sa essere fresco d’estate e caldo d’inverno. È un materiale molto comune, per cui anche il costo delle lenzuola è contenuto. Il cotone inoltre, dura molto e solitamente non provoca reazioni allergiche. Il cotone grezzo, molto diffuso in passato ed economico, è stato abbandonato per la sua superficie ruvida.

Il lino per le lenzuola

Le lenzuola in lino venivano utilizzate già oltre duemila anni fa. È ideale per l’estate perché è traspirante e permette al calore di disperdersi per mantenere il corpo sempre fresco.

Il lusso della seta

Le lenzuola di seta richiamano il lusso e sulla pelle sono delicate e morbide. Sono le più belle ma anche le più costose e difficili da lavare perché c’è il rischio di danneggiarle. Ideali sia in estate che in inverno.

Il raso elegante

Simile alla seta, un tempo era fabbricato solo con questo materiale ma ora ci si avvale anche di materiali sintetici per la realizzazione. È necessaria una lavorazione finale per dargli il tipico aspetto lucido e il costo del raso varia a seconda del filato originario.

Il calore della flanella

La flanella tiene al caldo e per questo molto utilizzata in inverno. L’effetto sulla pelle è morbido e accogliente ed è realizzato a partire dalla lana o dal cotone. Ha un costo molto contenuto.

I tessuti misti

Le lenzuola in materiale sintetico sono molto utilizzate soprattutto per la loro economicità. Di contro però, non sono sempre comodissime e rischiano di diventare urticanti per la pelle. Inoltre, non offrono traspirazione e per questo non sono particolarmente indicati per la salute dell’epidermide. Il misto lino è una buona soluzione perché il costo non è eccessivo e la resistenza è ottimale.

Il percalle vellutato

Un tessuto di sottili filati di cotone pettinato o poliestere. È un materiale costoso e pregiato. La sua qualità però varia in presenza di poliestere o se il cotone non è di prima scelta. Ideale in ogni stagione, riesce a essere delicato per la sua morbidezza in superficie.

Camera da letto: colori e complementi che accendono eros e passione

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Per il lavaggio delle lenzuola la lavatrice dev’essere quasi vuota per non stropicciare troppo i capi e detergerli meglio. Con un paio di palline da tennis all’interno della lavatrice le lenzuola saranno più soffici e con meno pieghe.
  • I prodotti di qualità non necessitano di ammorbidenti. L’utilizzo potrebbe rovinare la tramatura e irritare la pelle.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Written by

Sono laureata in giornalismo e lavoro come redattrice, traduttrice e copywriter. Mi piace parlare di tutto con approccio scientifico, soprattutto di enogastronomia. Scrivo di moda e la creo (sono anche ricamatrice e modellista sartoriale).