Pillole di Storia nel Design: la serie Up di Gaetano Pesce

Uno degli esponenti italiani del design radicale è proprio Gaetano Pesce, artista sperimentale che vede nel design un mezzo per esprimere emozioni e pensieri, spirito del design avanguardista. Dalle sue continue ricerche nasce la serie Up, in produzione dal 1969.

La sorpresa della serie Up

Anche conosciuta come Up chair, la poltrona di Gaetano Pesce è uno dei prodotti di design industriale italiano più famosi al mondo. Racchiude in sé l’estetica di un’opera d’arte al contempo funzionale e una morbida forma realizzata con sapiente tecnica.

Totalmente composta in schiuma di poliuretano flessibile, materiale studiato e molto utilizzato da Pesce, risulta molto adatto alla produzione in serie e anche di facile lavorazione. Infine è ricoperta da tessuto elastico.

La più famosa è l’Up5, poltrona venduta in sottovuoto, all’interno di una busta. Il rivestimento interno della confezione era in PVC. La sorpresa arriva nel momento in cui si apre l’involucro. Difatti l’aria, a contatto con il poliuretano, ne permette il rigonfiamento, facendo crescere la seduta fino alla sua forma originale.

Questo confezionamento e presentazione rendono ancor più accattivante il prodotto, suscitando stupore nell’acquirente.

Pillole di Storia nel Design: le Derive Artistiche di Ron Arad

La collaborazione che dà il via al progetto

Il disegno della serie Up creato nel 1969 da Pesce, in realtà nasce da una lunga collaborazione e sperimentazione con l’azienda C&B (Cassina & Busnelli), successivamente rinominata B&B Italia. La scelta ricade proprio sul poliuretano, materiale molto usato negli anni ’60/’70. Per quanto riguarda l’idea alla base del progetto, Gaetano Pesce parte sempre dalla sua vena artistica nel creare gli oggetti. E la serie Up non ne è esclusa.

Con C&B, Pesce lavora a 2 concept in fase progettuale della serie Up, 1968:

  1. Vela: improntato sull’ergonomia e lo stile della serie Up5. Un concept formale.
  2. Yeti: al contrario, è concettuale, legato all’ambiente e alle idee che portano alla realizzazione della poltrona.

Pillole di Storia nel Design: le Sedute Pubbliche di Diana Cabeza

La serie Up di Gaetano Pesce

I prodotti del designer genovese non riguardano solo poltrone, ma anche pouf da accompagnamento. La famiglia della serie Up include 7 prodotti, tutti numerati, dalla Up1 fino alla Up7.

UP1

La spartiacque da cui derivano le altre poltrone della serie. Si tratta di una poltrona tondeggiante, bassa, che ricorda un globulo rosso. È uno dei modelli più venduti e famosi al pari della Up5.

UP2

Questa seduta è un pouf, che ricorda le sembianze della precedente. La forma, a differenza del progetto, è stata riadattata per renderla più fruibile e comoda.

Up3

Simile sempre alla Up1, si scosta in forma e dimensione. È leggermente elevata rispetto al pavimento e sono stati aggiunti due decorazioni frontali.

serie Up di Gaetano Pesce

La serie ‘Up’ di Gaetano Pesce – Pierluigi.Palazzi per shutterstock

UP4

La Up4 è un divano a 2 posti, molto compatto.

UP5

L’icona della serie Up di Gaetano Pesce non è una semplice seduta. È un manifesto. Chiamata anche ‘Donna’ simboleggia il grembo materno, che protegge. Anche le sue forme evocano tale sentimento e riecheggiano alla fertilità e all’abbondanza delle forme.

In alto, le protuberanze richiamano i seni, mentre la parte inferiore le cosce, come per essere avvolti da un abbraccio materno al sedersi sopra.

Oltre a rappresentare una ode alla donna-madre, la Up5 è proprio una critica alla società che sottomette le stesse e per le difficoltà che devono affrontare per la propria affermazione.

UP6

Sostanzialmente è una palla sferica rivestita che funge da poggiapiedi, ed è legata alla poltrona Up5. È un suo continuo. Ha 2 significati:

  1. metafora di una palla pesante che, legata alla donna-poltrona, simboleggia il peso della vita e le sue fatiche.
  2. È la figlia legata tramite il cordone ombelicale.

UP7

Si differenzia dalle altre 6 per essere più di stampo classico e di differente sviluppo progettuale. Ha la forma di un piede umano che, grazie al materiale soffice, si trasforma in una seduta efficiente.

La serie Up come elemento decorativo

Tra tutte, quella che ha avuto più successo e che è stata decretata come simbolo del design radicale degli anni ’70, è proprio la Up5. Prodotta nel 1969 dalla società C&B viene lasciata in commercio per un breve periodo, fino al 1973.

Questa celebre seduta viene esposta e utilizzata nei set fotografici o come scenografia. Inoltre è esposta come collezione permanente in vari musei, fra cui

Nel 2000, il nuovo volto della B&B Italia, ripropone un’edizione rinnovata e limitata delle sedute. Introducono nuovi tessuti di rivestimento e nuovi colori.

Pillole di Storia nel Design: Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Le dimensioni della Up5 sono di 420 mm di altezza seduta, 670 mm di altezza braccioli, 1030 mm di altezza schienale, mentre in larghezza sono 1200 mm per una profondità di 1300 mm.
  • Nell’imballaggio originale, il sistema sottovuoto, permetteva di risparmiare il 90% dello spazio.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Interior-Garden designer& Web project